IL PSR A PORTATA DI CLICK: È ONLINE IL NUOVO SITO WEB DEL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL VENETO

Comunicato stampa N° 1434 del 24/10/2017
 (AVN) Venezia, 24 ottobre 2017 
 
È online il nuovo sito internet del PSR Veneto 2014-2020. Per la prima volta la Regione Veneto mette a disposizione degli operatori del settore e di tutta la cittadinanza un portale web dedicato specificamente al Programma di Sviluppo Rurale, la dotazione di risorse europee attraverso le quali la Regione del Veneto realizza le strategie e gli interventi per il settore agricolo, agroalimentare, forestale e per lo sviluppo delle aree rurali. 
 
L’Autorità di Gestione ha deciso di dotarsi di questo nuovo strumento per dare un supporto a  quanti non conoscono il programma o lo conoscono solo marginalmente e hanno la necessità di essere “guidati” nella sua scoperta. 
 
“Collegandosi a www.psrveneto.it gli utenti potranno accedere a un servizio intuitivo e completo dove trovare tutte le informazioni sulle diverse Misure – spiega l’assessore regionale all’agricoltura, Giuseppe Pan –. Gli utenti a cui il sito è destinato non sono solamente gli agricoltori, cioè i beneficiari dei fondi a disposizione. Un’attenzione particolare sarà prestata alla cittadinanza: uno spazio importante sarà dedicato, infatti, alle iniziative di comunicazione rivolte al largo pubblico e alla condivisione delle esperienze più significative realizzate grazie al programma”. 
 
“L’obiettivo – conclude Pan – è raccontare a tutti, tramite risultati, aggiornamenti e storie esemplari, il sostegno profuso dal PSR Veneto per lo sviluppo regionale nel presente e nell’immediato futuro”. 
 
Il sito, che sarà gradualmente implementato nei prossimi mesi, lavorerà in sinergia con le piattaforme già a disposizione del sistema regionale: dal portale della Regione del Veneto (che continuerà a ospitare i documenti ufficiali del programma e i testi dei bandi), al sito web di Avepa (punto di riferimento per le procedure di accesso ai finanziamenti e gestione delle domande), fino al portale PIAVe (passaggio di accesso generale al mondo dell’agricoltura veneta).
 
Il nuovo sito del PSR Veneto presenta un’interfaccia rinnovata, in linea con gli attuali trend del digital design, ed è stato realizzato dall’agenzia di comunicazione Pomilio Blumm, che ne curerà gestione e adeguamento nei prossimi tre anni. Facile da usare e gradevole nella navigazione, è progettato per essere consultato da tutti i dispositivi, anche da smartphone e tablet, nel pieno rispetto delle normative nazionali ed europee su accessibilità e usabilità. 
 


Data ultimo aggiornamento: 24/10/2017

agricoltura giuseppe pan
Archivio Comunicati
Notizia n. 67 del 19/01/2018

SOCIALE. RIPARTITI 18 MILIONI PER EDUCAZIONE E ISTRUZIONE BIMBI FINO A 6 ANNI IN VENETO. ASSESSORE “GIA’ AL LAVORO CON ANCI E FISM PER PROSSIMO BIENNIO”.

19/gen/2018 | SOCIALE. RIPARTITI 18 MILIONI PER EDUCAZIONE E ISTRUZIONE BIMBI FINO A 6 ANNI IN VENETO. ASSESSORE “GIA’ AL LAVORO CON ANCI E FISM PER PROSSIMO BIENNIO”.

Notizia n. 66 del 19/01/2018

MAFIE. ASSESSORE SICUREZZA REGIONE. “IN VENETO LOTTA CULTURALE E FORMATIVA. NESSUNO PUO’ CHIAMARSI FUORI”. GIORNATA DELLA MEMORIA DELLE VITTIME IL 21 MARZO A PADOVA CON 14 SCUOLE E 700 STUDENTI

19/gen/2018 | MAFIE. ASSESSORE SICUREZZA REGIONE. “IN VENETO LOTTA CULTURALE E FORMATIVA. NESSUNO PUO’ CHIAMARSI FUORI”. GIORNATA DELLA MEMORIA DELLE VITTIME IL 21 MARZO A PADOVA CON 14 SCUOLE E 700 STUDENTI

Notizia n. 64 del 19/01/2018

FORMAZIONE: ASSESSORE REGIONALE, “LE NOSTRE SCUOLE CAPACI DI ATTRARRE INVESTORI ANCHE DALL'ESTERO, GIÀ TRE IMPORTANTI SPONSORIZZAZIONI NEL 2018”

19/gen/2018 | assessore Elena Donazzan su inaugurazione nuovi laboratori nella scuola di formazione dei salesiani a Schio (Vicenza)

Notizia n. 63 del 19/01/2018

INFLUENZA. QUARTO RAPPORTO REGIONE VENETO. INCIDENZA CRESCE MA ANCORA LONTANA DA MEDIA NAZIONALE. I DECESSI SALITI DA 2 A 3. DALL’INIZIO 140.500 PERSONE COLPITE

19/gen/2018 | INFLUENZA. QUARTO RAPPORTO REGIONE VENETO. INCIDENZA CRESCE MA ANCORA LONTANA DA MEDIA NAZIONALE. I DECESSI SALITI DA 2 A 3. DALL’INIZIO 140.500 PERSONE COLPITE