FORMAZIONE: ASSESSORE DONAZZAN IN VISITA A UNIVERSITÀ DEL GUSTO DI CREAZZO, “9 SU 10 GIÀ OCCUPATI, ACCADEMIA QUALIFICATA DI GRANDI CHEF E PASTICCERI”

Comunicato stampa N° 1513 del 09/11/2017
 (AVN) Venezia, 9 novembre 2017

 

L’assessore Elena Donazzan ha visitato il Centro formazione Esac di Creazzo (VI)  per conoscere questa realtà che fa riferimento a Confcommercio Vicenza e che rappresenta, con il brand ‘Università del gusto’, un’eccellenza nazionale nella formazione ‘food’. Accompagnata dal presidente di Confcommercio Sergio Rebecca e dal direttore Ernesto Boschiero, l’assessore ha visionato le cucine e i laboratori, dove si stanno in questo momento svolgendo i corsi per ottenere le qualifiche regionali di cuoco e di pasticcere.

 

L’assessore ha così potuto incontrare anche lo chef vicentino Alberto Basso, docente di tecniche di cucina al corso Cuoco (assieme allo chef veronese Alessio Bottin), che ha illustrato il programma delle oltre 300 ore di formazione attualmente in svolgimento. A questa edizione, che si concluderà il 30 novembre, partecipano 22 allievi, che dopo la parte teorico-pratica affronteranno gli stage curriculari in primarie imprese del settore ristorazione.

 

A testimoniare la qualità formativa di questo corso a qualifica, è intervenuta anche un’ex allieva “d’eccezione” del corso 2016: l’ex assessore regionale Isi Coppola, presente all’incontro.

 

“Il centro di Creazzo rappresenta una vera e propria accademia delle arti culinarie – sottolinea l’assessore – dalla quale escono chef stellati e pasticceri di grande maestria. Al momento del rilascio del diploma in media nove allievi su dieci hanno già una proposta o un contratto di assunzione da parte delle imprese della ristorazione. E’ questa il primo indicatore della validità del centro e della sua offerta formativa”.

 

Il Centro formazione Esac, oltre al corso di cuoco, sta svolgendo anche il corso a qualifica regionale di pasticcere (22 gli allievi impegnati nelle 300 ore di lezioni che si concluderanno il  7 dicembre), che tra i docenti vede la presenza del maestro Denis Dianin.

 

I corsi di cuoco e pasticcere, con qualifica rilasciata dalla Regione Veneto, verranno riproposti dall’Università del Gusto a giugno 2018.

 

Il centro formativo di Confcommercio Vicenza è conosciuto a livello nazionale anche per un’altra importante proposta formativa, il Master della cucina italiana, la cui sesta edizione partirà  il 15 gennaio 2018, e che ha tra i propri docenti grandi chef stellati italiani ed esperti nazionali ed internazionali di enogastronomia. Si tratta di una vera e propria scuola per futuri cuochi, che dopo 5 mesi di lezioni teoriche e pratiche garantisce un tirocinio di quattro mesi in ristoranti stellati italiani, opportunità che ha consentito a tanti allievi di entrare con il piede giusto nell’alta ristorazione.



Data ultimo aggiornamento: 09/11/2017

elena donazzan formazione
Archivio Comunicati
Notizia n. 852 del 20/06/2018

SANITA’. DOMANI ALLE 11 A SCHIAVONIA (PADOVA) PRESIDENTE REGIONE INAUGURA BUNKER-IOV CON MACCINE UNICHE IN ITALIA PER LA LOTTA AI TUMORI

20/giu/2018 | SANITA’. DOMANI ALLE 11 A SCHIAVONIA (PADOVA) PRESIDENTE REGIONE INAUGURA BUNKER-IOV CON MACCINE UNICHE IN ITALIA PER LA LOTTA AI TUMORI

Notizia n. 851 del 20/06/2018

METEO. IN VENETO STATO DI ATTENZIONE PER TEMPORALI FORTI NELLA MONTAGNA BELLUNESE

20/giu/2018 | METEO. IN VENETO STATO DI ATTENZIONE PER TEMPORALI FORTI NELLA MONTAGNA BELLUNESE

Notizia n. 850 del 20/06/2018

ASSEMBLEA A TRIESTE DEL GECT “EUREGIO SENZA CONFINI”: SOTTO LA PRESIDENZA DEL VENETO AVVIATI 5 PROGETTI DI COOPERAZIONE; ORA LA GUIDA PASSA ALLA CARINZIA

20/giu/2018 | Luca Zaia presidente regione veneto Si è tenuta oggi a Trieste, nella sede della Regione Friuli Venezia Giulia, la dodicesima assemblea del Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale (GECT) “Euregio Senza Confini”, a cui aderiscono le Regioni del Veneto e del Friuli Venezia Giulia e il Land austriaco della Carinzia. Il GECT è stato costituito nel 2012 per favorire e promuovere la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale nell’ambito dell’Unione Europea, attuando progetti comuni per lo sviluppo dei rispettivi territori e per le popolazioni di confine coinvolte.