Il latte antiossidante omega 3

06/10/2015



Il latte antiossidante omega 3: dalle stalle targate QV un aiuto a star bene.

Il latte veneto di qualità è ricco di omega 3. La scoperta è stata annunciata a Expo 2015, nel padiglione del Veneto, dai tecnici delle filiere lattiero-casearia e zootecnica, presentando le novità dei disciplinari che regolano la produzione del latte QV, cioè a qualità verificata.

Nelle stalle contrassegnate dal logo QV, qualità certificata, i semi di lino sono entrati nella dieta delle vacche da latte . E si è così potuto verificare che il latte prodotto è diventa ricco di omega 3, cioè di quei particolari acidi grassi che favoriscono la diminuzione dei trigliceridi e del colesterolo ‘cattivo’ e aiutano a prevenire le patologie degenerative, specie quelle cardiache, e diminuire la pressione alta.

Recenti studi condotti dal Dipartimento di biomedicina comparata dell’Università di Padova, hanno infatti dimostrato che l’aggiunta di lino estruso alla dieta di vacche in lattazione ha favorito un miglioramento significativo del contenuto di omega-3 del latte. Sulla base di questi risultatati il disciplinare QV del Veneto consiglia di includere almeno 250 g/capo/giorno di lino nella dieta delle bovine. I semi di lino sono antiossidanti e contengono inoltre, nel guscio, i lignani vegetali, fitoestrogeni, caratterizzati da un'ampia gamma di attività biologiche, comprese quelle antiossidanti. Gli effetti positivi si osservano sia in termini di riduzione dello stress ossidativo, soprattutto nella fase del per-parto e nel miglioramento della fertilità delle bovine.

Il progetto ‘Omega 3’ è la punta di diamante dei disciplinari di qualità verificata (QV) messi a punto dalla regione Veneto, con l’ausilio dei tecnici di Veneto Agricoltura. “Investire su qualità e ricerca è la nostra ricetta per superare la crisi”, afferma l’assessore all’Agricoltura del Veneto Giuseppe Pan. “Il lattiero-caseario è infatti uno dei comparti maggiormente interessati dalla crisi dei mercati causata dalla globalizzazione”.

Il Veneto è il terzo produttore in Italia di latte e formaggi, alle spalle di Lombardia ed Emilia-Romagna, con 3379 aziende, oltre 11 milioni di tonnellate di latte (pari al 10% del totale nazionale) e circa 450 milioni di euro in valore. L’85% del latte prodotto in Veneto diventa formaggio: per il 60 per cento sono formaggi a denominazione di origine protetta rappresentano il 17 % dei Dop prodotti in Italia), per il 25 % sono formaggi tipici.

Il Veneto si contraddistingue a livello europeo per la sua elevata specializzazione aziendale e per l’utilizzo di razze da latte ad alta produttività (Frisona italiana e Bruna italiana su tutte, capaci di produrre oltre 90 q.li di latte annuo per capo la prima e quasi 80 q.li la seconda) ma anche per l’alimentazione ad alto valore energetico. Un settore, dunque, strategico per l’economia agricola veneta, che però l’attuale grave crisi di mercato che sta scuotendo l’Unione Europea rischia di minare in profondità.
(Milano, 5 ottobre 2015)

Archivio News
Notizia del 30/04/2018

Intesa regionale per gli investimenti

30/apr/2018 | Approvata la conclusione dell’Intesa regionale per gli investimenti degli enti territoriali per il 2018

Notizia del 25/01/2018

Complesso immobiliare denominato "Castello del Catajo"

25/gen/2018 | Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo " Comunicazione di avvio del procedimento"

Notizia del 08/11/2017

Docenza in materia di contratti pubblici

08/nov/2017 | Costituzione di una 'long list' per il conferimento di incarichi

Notizia del 12/09/2017

Informazioni utili in caso di incidente stradale causato da animali selvatici

12/set/2017 | On line la modulistica per accedere ai rimborsi

Notizia del 11/09/2017

Acquisti verdi

11/set/2017 | On line il sito dedicato al Green Public Procurement della Regione del Veneto