SICUREZZA. ZAIA: ESERCITO SI’ PER ANTITERRORISMO, NO PER ANTICRIMINE. DUE PESI E DUE MISURE. VERGOGNA

12/02/2015
“Mentre le cronache registrano anche ieri 21 reati commessi nel Veneto, veniamo a sapere che l’Esercito può essere usato (ad esempio a Verona), ma solo in chiave di antiterrorismo nei cosiddetti siti sensibili. Stento a crederci. Il rischio terrorismo è assolutamente reale; lo è anche la quotidiana criminalità, ma si usano due pesi e due misure. Intanto, invece che ricevere un aiuto per presidiare il territorio, le Forze dell’Ordine, poche, mal equipaggiate e mal pagate, vengono lasciate sole a combattere una battaglia impari contro delinquenti incalliti, rapinatori violenti, ladri, ladruncoli, truffatori, balordi di ogni genere e tipo. Il tutto mentre leggi colabrodo che nessuno ha il coraggio di riformare costringono la Magistratura a rimettere in libertà chi invece dovrebbe stare in carcere e decreti governativi svuotano le carceri di quelli che ci sono. L’unico commento adatto è: vergogna”.

Con queste parole il Presidente della Regione Luca Zaia torna a invocare l’utilizzo dell’Esercito in appoggio alle Forze dell’Ordine per fronteggiare la criminalità che ogni giorno fa registrare numerosi episodi in tutto il Veneto.

“Non ho un sondaggio che mi dica se la gente ha più paura di un attentato dell’Isis o di trovarsi una pistola puntata in faccia mentre dorme in casa o un coltello sulle reni mentre cammina per strada, come è capitato a un pensionato di Este, che si è difeso e si è beccato una coltellata rimanendo ferito – incalza Zaia – ma queste due realtà vanno affrontate con la medesima decisione e attenzione perché fanno parte di un quadro unico: garantire la sicurezza alla gente, che si sente abbandonata e sempre di più affida ai mass media o a mail che ricevo anch’io il proprio grido di aiuto. Io dò loro voce, a Roma facciano il loro dovere, perché solo il Governo nazionale ha i poteri per farlo, le Regioni no”.

Zaia prosegue con l’ormai consueto “pro memoria – lo definisce – per i dormienti e i distratti”.

“ Ieri in Veneto 21 crimini – segnala Zaia-  dei quali sette a Padova, cinque a Treviso, quattro a Venezia, tre a Vicenza, due a Rovigo. Nel Padovano, il pensionato di Este che ha rischiato la vita; due assalti ai bancomat a Vigodarzere e Piove di Sacco; raffica di quattro furti sui Colli tra Teolo e Montegrotto. Nel Trevigiano un anziano di San Zeno, quartiere del capoluogo, trova i ladri in casa e riesce a cacciarli a bastonate (eroico); colpo in un night a Preganziol dove ha preso il volo l’incasso; terzo colpo al bar Globus di Santa Lucia, dove il titolare decide di dormire nel locale per tentare di difendersi; ladri anche all’Alti e Bassi di San Vendemiano e cassa volatilizzata; a Maserada i ladri hanno rubato addirittura degli alberi nell’area ‘Parabae’. Nel Veneziano è stato clonato per la seconda volta in una settimana il bancomat della stazione ferroviaria di Santa Lucia; svuotata la casa di un’anziana di Malcontenta che, già impaurita, dormiva dalla figlia; a San Donà cresce il fenomeno dei mendicanti romeni molesti e la gente ha paura; a Spinea il custode del parco Nuove Gemme continua a ricevere misteriosi e preoccupanti atti intimidatori. Nel vicentino un immigrato egiziano, già noto alle Forze dell’Ordine, dopo un furto torna libero, ma spuntano altri colpi; un cittadino di Montegalda ha trovato i ladri rientrando in casa; uno di Torrebelvicino è stato aggredito a sprangate in un episodio dai contorni ancora oscuri. In Polesine i ladri si sono portati a casa la cassa ticket dell’Ulss di Adria; e una tabaccaia è stata scippata a Occhiobello”.
Archivio News
Notizia del 28/08/2018

Legge regionale 03 novembre 2017, n. 39

28/ago/2018 | Norme in materia di edilizia residenziale pubblica

Notizia del 27/08/2018

Designazione dei rappresentanti delle associazioni nella Consulta dei parchi regionali

27/ago/2018 | Pubblicato l'avviso. Scadenza 10 settembre 2018

Notizia del 13/06/2018

Canoni Demaniali

13/giu/2018 | E' disponibile il pagamento on line attraverso la procedura MyPay

Notizia del 30/04/2018

Intesa regionale per gli investimenti

30/apr/2018 | Approvata la conclusione dell’Intesa regionale per gli investimenti degli enti territoriali per il 2018

Notizia del 25/01/2018

Complesso immobiliare denominato "Castello del Catajo"

25/gen/2018 | Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo " Comunicazione di avvio del procedimento"