GIANANTONIO CIBOTTO: IL CORDOGLIO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE PER IL CANTORE DEL DELTA, “UNO SPIRITO LIBERO CHE HA DATO DIGNITÀ ALLA TERRA VENETA E ALLA SUA GENTE”

Comunicato stampa N° 1128 del 12/08/2017
 (AVN) Venezia, 12 agosto 2017

 

“Di sicuro sarai andato in Paradiso con la carrozza, con un sorriso irriverente ma lanciando un ultimo sguardo a quel delta infinito di cui eri stregato, magari borbottando un ultimo ‘stramalora’”. Così il governatore del Veneto ricorda Gian Antonio Cibotto, giornalista e scrittore, scomparso oggi a Rovigo.

 

“Tutti i veneti gli sono debitori per le pagine immortali nelle quali ha scolpito le cronache dell’alluvione del 1951, per i romanzi che hanno fatto conoscere al mondo intero la magia del Delta, per il recupero letterario e teatrale del Ruzante e della lingua ‘pavana’, per aver saputo colto, con penna sagace e acume profondo, le grandi trasformazioni della società veneta”, prosegue il presidente della Regione.

 

“La sua è una figura immensa di intellettuale vicino alla gente – prosegue il presidente – Da autorevole critico letterario, ha fondato e organizzato alcuni tra i premi letterari migliori d’Italia, il Campiello, il Comisso e il premio Estense,  ha lavorato con registi e autori di primo piano. Ma al tempo stesso, coni suoi versi in dialetto, con le sue cronache ‘letterarie’ e il suo spirito graffiante mai banale di giornalista, ha fotografato la terra veneta e la sua gente, facendo vivere tipi umani e affreschi che sono lo specchio del Veneto e nei quali continueranno a riconoscersi anche tra le generazioni future”.

 

“Con Gian Antonio il Veneto perde un sincero e irriverente cantore, uno spirito libero che con orgoglio dichiarava di appartenere ad una ‘razza da mona’ – conclude il presidente – e che come pochi altri ha dato dignità alle parole e ai sentimenti della gente veneta, alla cultura della sua terra. Grazie Gian Antonio, ti continueremo a trovare tra gli ‘scani’ del tuo delta, in quell’oasi di pace e di tempo sospeso dal quale non ti hai mai voluto separare”.



Data ultimo aggiornamento: 12/08/2017

luca zaia
Archivio Comunicati
Notizia n. 1151 del 18/08/2017

PRESIDENTE REGIONE: “PRIMA VALERIA, ORA LUCA: LA MANO ASSASSINA DEI TERRORISTI RIPORTA IL VENETO NEL DOLORE E NEL LUTTO”

18/ago/2017 | Luca Zaia “Prima Valeria Solesin a Parigi, ora Luca Russo a Barcellona: il Veneto paga un altro tributo di sangue a un’orrenda guerra, combattuta in modo bestiale contro persone innocenti e inermi, una mattanza che sta insanguinando e deturpando il mondo”. Sono parole di dolore quelle del Presidente della Regione per i tragici fatti di Barcellona, il brutale e inumano attentato che ha drammaticamente coinvolto ancora una volta la comunità veneta

Notizia n. 1149 del 18/08/2017

METEO: DOMANI STATO DI ATTENZIONE IN VENETO PER ROVESCI E TEMPORALI - POSSIBILI CRITICITÀ IDROGEOLOGICHE SINO ALLE PRIME ORE DI DOMENICA 20 AGOSTO

18/ago/2017 | allerta meteo per sabato 19 agosto sino alle prime ore di domenica 20

Notizia n. 1148 del 18/08/2017

UNIVERSITÀ: 50 MILA EURO DA REGIONE VENETO A FONDAZIONE PORTOGRUARO CAMPUS PER PROSSIMO ANNO ACCADEMICO

18/ago/2017 | assessore Elena Donazzan annuncia contributo a Fondazione Portogruaro campus

Notizia n. 1147 del 18/08/2017

PRESIDENTE REGIONE RINGRAZIA MEDICI CA’FONCELLO: “SONO UOMINI E PROFESSIONSITI COME LORO A RENDERE INVIDIABILE LA SANITÀ DEL VENETO”

18/ago/2017 | Luca Zaia Presidente della Regione del Veneto manifesta la sua stima e gratitudine nei confronti di Massimo Sonego e Alessandro Fiorindi, due medici dell’ospedale Ca’ Foncello di Treviso che, nei primi giorni di agosto, pur essendo fuori città per ferie, sono immediatamente rientrati al lavoro, abbandonando spontaneamente la vacanza per affrontare una lunga e complicata operazione, grazie alla quale sono stati scongiurati danni permanenti al cervello di un paziente

Notizia n. 1146 del 18/08/2017

EXPO 2017 IL VENETO 'VERDE' E SOSTENIBILE IN MOSTRA AD ASTANA - PER UNA SETTIMANA LA REGIONE PROTAGONISTA A PALAZZO ITALIA SUL TEMA ENERGIA E FUTURO

18/ago/2017 | Il Veneto in mostra all'Expo 2017 di Astana in Kazakistan