vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 87 del 22/01/2019

ALLOGGI IN LOCAZIONE TURISTICA. CANER: “IL DISEGNO DI LEGGE CHE DISCIPLINA IL SETTORE STA CONTINUANDO IL SUO ITER: LA REGIONE VUOLE IL ‘CODICE IDENTIFICATIVO’ E LO ISTITUIRÀ”

22/gen/2019 | L’assessore al turismo della Regione del Veneto, Federico Caner, risponde così a Monica Soranzo, presidente di Padova Hotels Federalberghi Ascom e a Patrizio Bertin, presidente dell’Ascom patavina, che polemizzano per il troppo tempo trascorso tra il via libera della Giunta al disegno di legge sulle locazioni turistiche e la definitiva approvazione dello stesso da parte del Consiglio regionale.

Notizia n. 88 del 22/01/2019

CONTRIBUTI ALLA PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA: GIOVEDÌ 24 GENNAIO LA REGIONE VENETO E L’ISTITUTO LUCE CINECITTÀ PRESENTANO A ROMA IL BANDO POR FESR

22/gen/2019 | Giovedì 24 gennaio 2019, alle ore 12:00, a Roma, nella Sala Fellini di Cinecittà-Luce (Via Tuscolana, 1055), in un incontro con gli operatori del settore cinematografico e audiovisivo, promosso dalla Regione del Veneto in collaborazione con l’Istituto Luce Cinecittà, l’assessore regionale alla cultura, Cristiano Corazzari e il presidente dell’Istituto, Roberto Cicutto, presenteranno i contenuti e le modalità di partecipazione e i criteri di valutazione previsti dal bando Por Fesr 2014-2020, che prevede la concessione di contributi a favore della produzione cinematografica.

Notizia n. 86 del 22/01/2019

VENETI NEL MONDO: CONSIGLIO APPROVA PIANO TRIENNALE - ASSESSORE LANZARIN, “INVESTIMENTO CULTURALE PER MANTENERE VIVI I LEGAMI E FAVORIRE CIRCOLARITÀ CERVELLI ED ESPERIENZE”

22/gen/2019 | VENETI NEL MONDO: CONSIGLIO APPROVA PIANO TRIENNALE - ASSESSORE LANZARIN, “INVESTIMENTO CULTURALE PER MANTENERE VIVI I LEGAMI E FAVORIRE CIRCOLARITÀ CERVELLI ED ESPERIENZE”

Notizia n. 84 del 22/01/2019

PRESIDENTE ZAIA: “IL FAVORE CON CUI IL CIO HA ACCOLTO IL DOSSIER OLIMPICO PER MILANO-CORTINA 2026 È LA CONFERMA DELLA SERIETÀ E CONCRETEZZA DEL NOSTRO PROGETTO”

22/gen/2019 | Lo afferma il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, in riferimento a quanto comunicato dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, sull’ottima accoglienza ricevuta a Losanna dal dossier lombardo-veneto per la candidatura ai Giochi olimpici invernali del 2026.

FORMAZIONE: ASSESSORE DONAZZAN INCONTRA ENTI SU NUOVA PROGRAMMAZIONE: “CALO DEMOGRAFICO E NUOVI BISOGNI FORMATIVI, IN CANTIERE NUOVI TARGET, CANALI INTEGRATI E POLI DI SPECIALIZZAZIONE”

Comunicato stampa N° 533 del 24/04/2018
 (AVN) – Venezia, 24 aprile 2018

 

Calo demografico, sviluppo dell’innovazione, costruzione di alleanze, nuovi ambiti di intervento, verticalizzazione dell’offerta formativa: il presente e il futuro della formazione professionale in Veneto è stato al centro dell’incontro tra l’assessore regionale Elena Donazzan e i rappresentanti di Forma Veneto, Ance, Fedform, le tre associazioni che raggruppano le 50 scuole di formazione professionale del Veneto, che contano oltre un centinaio di sedi nel territorio regionale. Un incontro promosso dall’assessore regionale alla Formazione per programmare l’offerta formativa del triennio 2018-2020 alla luce dei profondi cambiamenti che interessano il mondo della formazione professionale, frequentato da quasi 20 mila ragazzi (pari al 13 per cento dei veneti tra i 14 e i 17 anni), e del consistente investimento della Regione, che ogni anno impegna 95 milioni di euro del proprio bilancio per garantire i percorsi professionali e il sistema duale.

 

Oggi i percorsi professionali del secondo ciclo sono costituiti da due segmenti distinti: da un lato ci sono gli istituti statali (Ip) della durata di cinque anni; dall’altro c’è l’istruzione e formazione professionale (Iefp) con percorsi di tre o quattro anni (tre per la qualifica più uno per il diploma) sotto la cabina di regia delle Regioni. La Iefp interessa in Italia circa 320mila studenti e ottiene ottimi risultati occupazionali, specie in Lombardia e Veneto; l’Ip coinvolge invece, sempre su scala nazionale,  circa 550mila alunni e 60mila docenti, ma è in grave affanno con elevatissimi tassi di abbandono (38% nei primi due anni).

 

“I centri di formazione professionale offrono un prezioso servizio educativo – ha evidenziato l’assessore - ma sono chiamati ad affrontare una sfida epocale: da un lato la contrazione demografica, che ha fatto pressochè dimezzare il numero dei potenziali iscritti  rispetto agli anni Ottanta; e dall’altro le trasformazioni tecnologiche e organizzative nel mondo del lavoro, che impongono ai centri della formazione professionale di ripensare modelli e profili e di addestrare i giovani a comprendere e combinare competenze diverse e conoscenze generali di alto livello”.

 

“Il sistema dell’istruzione e formazione professionale – ha affermato l’assessore - deve fornire competenze trasversali, comportamentali, settoriali e professionali, in una prospettiva di formazione continua, che dura tutta la vita. I temi chiave sono l’innovazione e  le tecnologie abilitanti in una logica 4.0. Le nostre scuole devono attrezzarsi per i cambiamenti, pensando a nuovi target, come l’inclusione nel mercato del lavoro, e a rafforzare il proprio rapporto con le aziende”.

 

La recente legge regionale sul sistema educativo (Lr 8/2017) consentirà per la prima volta ai ragazzi iscritti ai percorsi di istruzione e formazione professionale, di arrivare direttamente alla formazione terziaria degli ITS Academy, i percorsi biennali di alta formazione che formano i super-tecnici del futuro e che vedono la Regione Veneto ai vertici della classifica nazionale.

 

“La prospettiva della verticalizzazione dei percorsi, cioè di creare canali formativi integrati con uno o due anni in più di frequenza – ha anticipato l’assessore – è una delle strategie per aggiornare e potenziare il nostro sistema formativo professionale. La scorsa settimana la Giunta regionale ha già approvato un provvedimento che darà il via alla costituzione dei Poli tecnico professionali e ai primi corsi di specializzazione tecnica (il cosiddetto quinto anno) che partiranno con il prossimo autunno. E’ una novità impegnativa, che richiederà sinergie ed alleanze, ma rappresenta una via obbligata per investire sull’alta formazione e rispondere alle richieste di un mondo del lavoro che esige giovani sempre più preparati e con competenze sempre più specializzate e al tempo stesso flessibili”.



Data ultimo aggiornamento: 24/04/2018

elena donazzan formazione