MAFIE. ASSESSORE SICUREZZA REGIONE. “IN VENETO LOTTA CULTURALE E FORMATIVA. NESSUNO PUO’ CHIAMARSI FUORI”. GIORNATA DELLA MEMORIA DELLE VITTIME IL 21 MARZO A PADOVA CON 14 SCUOLE E 700 STUDENTI

Comunicato stampa N° 66 del 19/01/2018
(AVN) Venezia, 19 gennaio 2018

Cosa sono le mafie, come operano e come le si combatte, partendo dal presupposto, certificato anche dalle cronache più recenti, che nessun territorio e nessun contesto sociale può ritenersi al riparo dal rischio di esserne coinvolto.

Una lotta che la Regione del Veneto ha deciso di combattere, attraverso le molte iniziative della legge nr.48 del 2012, e di incentivare negli ultimi tempi, sia sul piano culturale che su quello, più pratico, della formazione di chi la deve contrastare, come le Polizie Municipali e gli Amministratori pubblici.

“Nessuno può chiamarsi fuori da questo impegno – sottolinea l’Assessore regionale alla Sicurezza – e di sicuro non lo fa la Regione Veneto. Stiamo investendo energie e fondi – aggiunge - e il 2018 sarà caratterizzato dall’impegno rivolto ai giovani, che si caratterizzerà con la ‘Giornata Regionale della Memoria e dell’Impegno in Ricordo delle Vittime delle Mafie’ che si terrà a Padova il 21 marzo prossimo e avrà come protagonisti 14 scuole secondarie superiori del Veneto e circa 700 studenti, coinvolti in un cammino che culminerà, quel giorno, con la presentazione di un lavoro per ciascuno dei 14 Istituti che rappresenti la storia di una vittima innocente di mafia. Conoscendo le storie a cui lavoreranno – dice l’Assessore – i ragazzi capiranno cosa significa avere a che fare con questa malavita violenta e strisciante e potranno diventare, testimonial consapevoli, ognuno nel proprio mondo, dalla famiglia, alla scuola, alla cerchia di amicizie, ai contesti sociali frequentati. Per battere un nemico – conclude l’Assessore – è prima di tutto necessario conoscerlo, ed è questo che la Regione vuole aiutare il mondo giovanile a fare”.

Le Scuole coinvolte sono l’IIS Negrelli-Forcellini di Feltre; l’ISISS Magarotto di Padova; l’ITI Francesco Severi di Padova; l’Istituto Euganeo di Este; l’IIS E. De Amicis di Rovigo; l’IPSIA C. Colombo di Porto Tolle; l’IIS Giorgi-Fermi di Treviso; l’ISISS M. Casagrandedi Pieve di Soligo; l’IIS Benedetti-Tommaseo di Venezia; il Liceo L. Stefanini di Mestre; il Liceo Don G. Fogazzaro di Vicenza; il Liceo scientifico N. Tron di Schio; il Liceo scientifico A. Messedaglia di Verona; l’Istituto Professionale di Stato G. Medici di Legnago

Gli studenti e le studentesse di questi Istituti, nei mesi scorsi, hanno incontrato importanti testimoni come Matilde Montinaro, sorella di Antonio, agente di Polizia e caposcorta del giudice Giovanni Falcone, Rocco Mangiardi, testimone di giustizia calabrese, il generale Angiolo Pellegrini, comandante della sezione antimafia di Palermo dal 1981 al 1985, il procuratore Guido Papalia, già procuratore della Repubblica di Verona e tanti altri testimoni che quotidianamente lavorano per prevenire e contrastare le organizzazioni mafiose e criminali. Il percorso si concluderà nelle prossime settimane, durante le quali le restanti classi avranno la possibilità di conoscere i testimoni.

Numeri significativi presenta anche il Piano Formativo regionale per la Polizia Locale del biennio 2016-2018 che prevede la realizzazione di corsi e di iniziative seminariali a favore degli operatori di sicurezza delle polizie locali del Veneto e amministratori pubblici, equamente suddivise fra tutti gli ambiti provinciali.
Il Piano è in piena attuazione, essendo già completati i cicli formativi riservati agli ambiti delle province di Belluno, Padova, Treviso e Vicenza (quest’ultimo in corso di svolgimento), mentre saranno completati entro luglio del corrente anno quelli riservati alle province di Verona, Rovigo e Venezia. Nel complesso hanno finora partecipato 320 persone (tra amministratori locali e operatori della polizia locale), con 27 relatori coinvolti e la presenza costante di importanti rappresentanti e autorità istituzionali (DIA, Assessori, rappresentante istituzionale dell’amministrazione ospitante, Prefetto , Questore).


Data ultimo aggiornamento: 19/01/2018

Archivio Comunicati
Notizia n. 210 del 23/02/2018

ASSESSORE VENETO ALL’AMBIENTE: “L’USO DEL CSS NON LO HA VOLUTO LA REGIONE, NOI APPLICHIAMO LE NORME COMUNITARIE E STATALI E NON IN MODO INDISCRIMINATO”

23/feb/2018 | Gianpaolo Bottacin assessore ambiente regione veneto CSS combustibile ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani norma europea 2013 legge nazionale italiana indistintamente applicato con prudenza attente valutazioni e verifiche autorizzazioni impianti sono di competenza delle Province

Notizia n. 209 del 23/02/2018

METEO. STATO DI ATTENZIONE PER NEVE E PER VENTO IN PIANURA

23/feb/2018 | meteo attenzione neve forte vento ghiaccio protezione civile

Notizia n. 208 del 23/02/2018

REGIONE VENETO E ANAS FIRMANO ACCORDO PROGRAMMATICO E PROTOCOLLO D’INTESA PER COLLABORAZIONE NELLO SVILUPPO INFRASTRUTTURALE E PER LA GESTIONE DELLA RETE STRADALE REGIONALE

23/feb/2018 | Luca Zaia Elisa De Berti Si è svolto oggi a Palazzo Balbi a Venezia l’incontro per la firma di un Accordo Programmatico e di un Protocollo di intesa tra Regione Veneto e Anas, che rafforzano la reciproca collaborazione in materia di infrastrutture viarie. L’Accordo Programmatico sottoscritto tra il Presidente della Regione Veneto e l’Amministratore Delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani, prevede una serie di azioni che saranno attivate per promuovere e garantire la migliore fruibilità della rete stradale in Veneto, assicurando adeguati investimenti per la riqualificazione della rete esistente e individuando nuovi investimenti per l’ammodernamento della stessa

Notizia n. 207 del 22/02/2018

SANITA’. MEF SBLOCCA 86 MILIONI PER IL VENETO. ASSESSORE REGIONE “NESSUN REGALO. GUADAGNATI CON LA VIRTUOSITA’. RESTITUITO L’1% CHE IL MINISTERO TRATTIENE OGNI ANNO SUL FONDO SANITARIO NAZIONALE”

22/feb/2018 | SANITA’. MEF SBLOCCA 86 MILIONI PER IL VENETO. ASSESSORE REGIONE “NESSUN REGALO. GUADAGNATI CON LA VIRTUOSITA’. RESTITUITO L’1% CHE IL MINISTERO TRATTIENE OGNI ANNO SUL FONDO SANITARIO NAZIONALE”