REGIONE SOSTIENE CANDIDATURA DELLA VAL D’ALPONE A SITO UNESCO

Comunicato stampa N° 148 del 08/02/2018
 (AVN) Venezia, 8 febbraio 2018 
 
La Giunta regionale del Veneto ha approvato un provvedimento con il quale sostiene la candidatura della “Biodiversità marina dei siti dell’Eocene in Val d’Alpone” a Sito della Lista Unesco del Patrimonio Mondiale, riconoscendone gli aspetti e i valori naturali di eccellenza nell’ambito del territorio veneto.
 
“Questa decisione – spiega il presidente della Regione del Veneto – nasce dalla considerazione che gli scavi storici e quelli scientifici più recenti hanno consentito di classificare la Val d’Alpone come il territorio più ricco di giacimenti fossiliferi del pianeta. Da anni la Regione, nell’ambito delle proprie funzioni di valorizzazione del patrimonio culturale, ha riconosciuto quest’area degna di grande attenzione per la sua straordinaria valenza: per lo stato di conservazione, le dimensioni, la diversità e la rarità dei reperti fossili, i diversi giacimenti paleontologici della valle non hanno uguali nel mondo”.
 
La Val d’Alpone, al margine meridionale delle Alpi, nei Monti Lessini orientali, con i suoi straordinari giacimenti fossiliferi, è un territorio di enorme rilevanza scientifica sotto il profilo naturalistico. L’eccezionale importanza dei fossili presenti all’interno delle rocce sedimentarie dell’Eocene e, più in generale, la storia geologica dell’area, fanno sì che la valle sia sede di numerosi e significativi depositi paleontologici, tra cui quello famoso di Bolca, ma anche quelli di Roncà e di San Giovanni Ilarione, da molti secoli oggetto di scavo e di studio.
 
“Il Veneto – conclude il presidente – può vantare diversi beni iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco, e la Regione, oltre a valorizzare le proprie realtà già insignite del prestigioso riconoscimento internazionale, a testimonianza delle innumerevoli eccellenze del suo territorio, ha dato e sta dando il proprio sostegno a vari processi di candidatura, come quello felicemente conclusasi lo scorso anno relativo alle ‘Opere di difesa veneziane tra il XV e il XVII secolo’”.


Data ultimo aggiornamento: 08/02/2018

luca zaia beni culturali presidente
Archivio Comunicati
Notizia n. 1207 del 20/08/2018

LA REGIONE VENETO STUDIA LA VENICE MARATHON 2019 PER GARANTIRE L’“IMPATTO ZERO” DEI GRANDI EVENTI SPORTIVI

20/ago/2018 | Impatto zero negli eventi sportivi esperienza ambientale è la Regione del Veneto progetto “Zero Waste Blue sport events for territorial development”, finanziato nell’ambito del Programma Italia Croazia assessore regionale al turismo e ai fondi UE, Federico Caner ridurre impatto ambientale benefici sociali ed economici grandi eventi sportivi Venice Marathon 2019

Notizia n. 1208 del 20/08/2018

SI RIUNISCE DOMANI LA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. PUNTO STAMPA ALLE ORE 11.00

20/ago/2018 | SI RIUNISCE DOMANI LA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. PUNTO STAMPA ALLE ORE 11.00

Notizia n. 1206 del 19/08/2018

SDEGNO E SOLIDARIETÀ DEL PRESIDENTE ZAIA PER GLI ATTI VANDALICI CONTRO LA SEDE DELLA LEGA DI BERGAMO

19/ago/2018 | Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, manifesta la sua vicinanza alla Lega lombarda e a quella provinciale di Bergamo, la cui sede è stata, la scorsa notte, presa di mira e imbrattata con scritte offensive e intimidatorie.

Notizia n. 1205 del 18/08/2018

CROLLO DEL PONTE. IL SALUTO DI ZAIA ALLA SQUADRA VENETA DEI VIGILI DEL FUOCO IN PARTENZA PER GENOVA

18/ago/2018 | Genova crollo ponte Con queste parole il presidente della Regione, Luca Zaia, vuole salutare la partenza per la Liguria dei 34 componenti della squadra Usar (Urban Search And Rescue) dei vigili del fuoco del Veneto, provenienti da quasi tutti i comandi della regione, che daranno il cambio ai colleghi della Lombardia.

Notizia n. 1204 del 18/08/2018

CONCLUSI I LAVORI DI RIPRISTINO DELLE DIFESE SPONDALI DEL FIUME SOLIGO (TV). ASSESSORE BOTTACIN: “INVESTITI CIRCA 250 MILA EURO PER RAFFORZARE LA SICUREZZA DEL TERRITORIO”

18/ago/2018 | Gianpaolo Bottacin assessore difesa suolo Regione Veneto Si sono recentemente conclusi i lavori di pronto intervento per la riparazione dei danni alle difese idrauliche del fiume Soligo e relativi affluenti, conseguenti alle avverse condizioni meteo verificatesi nei primi mesi del 2018 nei territori rivieraschi di Cison di Valmarino, Follina, Farra di Soligo e Pieve di Soligo.