vai al contenuto principale
Archivio News
Notizia del 24/10/2018

Informazioni utili in caso di incidente stradale causato da animali selvatici

24/ott/2018 | On line la modulistica per accedere ai rimborsi

Notizia del 20/10/2018

Referendum consultivo per l'indipendenza del Veneto. Modalità per la restituzione delle somme versate

20/ott/2018 | Modalità per la restituzione delle somme versate

Notizia del 28/08/2018

Legge regionale 03 novembre 2017, n. 39

28/ago/2018 | Norme in materia di edilizia residenziale pubblica

Notizia del 13/06/2018

Canoni Demaniali

13/giu/2018 | E' disponibile il pagamento on line attraverso la procedura MyPay

PROFUGHI RESPINTI AL BRENNERO: ZAIA, “SBERLEFFO EUROPEO, ECCO I RISULTATI DEL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA. ROMA ABBIA LA DIGNITA’ DI REAGIRE. SUBITO BLOCCO NAVALE”

09/03/2015
“Ecco il massimo risultato ottenuto dal semestre di Presidenza Italiana dell’Ue: sberleffi, parole suadenti accompagnate da schiaffi potenti. Così non può andare avanti. L’Italia attui subito, anche con le sue sole forze, il blocco navale a difesa dei nostri confini”.

Con queste parole il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia commenta il respingimento alla frontiera del Brennero, da parte della polizia austriaca, di 14 profughi che, intercettati a bordo di un treno diretto in Germania, sono stati bloccati e consegnati alle autorità italiane.

“Il messaggio che arriva dal Brennero – aggiunge Zaia – è forte e chiaro: cara Italia, accontentati dell’elemosina  di qualche milione di euro di Frontex, ma poi i profughi sono affar tuo. Mi auguro che qualcuno a Roma abbia la dignità di reagire a questa umiliazione, perché gli italiani, i Veneti di sicuro, sono stufi di far la figura dei ‘becchi e anche bastonati’ e di prendersi dei razzisti, quando il razzismo vero viene dall’Europa e da episodi come quello del Brennero, che non è il primo e temo non sarà l’ultimo”.

“Un motivo in più – conclude Zaia – per ribadire il più secco no del Veneto ad altri arrivi sul nostro territorio. Non siamo razzisti, ma nemmeno scemi”.