Sportello Unico per le Attività Produttive e l'Edilizia.

SUAPED, acronimo di Sportello Unico per le Attività Produttive e l’EDilizia, è un sistema per la gestione dei procedimenti di Sportello Unico e la pubblicazione su web di tutte le informazioni connesse, attraverso un portale unico regionale, per l’accesso da parte di cittadini, aziende e professionisti.

Argomenti nella pagina:

  • Le funzionalità del servizio al cittadino e alle imprese
  • I vantaggi per la Pubblica Amministrazione
  • Come aderire al progetto
  • Caratteristiche del progetto
  • Storia del progetto

=>  Scarica la scheda tecnica di SUAPED [file pdf 250 Kb]
=>  Accedi al portale SUAPED

Le funzionalita’ del servizio al cittadino e alle imprese

L'utente finale, sia esso cittadino, impresa o professionista, può accedere al sistema in modalità “anonima”, per la consultazione di informazioni, oppure “registrata” per interagire fattivamente con uno Sportello comunale. In generale sono disponibili le seguenti funzionalità: 

  1.  Accesso agli archivi di normative e procedimenti
  2. Presentazione di richiesta di avvio pratica
  3.  Invio dei documenti a corredo della pratica
  4. Consultazione on-line dello stato per le pratiche presentate
  5.  Ricezione delle autorizzazioni
  6.  Recupero informazioni sullo Sportello Unico
  7.  Forum di discussione
  8.  Servizi di Help Desk

1.  Accesso agli archivi di normative e procedimenti
Ogni utente può accedere alle normative, regolamenti e procedimenti che gli Sportelli comunali pubblicano sul portale, nonché acquisire informazioni sugli adempimenti relativi alle pratiche da presentare con possibilità di scaricare la modulistica richiesta. 

2.   Presentazione di richiesta di avvio pratica
Ogni utente, previa registrazione al portale, può richiedere allo Sportello Unico di avviare una pratica senza recarsi materialmente presso gli uffici preposti.  

3.   Invio dei documenti a corredo della pratica
Contestualmente alla richiesta è possibile allegare in modo telematico i documenti richiesti per l’avvio della pratica grazie all’uso delle tecnologie per la firma digitale che ne assicurano piena validità legale.  

4.   Consultazione on-line dello stato per le pratiche presentate
Sono disponibili gli elenchi delle pratiche gestite dallo sportello e ogni pratica avviata è consultabile, dai relativi intestatari, per verificarne lo stato di avanzamento in relazione alle varie fasi che intervengono nel procedimento. 

5.   Ricezione delle autorizzazioni
La Pubblica Amministrazione può inviare all’utente gli atti, le autorizzazioni e altri documenti, inerenti la pratica presentata, aventi validità legale grazie all’utilizzo della firma digitale.  

6.   Recupero informazioni sullo Sportello Unico
E’ possibile ottenere informazioni di base sullo Sportello Unico del proprio comune (indirizzo, orario uffici, referenti, …) e accedere anche ad un’area dedicata alle news. 

7.   Forum di discussione
E’ uno strumento di “community” con il quale gli utenti del portale possono scambiare esperienze e conoscenze. 

8.    Servizi di Help Desk
E’ disponibile un servizio di Call Center integrato a livello regionale per il supporto agli utenti su questioni amministrative e/o procedurali di tipo generale.

Un’apposita sezione di FAQ (Frequently Asked Questions) consente di visionare le risposte alle domande più comuni poste dagli utenti.

Inoltre, ciascuno Sportello comunale fornisce informazioni più specifiche relativamente alle modalità di gestione dei propri procedimenti.

I canali per accedere al Call Center sono i seguenti:
Telefono : 800.914.708
Fax : 800.916.074
E-mail : 
call.center@regione.veneto.it

I vantaggi per la pubblica amministrazione 

La Regione del Veneto, in linea con le iniziative da tempo intraprese a favore  dell’informatizzazione degli enti locali nell’ambito della Legge 54/88, mette gratuitamente a disposizione dei comuni la soluzione per la gestione dello sportello unico.
 

Come aderire al progetto

I rapporti tra Amministrazione regionale ed Enti aderenti sono disciplinati da una convezione che gli enti stessi dovranno sottoscrivere.

Gli enti interessati all’adozione di tale soluzione dovranno rivolgersi alla Direzione Sistemi Informativi della Regione Veneto per poter usufruire del servizio.
Eventuali informazioni di carattere generale possono essere richieste inviando una mail a:
sportellounico@regione.veneto.it

Tra le principali funzionalità a disposizione degli operatori di back-office (comuni e/o enti pubblici) sono da ricordare: 

  1.  Configurazione e gestione dello sportello
  2. Personalizzazione dei procedimenti
  3. Gestione del procedimento e tempistica del processo
  4. Comunicazione via mail con utenti/enti
  5.  Partecipazione degli enti terzi nelle fasi intermede del processo
  6.  Scambio di documentazione tra amministrazioni coinvolte
  7.  Gestione della Conferenza di Servizi

 1.  Configurazione e gestione dello sportello
Ogni responsabile di Sportello comunale può manutenere il proprio ambiente aggiornando le informazioni di base, pubblicando sul portale normative e adempimenti necessari, definendo le modalità di gestione delle pratiche, abilitando gli utenti registrati, etc. 

2.   Personalizzazione dei procedimenti
Ciascuno sportello, oltre a poter definire la composizione di nuovi procedimenti specifici, ha a disposizione una serie di procedimenti “standard” e modulistica relativa che può personalizzare in base alle sue particolari esigenze riducendo così i tempi di gestione. 

3.  Gestione del procedimento e tempistica del processo
Tutte le fasi del flusso documentale, dalla ricezione della richiesta all’avvio della pratica, dalla richiesta di parere verso enti terzi fino alla chiusura del procedimento, sono gestite attraverso il portale. 

4.  Comunicazione via mail con utenti/enti
Ciascuna fase del processo ove sia necessario comunicare qualche evento (avvio pratica, richiesta parere, …) è realizzata attraverso l’invio di mail personalizzabili nel contenuto sia verso utenti finali (cittadini, imprese) sia verso enti terzi. 

5.  Partecipazione degli enti terzi nelle fasi intermede del processo
Le amministrazioni locali interessate dal procedimento per l’espressione del proprio parere possono utilizzare specifiche funzionalità dello sportello per registrare nel processo le loro decisioni. 

6.  Scambio di documentazione tra amministrazioni coinvolte
Lo scambio di informazioni tra lo sportello comunale e gli enti coinvolti nel procedimento può avvenire anche con firma digitale che ne garantisce validità legale. 

7.  Gestione della Conferenza di Servizi
E’ disponibile per le amministrazioni comunali la funzionalità di gestione delle Conferenze di Servizi che si rendessero necessarie durante l’iter della pratica.
 

Caratteristiche del progetto

L’erogazione dei servizi telematici avviene in modalità ASP (Application Service Provider) attraverso il portale multiservizi del Centro Sviluppo Servizi Territoriali della Regione Veneto (CSST) e si appoggia ad un data center unico della Regione Veneto che ospita applicazioni e basi di dati.
L’accesso al sistema e l’interazione tra gli utenti avviene attraverso la rete Internet: pertanto l’unico requisito per gli utenti è disporre di un personal computer collegato ad Internet ed eventualmente un kit per la firma digitale.
La sicurezza ed integrità del sistema sono garantite da una gestione professionale del data center e dall’attuazione di tutte le necessarie strategie di difesa: backup, firewall, sistemi antincendio e anti-intrusione, gruppi di continuità e gruppi elettrogeni.
Lo Sportello Unico è integrato con GPE, l’applicativo di gestione delle pratiche edilizie distribuito dalla Regione del Veneto, ma sarà possibile realizzare scambi di dati con altri gestionali in uso presso le amministrazioni, a patto che tali software siano in linea con le linee guida nazionali in tema di interoperabilità e cooperazione applicativa (Porte di Dominio). 
 

Storia del progetto

SUAPED, identifica un progetto che la Regione del Veneto ha presentato in risposta all’Avviso per la selezione dei progetti sull'attuazione dell'e-government (G.U. serie generale n. 78 del 3 aprile 2002), pubblicato dal Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie in linea con quanto espresso nel DPCM 14 febbraio 2002.

Il progetto SUAPED si inserisce nel contesto generale tracciato dai diversi documenti pianificatori elaborati sia a livello nazionale, sia a livello regionale:

  • Piano Nazionale di Azione di e-Government
  • Piano di Sviluppo Informatico e Telematico della Regione del Veneto
  • Piano di Sviluppo della Società Veneta dell'Informazione

Il progetto, iniziato il 18/3/2003 e conclusosi formalmente il 15/3/2005, viene attualmente finanziato interamente dalla Regione Veneto.
 



Data ultimo aggiornamento: 21/05/2015

Social Media


Data ultimo aggiornamento: 09/02/2017