vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 820 del 22/05/2019

SANITA’. PRESENTATA IN VENETO LA PRIMA MAPPA DELLE DEMENZE D’ITALIA. ASSESSORE REGIONE, “UNA SVOLTA CULTURALE E OPERATIVA”

22/mag/2019 | SANITA’. PRESENTATA IN VENETO LA PRIMA MAPPA DELLE DEMENZE D’ITALIA. ASSESSORE REGIONE, “UNA SVOLTA CULTURALE E OPERATIVA”

Notizia n. 819 del 22/05/2019

PROTEZIONE CIVILE. A TAIBON E AGORDO (BL) SI CHIUDE L’EDIZIONE PRIMAVERILE DI “SCUOLA SICURA VENETO”. ASSESSORE “METODO DIDATTICO COINVOLGENTE CHE AIUTA A DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA”

22/mag/2019 | PROTEZIONE CIVILE. A TAIBON E AGORDO (BL) SI CHIUDE L’EDIZIONE PRIMAVERILE DI “SCUOLA SICURA VENETO”. ASSESSORE “METODO DIDATTICO COINVOLGENTE CHE AIUTA A DIFFONDERE LA CULTURA DELLA SICUREZZA”

Notizia n. 817 del 22/05/2019

LAVORO: PARTE DAL VENETO RICOGNIZIONE ANPAL SUI CENTRI PER L’IMPIEGO – ASSESSORE, “MODELLO INTEGRATO PUBBLICO-PRIVATO UTILIZZATO DA 140 MILA PERSONE L’ANNO, UN BUON ESEMPIO ANCHE PER GESTIRE IL REDDITO DI CITTADINANZA”

22/mag/2019 | LAVORO: PARTE DAL VENETO RICOGNIZIONE ANPAL SUI CENTRI PER L’IMPIEGO – ASSESSORE, “MODELLO INTEGRATO PUBBLICO-PRIVATO UTILIZZATO DA 140 MILA PERSONE L’ANNO, UN BUON ESEMPIO ANCHE PER GESTIRE IL REDDITO DI CITTADINANZA”

Notizia n. 818 del 22/05/2019

METEO: PERMANE LO STATO DI ATTENZIONE PER POSSIBILI FRANE NELLA ZONA DELL’ALPAGO E FINO A DOMANI PER CRITICITA’ IDRAULICA LUNGO L’ASTA DEL FRATTA-GORZONE

22/mag/2019 | METEO: PERMANE LO STATO DI ATTENZIONE PER POSSIBILI FRANE NELLA ZONA DELL’ALPAGO E FINO A DOMANI PER CRITICITA’ IDRAULICA LUNGO L’ASTA DEL FRATTA-GORZONE

Notizia n. 816 del 22/05/2019

TURISMO VENETO PRIMO ANCHE NEL DIGITALE: IL NUOVO PORTALE DELLA REGIONE SI AGGIUDICA A MILANO IL PREMIO BEST PORTAL PROJECT INTERACTIVE KEY AWARD

22/mag/2019 | Presidente Luca Zaia Federico Caner digitale Best Portal Project: è il riconoscimento speciale che sarà assegnato oggi a Milano al nuovo portale del turismo veneto, www.veneto.eu, e consegnato nelle mani dell’Assessore al turismo della Regione del Veneto in occasione della cerimonia per la ventesima edizione dell’Interactive Key Award.

INFLUENZA. NONO REPORT VENETO. IN DISCESA L’INCIDENZA. FINORA 366.000 AMMALATI CON 13 DECESSI. LANZARIN, “PICCO SUPERATO MA CONTINUA MASSIMA ATTENZIONE”

Comunicato stampa N° 278 del 21/02/2019
(AVN) Venezia, 21 febbraio 2019

L’influenza stagionale in Veneto ha raggiunto il suo picco nella settimana a cavallo tra fine gennaio e inizio febbraio ed è iniziata la fase di calo dell’incidenza.
Lo indica il nono Rapporto Epidemiologico della Regione Veneto, elaborato sui dati raccolti dai 116 medici di famiglia che costituiscono la rete “sentinella” sul territorio nella settimana dall’11 al 17 febbraio, e diffuso oggi dall’Assessore alla Sanità, Manuela Lanzarin.
L’incidenza regionale ha fatto registrare una seconda discesa, dopo quella lieve della scorsa settimana, con 9,27 casi per mille abitanti contro il 12,36 precedente il che significa che in questa settimana si sono messi a letto circa 45.500 veneti, numero che sale a 366.000 dall’inizio della sorveglianza (partita a ottobre).
Il virus, si legge nel Rapporto, ha provocato finora 69 casi gravi con complicanze, con 13 decessi, segnalati dall’Ulss Euganea (6), dalla Scaligera (2), Marca Trevigiana (2), Serenissima (1), Polesana (1) e Veneto Orientale (1). Le persone colpite sono state per l’80% maschi, con un’età media di 57,6 anni. Tutti sono stati ricoverati nelle Terapie Intensive degli ospedali.
Come ogni anno, la fascia di età più colpita è quella pediatrica tra 0 e 4 anni, seguita da quella tra 5 e 14 anni , dalla fascia centrale, tra 15 e 64 anni e, da ultima, quella degli over 65.
“Secondo i nostri esperti – fa notare la Lanzarin – si conferma anche in Veneto la fase di discesa, con il picco massimo che sarà, alla fine, tra i più alti degli ultimi anni, ma la situazione, a parte qualche inevitabile e momentanea situazione di stress in alcuni Pronto Soccorso legato anche alla carenza di medici per l’emergenza urgenza, è stata affrontata, e lo sarà fino al termine delle necessità, con efficacia e una buona organizzazione, sia ospedaliera che territoriale. L’attenzione rimarrà alta fino alla fine”.


Data ultimo aggiornamento: 21/02/2019