INFLUENZA. VACCINI. ASSESSORE VENETO SU DICHIARAZIONI RICCIARDI. “QUI IL QUADRIVALENTE A TUTTE LE CATEGORIE A RISCHIO. NESSUNA INDICAZIONE DA CIRCOLARE MINISTERIALE”

Comunicato stampa N° 62 del 18/01/2018
(AVN) Venezia, 18 gennaio 2018

“In Veneto il vaccino antinfluenzale quadrivalente è stato acquistato ed erogato per tutte le categorie a rischio e per gli operatori sanitari”.

Lo precisa l’Assessore alla Sanità della Regione, in relazione alle dichiarazioni sull’epidemia in corso rilasciate dal Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi che, tra le cause della forte diffusione di quest’anno, ha indicato il fatto che le Regioni hanno comprato e somministrato solo il 40% di vaccino quadrivalente e il 60% del trivalente, che contiene tre ceppi invece di quattro.

“Lo sapevamo bene – precisa l’Assessore – tanto che il più costoso quadrivalente è stato erogato a tutte le numerosissime categorie a rischio, e agli operatori sanitari. Riusciamo a tenere i conti in ordine, ma non sulla pelle della gente. Peraltro – aggiunge – la circolare ministeriale di inizio stagione non indicava la necessità e nemmeno l’opportunità di usare il quadrivalente e non il trivalente, ma conteneva solo un mero elenco di vaccini disponibili”.

Segue l’elenco delle categorie a rischio in Veneto.

1. Soggetti di età pari o superiore a 65 anni
2. Bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza:
3. Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di sindrome di Reye in caso di infezione influenzale
4. Donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza
5. Individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti
6. Medici e personale sanitario di assistenza
7. Familiari e contatti di soggetti ad alto rischio
8. Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori (forze di polizia, vigili del fuoco, altre categorie socialmente utili,
9. lavoratori particolarmente esposti per l’attività svolta, al fine di contenere ricadute negative sulla produttività)
10. Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani (allevatori, addetti all’attività di allevamento, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori e vaccinatori, veterinari pubblici e libero professionisti).


Data ultimo aggiornamento: 18/01/2018

sanità luca coletto
Archivio Comunicati
Notizia n. 686 del 24/05/2018

VIOLENZA DONNE: VENETO MODIFICA LEGGE DI CONTRASTO, ASSESSORE, “INTERVENTI EDUCATIVI NELLE SCUOLE E LAVORO DI RETE PER RIDARE NORMALITÀ E LAVORO ALLE VITTIME”

24/mag/2018 | assessore Manuela Lanzarin su modifiche legge 5/2013 interventi di prevenzione e contrasto contro la violenza sulle donne

Notizia n. 685 del 24/05/2018

LUPI: ASSESSORE ALL'AGRICOLTURA, “PREDAZIONI INEVITABILI SE I RECINTI INADEGUATI, A GALLIO NON ERANO QUELLI FORNITI DALLA REGIONE”

24/mag/2018 | assessore Giuseppe Pan replica su inadeguatezza recinti antilupo a Gallio

Notizia n. 680 del 24/05/2018

DOMENICA 27 MAGGIO DA TREVISO AL LAGO DI SANTA CROCE (BL) CON IL “TRENO DELLA SOLIDARIETÀ” DEL CUAMM

24/mag/2018 | Elisa De Berti Anche l’assessore alle infrastrutture e trasporti della Regione del Veneto salirà domenica prossima, 27 maggio, sul “Treno della Solidarietà” che da Treviso porterà al Lago di Santa Croce (Bl), partecipando così all’iniziativa promossa da “Medici con l’Africa CUAMM” e dall’associazione “Ferrovieri con l’Africa” per sostenere il progetto “Prima le mamme e i bambini a Pujehun”, in Sierra Leone.

Notizia n. 683 del 24/05/2018

SABATO “SCUOLA SICURA VENETO” FA TAPPA A TORRE DI MOSTO

24/mag/2018 |