Archivio Comunicati
Notizia n. 1659 del 13/10/2019

SANITA’. DOMANI ALLE 11.30 ZAIA ALL’OSPEDALE DI CASTELFRANCO (TV) PER LA CESSIONE DALL’ULSS 2 ALLO IOV DEI TERRENI PER COSTRUIRE I BUNKER DI RADIOTERAPIA

13/ott/2019 | SANITA’. DOMANI ALLE 11.30 ZAIA ALL’OSPEDALE DI CASTELFRANCO (TV) PER LA CESSIONE DALL’ULSS 2 ALLO IOV DEI TERRENI PER COSTRUIRE I BUNKER DI RADIOTERAPIA

Notizia n. 1658 del 12/10/2019

TURISMO. VENETO IL PIU’ AMATO DAGLI STRANIERI NEL 2019. ZAIA, “MERITO DI GRANDI UOMINI E OPERATORI CHE HANNO PORTATO LE NOSTRE BELLEZZE NEL MONDO FIN DA QUANDO VIAGGIAVANO CON LA VALIGIA DI CARTONE E INTERNET NON C’ERA”

12/ott/2019 | TURISMO. VENETO IL PIU’ AMATO DAGLI STRANIERI NEL 2019. ZAIA, “MERITO DI GRANDI UOMINI E OPERATORI CHE HANNO PORTATO LE NOSTRE BELLEZZE NEL MONDO FIN DA QUANDO VIAGGIAVANO CON LA VALIGIA DI CARTONE E INTERNET NON C’ERA”

Notizia n. 1657 del 12/10/2019

TRASPORTI. ASSESSORE DE BERTI: “GIOVEDÌ PROSSIMO A ROMA

12/ott/2019 | TRASPORTI. ASSESSORE DE BERTI: “GIOVEDÌ PROSSIMO A ROMA INCONTRO CON RFI PER LE OPERE DI POTENZIAMENTO DELLA RETE FERROVIARIA VENETA”

Notizia n. 1656 del 12/10/2019

TUTELA DEI CONSUMATORI. GIUNTA APPROVA PROGRAMMA GENERALE DI INTERVENTO PER POTENZIAMENTO SPORTELLI AL CITTADINO. MARCATO, “SOSTEGNO CONCRETO A CULTURA DELLA LEGALITA’ E SENSIBILIZZAZIONE AL CONSUMO”

12/ott/2019 | TUTELA DEI CONSUMATORI. GIUNTA APPROVA PROGRAMMA GENERALE DI INTERVENTO PER POTENZIAMENTO SPORTELLI AL CITTADINO. MARCATO, “SOSTEGNO CONCRETO A CULTURA DELLA LEGALITA’ E SENSIBILIZZAZIONE AL CONSUMO”

Notizia n. 1655 del 11/10/2019

DIFESA DEL SUOLO. PRECISAZIONI IN MERITO A ESCUSSIONE FIDEIUSSIONE CAVA COL CAMPANARO IN COMUNE DI VALSTAGNA (VI)

11/ott/2019 | DIFESA DEL SUOLO. PRECISAZIONI IN MERITO A ESCUSSIONE FIDEIUSSIONE CAVA COL CAMPANARO IN COMUNE DI VALSTAGNA (VI)

COLLEGAMENTO PADOLA – PUSTERIA. BOTTACIN A COMELICO SUPERIORE, “LAVORIAMO PER SOLUZIONE POSITIVA NONOSTANTE LA MIOPIA DEL MINISTRO BONISOLI”

Comunicato stampa N° 1341 del 12/08/2019
(AVN) – Venezia, 12 agosto 2019
 
Gianpaolo Bottacin, assessore regionale all’ambiente con delega alla specificità di Belluno, è salito nuovamente in Comelico per incontrare il sindaco Marco Staunovo Polacco e la Giunta comunale di Comelico Superiore. Sul tavolo dell’incontro al quale hanno partecipato i dirigenti regionali che si occupano di territorio, urbanistica e commissioni VIA e VAS, il tema del collegamento Padola-Pusteria come quello dei vincoli al territorio proposti dal Ministero dei Beni Culturali tramite la Sovrintendenza.
 
“Purtroppo – evidenzia Bottacin - alle mezze parole di apertura pronunciate dal ministro Bonisoli lette sulla stampa locale qualche giorno prima delle elezioni europee, non è seguito alcuna azione. Si confermano, dunque, i dubbi sull’effettiva volontà di procedere da parte del Ministero, sia per quanto riguarda le sue strutture tecniche, che da tempo avevano palesato tante e spesso pretestuose problematicità sul progetto, sia, a questo punto, per quanto riguarda lo stesso vertice politico-amministrativo.”
 
“Ci aspettavamo una netta presa di posizione del ministro – prosegue l’assessore – ci aspettavamo avesse il coraggio di esprimere con chiarezza un sì o un no. Qui c’è in gioco lo sviluppo di un intero territorio e non si può più tergiversare.”
 
“Bisogna lasciare che la montagna sia gestita dai montanari, – precisa Bottacin – sono i montanari che sanno farlo meglio di chiunque altro perché ci vivono da sempre e conoscono le bellezze del territorio ma anche le mille difficoltà che comporta il viverci. Lo dico in relazione alla proposta di nuovi vincoli ministeriali da applicare all’intera area del Comelico e di Auronzo, aspetto su cui la Giunta regionale si è espressa immediatamente in maniera contraria.” 
 
“Ad ogni modo – conclude Bottacin – noi continuiamo a lavorare con le nostre strutture per accelerare una soluzione praticabile, studiando tutte le possibilità per arrivare a chiudere una partita che, come dimostrato con la manifestazione del 1 giugno, l’intero territorio vuole senza se e senza ma. Sarebbe davvero triste se, proprio in questo momento in cui tutta la montagna dolomitica può tornare a crescere anche e soprattutto grazie alle Olimpiadi di Cortina, una sua parte importante quale è il Comelico ne rimanesse esclusa per la miopia di qualche burocrate romano.”


Data ultimo aggiornamento: 12/08/2019

specificità belluno gianpaolo bottacin ambiente