ENERGIA. IL VENETO SI CANDIDA AD OSPITARE L’INSEDIAMENTO DELL’ESPERIMENTO DTT. PRESIDENTE REGIONE: “PORTO MARGHERA HA TUTTI I REQUISITI. E’ UNA GRANDE OPPORTUNITA’”

Comunicato stampa N° 91 del 26/01/2018
 (AVN) – Venezia, 26 gennaio 2018
 
La Regione del Veneto parteciperà alla selezione bandita con avviso pubblico dall’ENEA, finalizzata alla scelta di un sito per l’insediamento dell’esperimento DTT (Divertor Tokamak Test ) che prevede la costruzione di un dispositivo per la generazione di energia elettrica pulita mediante fusione termonucleare. Lo rende noto il presidente della Regione annunciando che la giunta veneta ha adottato oggi il provvedimento di presentazione della candidatura che prende atto della volontà già espressa dal comune di Venezia di mettere a disposizione un’area a Porto Marghera. 
 
“Siamo orgogliosi di poter concorrere all’assegnazione di questo innovativo esperimento – sottolinea il presidente – che ha come finalità quella di mettere a disposizione una sorgente di energia pulita, sicura, rinnovabile, potenzialmente inesauribile e libera di CO2, ideato dai principali enti di ricerca italiani insieme ad alcune tra le principali università tra cui quella di Padova. Un particolare ringraziamento per il lavoro che è stato svolto per questa candidatura va all’assessore regionale allo sviluppo economico. L’investimento complessivo per la costruzione dell’infrastruttura di ricerca sarà di 500 milioni”.
 
“La realizzazione del DTT – conclude il presidente veneto – rappresenta una grande opportunità economica e scientifica per il Veneto e per l’Italia, oltre ad essere occasione di rilancio per lo stesso polo industriale di Porto Marghera che ha tutti i requisiti per concorrere. Il sito, se verrà scelto dall’ENEA come tutti ci auguriamo, potrà ospitare una realizzazione di altissimo valore scientifico e tecnologico, ma consentirà di attivare anche importanti sinergie in campo economico e sociale, con ricadute estremamente positive per il territorio”.
 
La presentazione della candidatura di Porto Marghera da trasmettere entro il 31 gennaio all’ENEA sarà accompagnata da una lettera del presidente, con l’impegno a cofinanziare la realizzazione del sito con un contributo minimo di 25 milioni di euro, oltre alla realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria e all’estensione della linea elettrica, come richiesto dall’avviso pubblico. Una relazione tecnica con la descrizione dei requisiti dell’area accompagna la proposta di candidatura.
 
 


Data ultimo aggiornamento: 26/01/2018

energia luca zaia presidente
Archivio Comunicati
Notizia n. 210 del 23/02/2018

ASSESSORE VENETO ALL’AMBIENTE: “L’USO DEL CSS NON LO HA VOLUTO LA REGIONE, NOI APPLICHIAMO LE NORME COMUNITARIE E STATALI E NON IN MODO INDISCRIMINATO”

23/feb/2018 | Gianpaolo Bottacin assessore ambiente regione veneto CSS combustibile ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani norma europea 2013 legge nazionale italiana indistintamente applicato con prudenza attente valutazioni e verifiche autorizzazioni impianti sono di competenza delle Province

Notizia n. 209 del 23/02/2018

METEO. STATO DI ATTENZIONE PER NEVE E PER VENTO IN PIANURA

23/feb/2018 | meteo attenzione neve forte vento ghiaccio protezione civile

Notizia n. 208 del 23/02/2018

REGIONE VENETO E ANAS FIRMANO ACCORDO PROGRAMMATICO E PROTOCOLLO D’INTESA PER COLLABORAZIONE NELLO SVILUPPO INFRASTRUTTURALE E PER LA GESTIONE DELLA RETE STRADALE REGIONALE

23/feb/2018 | Luca Zaia Elisa De Berti Si è svolto oggi a Palazzo Balbi a Venezia l’incontro per la firma di un Accordo Programmatico e di un Protocollo di intesa tra Regione Veneto e Anas, che rafforzano la reciproca collaborazione in materia di infrastrutture viarie. L’Accordo Programmatico sottoscritto tra il Presidente della Regione Veneto e l’Amministratore Delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani, prevede una serie di azioni che saranno attivate per promuovere e garantire la migliore fruibilità della rete stradale in Veneto, assicurando adeguati investimenti per la riqualificazione della rete esistente e individuando nuovi investimenti per l’ammodernamento della stessa

Notizia n. 207 del 22/02/2018

SANITA’. MEF SBLOCCA 86 MILIONI PER IL VENETO. ASSESSORE REGIONE “NESSUN REGALO. GUADAGNATI CON LA VIRTUOSITA’. RESTITUITO L’1% CHE IL MINISTERO TRATTIENE OGNI ANNO SUL FONDO SANITARIO NAZIONALE”

22/feb/2018 | SANITA’. MEF SBLOCCA 86 MILIONI PER IL VENETO. ASSESSORE REGIONE “NESSUN REGALO. GUADAGNATI CON LA VIRTUOSITA’. RESTITUITO L’1% CHE IL MINISTERO TRATTIENE OGNI ANNO SUL FONDO SANITARIO NAZIONALE”