SOTTOSCRITTO IL CONTRATTO DECENTRATO DEI DIPENDENTI DELLA REGIONE VENETO

Comunicato stampa N° 1339 del 05/10/2017
(AVN) – Venezia, 5 ottobre 2017

E’ stato sottoscritto tra l’Amministrazione Regionale, la Rsu e le Organizzazioni Sindacali Fp Cgil, Fp Cisl, Uil Fpl e Csa-Ral il Contratto decentrato normativo triennale dei dipendenti dell’Ente Regione Veneto.

Le parti esprimono soddisfazione per i risultati raggiunti dato che il Contratto decentrato sottoscritto prevede importanti innovazioni in termini normativi, che rappresentano un passo avanti per rilanciare l’azione dell’Ente e migliorare il benessere organizzativo del personale.

“E’ il coronamento – commenta da parte sua il vicepresidente della giunta veneta – di un percorso di attenzione dell’amministrazione su questa tematica, condiviso con le parti sindacali, che ha portato la nostra Regione ad essere la prima ad inserire aspetti migliorativi ancora oggetto di discussione a livello nazionale”. Nel Contratto decentrato vengono infatti anticipati istituiti come la valutazione, la mobilità del personale, l’organizzazione del lavoro, la formazione ed il welfare aziendale.

Il contratto decentrato si applicherà a circa 2800 dipendenti e rappresenta un impegno importante che conferma la volontà dell’Ente di investire sul personale attraverso l’attuazione degli strumenti contrattuali e la razionalizzazione delle spese dell’Ente che vengono, in parte, proprio reinvestite sui lavoratori.

In particolare l’Amministrazione, la Rsu e le organizzazioni sindacali hanno definito un sistema di relazioni sindacali che introduca tutti gli elementi di confronto utili ad eliminare contenziosi e conflitti all’interno dell’Amministrazione. Per quanto riguarda la valutazione le parti si sono impegnate a confrontarsi sul sistema di performance che metta in campo strumenti di coinvolgimento del personale anche in merito al rapporto con i servizi da erogare ai cittadini.

L’importanza di costruire meccanismi di valutazione oggettivi del personale viene rafforzata anche attraverso l’istituzione di un nucleo indipendente di valutazione paritetico che avrà il compito di comporre eventuali conflitti e attuare soluzioni. In merito alla formazione viene definito di redigere un regolamento per l’accesso e la costruzione di un piano annuale condiviso che determini la crescita costante delle professionalità e delle competenze del personale.

In merito alla mobilità del personale viene anticipato il confronto nazionale attraverso la definizione del fabbisogno di personale e si prevede un apposito confronto tra le parti in un regolamento che permetta al personale di muoversi all’interno dell’ente, sostenendolo anche con il piano formativo definito. Il Contratto decentrato, per la parte normativa, sarà applicato anche ai circa 400 lavoratori delle Province transitati in Regione a seguito del riordino delle competenze attuato nel 2016 in modo da coinvolgere appieno tale personale nell’attività dell’Ente.

Il Contratto decentrato sottoscritto, concludono le parti, rappresenta un rafforzamento dell’azione amministrativa della Regione Veneto al fine di determinare sempre maggiore efficacia ed efficienza della macchina pubblica.



Data ultimo aggiornamento: 05/10/2017

amministrazione regionale gianluca forcolin contratti personale
Archivio Comunicati
Notizia n. 1703 del 14/12/2017

FRANA DI PERAROLO. SCHEDA TECNICA SUGLI INTERVENTI

14/dic/2017 |

Notizia n. 1707 del 14/12/2017

PORTOGRUARO CAMPUS: DA REGIONE VENETO CONTRIBUTO DI 100 MILA EURO PER CORSI DI LAUREA E POST LAUREA

14/dic/2017 | assessore Elena Donazzan su contributo a Fondazione Portogruaro Campus per corsi di laurea e post laurea

Notizia n. 1704 del 14/12/2017

INGEGNERIA A VICENZA: DA REGIONE VENETO CONTRIBUTO DI 50 MILA EURO AI CORSI DELLA FONDAZIONE STUDI UNIVERSITÀ

14/dic/2017 | assessore Elena Donazzan su contributi Fondazione Studi Universitari di Vicenza