IMPIANTI RISALITA MALGA CIAPELA (BL). ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO: “LA LEGGE STATALE VA CAMBIATA”

Comunicato stampa N° 69 del 20/01/2018
 (AVN) Venezia, 20 gennaio 2018 
 
“Per quanto riguarda gli impianti di risalita di Malga Ciapela, il problema è essenzialmente quello di dover applicare una legge statale che va oltre l’imprescindibile aspetto della salvaguardia dell’incolumità delle persone. Questa norma che il Veneto è obbligato a recepire e invece il Trentino Alto Adige no, in forza della sua autonomia, prevede che l’intera zona sulla quale insistono gli impianti debba essere immune da pericoli valanghivi. Una spada di Damocle che pesa su tutti i procedimenti di rinnovo delle concessioni e una sperequazione inaccettabile tra territori confinanti: una legge decisamente da cambiare e al più presto”.
 
Con queste parole l’assessore al turismo, ai trasporti a fune e all’economia e sviluppo montano della Regione del Veneto, interviene in merito alle valutazioni espresse dall’Arpa Veneto sui rischi da valanghe che potenzialmente potrebbero incombere sui tracciati e sulle infrastrutture degli impianti del versante bellunese della Marmolada.
 
“La modifica di questa normativa – aggiunge l’assessore regionale – sarà una della prime istanze della Regione del Veneto al nuovo Governo che si formerà dopo le elezioni del prossimo marzo. Sia chiaro, nessuno vuole abbassare l’asticella sul fronte della prudenza e della tutela dell’incolumità di tutti coloro i quali lavorano e si divertono sulle nostre pista da sci. Ma non è chiudendo stabilmente gli impianti di risalita che si risolvono i problemi. Ciò che conta è essere pronti e preparati a procedere con una interruzione delle attività in caso di eventuali situazioni di pericolo e con la messa in sicurezza di tutte persone, mettendo in atto adeguati piani e strumenti per l’allertamento e per l’intervento in modo efficace e tempestivo se si dovessero manifestare rischi”.   
 


Data ultimo aggiornamento: 20/01/2018

impianti a fune federico caner montagna turismo
Archivio Comunicati
Notizia n. 1205 del 18/08/2018

CROLLO DEL PONTE. IL SALUTO DI ZAIA ALLA SQUADRA VENETA DEI VIGILI DEL FUOCO IN PARTENZA PER GENOVA

18/ago/2018 | Genova crollo ponte Con queste parole il presidente della Regione, Luca Zaia, vuole salutare la partenza per la Liguria dei 34 componenti della squadra Usar (Urban Search And Rescue) dei vigili del fuoco del Veneto, provenienti da quasi tutti i comandi della regione, che daranno il cambio ai colleghi della Lombardia.

Notizia n. 1204 del 18/08/2018

CONCLUSI I LAVORI DI RIPRISTINO DELLE DIFESE SPONDALI DEL FIUME SOLIGO (TV). ASSESSORE BOTTACIN: “INVESTITI CIRCA 250 MILA EURO PER RAFFORZARE LA SICUREZZA DEL TERRITORIO”

18/ago/2018 | Gianpaolo Bottacin assessore difesa suolo Regione Veneto Si sono recentemente conclusi i lavori di pronto intervento per la riparazione dei danni alle difese idrauliche del fiume Soligo e relativi affluenti, conseguenti alle avverse condizioni meteo verificatesi nei primi mesi del 2018 nei territori rivieraschi di Cison di Valmarino, Follina, Farra di Soligo e Pieve di Soligo.

Notizia n. 1203 del 17/08/2018

ASSESSORE LANZARIN VISITA A LAMON (BL) “CASA CHARITAS” E IL CENTRO DI RIABILITAZIONE DELL’ULSS N. 1

17/ago/2018 | L’assessore regionale alle politiche sociali, Manuela Lanzarin, accompagnata dal consigliere della zona, Franco Gidoni, ha visitato stamane due strutture socio-sanitarie a Lamon, in provincia di Belluno: il Centro di Recupero e Rieducazione Funzionale dell’Azienda Ulss n. 1 e la casa di riposo “Casa Charitas”.

Notizia n. 1202 del 17/08/2018

WEST NILE. ASSESSORE COLETTO: “DA CERTA STAMPA TEUTONICA GROSSOLANE FALSITÀ”

17/ago/2018 | Con queste parole l’assessore regionale alla sanità, Luca Coletto, respinge al mittente, bollandole come "grossolane falsità" le notizie allarmistiche sulla questione della West Nile, pubblicate da alcune testate austriache.

Notizia n. 1201 del 17/08/2018

LAVORI DI RIPRISTINO IN CORRISPONDENZA DEL PONTE DEI CAVALLI A DOLO (VE). BOTTACIN: “INTERVENTO TEMPESTIVO PER LA SICUREZZA IDRAULICA”

17/ago/2018 | Assessore difesa suolo Gianpaolo Bottacin È stato avviato nei giorni scorsi e si concluderà entro l’autunno l’intervento di somma urgenza a seguito del cedimento strutturale del manufatto idraulico in corrispondenza del Ponte dei Cavalli sullo scaricatore di Dolo, in provincia di Venezia.