Contributi comunitari

Azione 4.1.1 del POR FESR 2014-2020 – Bando approvato con DGR n. 1055 del 2016


Nell’ambito dell’Azione 4.1.1 del POR FESR 2014-2020 dedicata alla “Promozione dell’eco-efficienza e riduzione dei consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche o ad uso pubblico, residenziali e non residenziali e integrazione di fonti rinnovabili”, con DGR n. 1055 del 2016 è stata emanato l’avviso pubblico per il sostegno mediante procedura a sportello di interventi realizzati da enti locali per l’efficientamento energetico di edifici di proprietà pubblica a destinazione non residenziale.


Azione 5.3.2 del POR FESR 2014-2020 – Bando approvato con DGR n. 1057 del 2016


Nell’ambito dell’Azione 5.3.2 del POR FESR 2014-2020 dedicata agli “Interventi di messa in sicurezza sismica degli edifici strategici e rilevanti pubblici ubicati nelle aree maggiormente a rischio”, con DGR n. 1057 del 2016 è stato emanato l’avviso pubblico per il sostegno mediante procedura a bando di interventi strutturali realizzati da enti pubblici per il miglioramento sismico e adeguamento sismico relativo a costruzioni pubbliche strategiche e rilevanti.
 

Controllo amministrativo documentale di primo livello


Tra le attività della SRA rientra anche il controllo amministrativo documentale di primo livello con particolare riguardo alla regolarità delle procedure osservate in materia di contratti pubblici, la cui istruttoria prevede anche la redazione di check-list per ciascun contratto concluso dai soggetti beneficiari dei contributi comunitari per l’attuazione degli interventi finanziati.
A tal riguardo si evidenzia che l’art. 2 del regolamento CE 1303/2013 definisce “irregolarità” qualsiasi violazione del diritto dell’Unione o nazionale, derivante da un’azione o un’omissione di un operatore economico coinvolto nell’attuazione dei fondi SIE (fondi strutturali e di investimento europei) che abbia o possa avere come conseguenza un pregiudizio al bilancio dell’Unione mediante l’imputazione di spese indebite al bilancio dell’Unione;
La Commissione Europea, con comunicazione (COCOF) n. 07/0037/03-IT del 29/11/2007 recante gli “orientamenti per la determinazione delle rettifiche finanziarie da applicare alle spese cofinanziate dai fondi strutturali e dal fondo di coesione in occasione del mancato rispetto delle norme in materia di appalti pubblici”, in relazione ai contratti non sottoposti o parzialmente sottoposti alle direttive comunitarie, indica che “le disposizioni e i principi del Trattato si applicano anche agli appalti pubblici che esulano del campo di applicazione delle direttive comunitarie in materia di appalti pubblici”, ed inoltre, “che rettifiche finanziarie devono essere applicate alle irregolarità rilevate nei contratti non sottoposti o sottoposti parzialmente alle direttive comunitarie”;
Infine, con decisione C(2013) 9527 del 19/12/2013, la Commissione Europea ha definito gli “orientamenti per la determinazione delle rettifiche finanziarie da applicare da parte della Commissione sulle spese finanziate dall’Unione nell’ambito della gestione condivisa, in caso di mancato rispetto delle norme in materia di appalti pubblici”;
Allo scopo di offrire ai beneficiari di contributi FESR alcuni orientamenti operativi sulle modalità di condotta del controllo amministrativo documentale di primo livello, di seguito sono pubblicati gli schemi di check-list formulati dall’Autorità di Gestione del POR FESR durante la programmazione 2007-2013 sulla base del D.Lvo 163/2006, in attesa dell’aggiornamento degli stessi al nuovo codice dei contratti pubblici, D.Lvo 50/2016.
 

 



Data ultimo aggiornamento: 20/03/2017