Archivio Comunicati
Notizia n. 1891 del 18/11/2019

LATTEBUSCHE: IL CORDOGLIO DI ZAIA PER LA SCOMPARSA DI DONAZZOLO, ILPRESIDENTE-AGRICOLTORE

18/nov/2019 | LATTEBUSCHE: IL CORDOGLIO DI ZAIA PER LA SCOMPARSA DI DONAZZOLO, ILPRESIDENTE-AGRICOLTORE

Notizia n. 1888 del 17/11/2019

PROTEZIONE CIVILE. CONTINUANO LE PRECIPITAZIONI INTENSE. MASSIMA ATTENZIONE LUNGO TUTTI I FIUMI E NELLE ZONE DELL’ALTO AGORDINO PER ALLERTA VALANGHE

17/nov/2019 | PROTEZIONE CIVILE. CONTINUANO LE PRECIPITAZIONI INTENSE. MASSIMA ATTENZIONE LUNGO TUTTI I FIUMI E NELLE ZONE DELL’ALTO AGORDINO PER ALLERTA VALANGHE

Notizia n. 1884 del 16/11/2019

GIORDANO NUOVO PRESIDENTE FISM. DA ZAIA COMPLIMENTI E BUON LAVORO. “NOI ALLEATI PER IL RISPETTO DELL’ARTICOLO 33 DELLA COSTITUZIONE. SENZA LE PARITARIE DECINE DI MIGLIAIA DI BIMBI SAREBBERO SENZA SCUOLA”

16/nov/2019 | GIORDANO NUOVO PRESIDENTE FISM. DA ZAIA COMPLIMENTI E BUON LAVORO. “NOI ALLEATI PER IL RISPETTO DELL’ARTICOLO 33 DELLA COSTITUZIONE. SENZA LE PARITARIE DECINE DI MIGLIAIA DI BIMBI SAREBBERO SENZA SCUOLA”

Notizia n. 1883 del 16/11/2019

MALTEMPO. SQUADRE DELLA PROTEZIONE CIVILE CHIAMATE A METTERE IN SICUREZZA LE CHIESE DI VENEZIA E DELLE ISOLE. BOTTACIN, “FONDAMENTALE COLLABORAZIONE E MASSIMA DISPONIBILITA’ DEL SISTEMA REGIONALE”

16/nov/2019 | MALTEMPO. SQUADRE DELLA PROTEZIONE CIVILE CHIAMATE A METTERE IN SICUREZZA LE CHIESE DI VENEZIA E DELLE ISOLE. BOTTACIN FONDAMENTALE COLLABORAZIONE E MASSIMA DISPONIBILITA’ DEL SISTEMA REGIONALE

Notizia n. 1882 del 16/11/2019

MALTEMPO. IN VENETO LEGGERO MIGLIORAMENTO. ATTESE NUOVE PRECIPITAZIONI DALLA SERATA DI OGGI. NUOVO BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE REGIONALE

16/nov/2019 | MALTEMPO. IN VENETO LEGGERO MIGLIORAMENTO. ATTESE NUOVE PRECIPITAZIONI DALLA SERATA DI OGGI. NUOVO BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE REGIONALE

COLETTO A MED.IT: “IN VENETO SANITA’ DIGITALE COME UN VESTITO CUCITO SU MISURA PER OGNI CITTADINO. GIA’ OGGI PIU’ EFFICIENZA E RISPARMI”

Comunicato stampa N° 1555 del 17/11/2017
(AVN) Venezia, 17 novembre 2017

“Il fascicolo sanitario elettronico che stiamo definendo offrirà presto l’opportunità di avvicinare i servizi ai cittadini, rendendo più rapidi i processi e ampliando le possibilità di cura. La gente risparmia denaro, ore di lavoro, tempo, che è sempre prezioso; e ci guadagna in efficienza della risposta pubblica”.

Lo ha detto l’assessore regionale alla sanità Luca Coletto, intervenendo oggi al convegno “Servizi km zero: professionisti e cittadini al lavoro per una PA a portata di mano – fascicolo sanitario elettronico motore dell’Agenda Digitale del Veneto” promosso da Regione Veneto e Arsenàl.IT nell’ambito del MedIT, fiera dell’innovazione in sanità in corso di svolgimento a Vicenza. Al convegno, dedicato alla sanità digitale in forte integrazione con gli ambiti dell’Agenda Digitale del Veneto, era presente anche il Vicepresidente della Regione Gianluca Forcolin.

“Vogliamo migliorare i servizi di sanità digitale, investendo e allargando sempre più lo sguardo verso la vita di tutti i giorni – ha detto Coletto – e il fascicolo sanitario elettronico rappresenta un’opportunità, perché attraverso la digitalizzazione e la disponibilità di dati digitali possiamo rendere tutto più rapido, veloce ed efficace, offrendo occasioni, non solo di cura, prima impensabili.”.

Coletto ha ricordato i notevoli risultati tecnici raggiunti in questi anni con il contributo di Arsenàl.IT, Centro Veneto Ricerca e Innovazione per la Sanità Digitale: digitalizzazione del 100% dei referti di laboratorio, 68% dei quali vengono scaricati via web dagli utenti: e digitalizzazione del 94% delle prescrizioni farmaceutiche e specialistiche. Le ricette digitali oggi sono oltre 60 milioni mentre i documenti digitali disponibili (come ad es. referti di radiologia e laboratorio, verbali di pronto soccorso, ecc.) oggi sono circa 5,5 milioni. Ma tutto ciò non basta: “Stiamo parlando di una digitalizzazione non meramente tecnica e tecnologica – ha concluso Coletto – ma di una informatizzazione a misura di uomo capace di rispondere ai reali bisogni di tutte le categorie di utenti. Lavorare in quest’ambito significa cucire su misura un abito quello di sanità digitale, servizi km zero, sempre più adatto a rispondere alle esigenze di cura di tutte le categorie di cittadini. E Regione Veneto su questo vuole continuare ad investire”.

Si colloca in tale ottica la giornata di lavoro a MedIT. Nell’occasione Arsenàl.IT ha coordinato un’esperienza di design thinking durante la quale i partecipanti, circa un centinaio di persone, hanno avuto la possibilità di ideare e disegnare cinque percorsi digitali per rispondere a bisogni complessi di alcune categorie di persone, come ad esempio chi soffre di particolari patologie, chi si prende dura di persone in assistenza domiciliare integrata, chi ha difficoltà con la tecnologia e chi pratica sport e attività fisica.
Un esperimento al quale verrà dato seguito per rispondere in maniera sempre più puntuale alle esigenze dei cittadini, verificando la possibilità di creare nuove soluzioni e servizi digitali in risposta a bisogni concreti. In particolare l’attenzione sarà rivolta alle categorie di: anziani, persone affette da patologie croniche, pazienti in età lavorativa, genitori, cittadini residenti in aree svantaggiate, persone con difficoltà motorie.


Data ultimo aggiornamento: 17/11/2017

sanità luca coletto