MALTEMPO: SOPRALLUOGO ASSESSORE VENETO PROTEZIONE CIVILE NEI COMUNI DEL DELTA DEL PO - "SPERO CHE CI SIA RICONOSCIUTO AL PIU' PRESTO LO STATO DI EMERGENZA"

Comunicato stampa N° 1129 del 12/08/2017
 (AVN) Venezia, 12 agosto 2017

 

Sopralluogo dell’assessore regionale alla Protezione Civile nelle aree del Delta del Po, colpite dal violento fortunale che 48 ore fa ha spezzato alberi e pioppeti, scoperchiato capannoni, travolto auto e devastato coltivazioni, divelto tralicci della rete elettrica. L’assessore, accompagnato dal responsabile della Protezione civile del Veneto, l’ingegner Luca Soppelsa, e dal coordinatore dei volontari della provincia di Rovigo, Maurizio Cappello, ha incontrato i sindaci dei comuni del Delta nel municipio di Rosolina, dove ha fatto il punto, a 48 ore dalla tromba d’aria, dei danni subiti, dei soccorsi e degli interventi di ripristino in corso.

 

“La situazione sta ritornando alla normalità – commenta l’assessore – anche se permangono alcune criticità per il mancato ripristino del servizio elettrico per alcune abitazioni e imprese della zona, a causa del laborioso ripristino dei tralicci abbattuti”.

 

L’assessore ha confermato agli amministratori locali dei comuni del Delta che, con la richiesta dello stato di emergenza, immediatamente avanzata dal governatore del Veneto giovedì stesso, l’iter per il riconoscimento dei danni provocati dalla calamità naturale è già stato avviato. “La Regione si è attivata subito, mobilitando d’urgenza la macchina dei soccorsi, e dal punto di vista amministrativo dichiarando lo stato di crisi. Ora ci auguriamo che ora ci vengano riconosciute al più presto le condizioni emergenziali – ha aggiunto – in modo da poter dare avvio alle pratiche di ricognizione dei danni pubblici e privati subiti e alle richieste degli indennizzi”.

 

“Ringrazio i corpi dei vigili del fuoco e della Protezione civile per il tempestivo intervento e generoso e solerte lavoro di queste giornate – ha sottolineato l’assessore – Anche in questa occasione la Protezione civile del Veneto ha dato prova di efficienza, organizzazione tempestiva e solidarietà: volontari e operatori delle squadre delle diverse province venete si sono mobilitati con grande rapidità a supporto della Protezione civile di Rovigo e di quella veneziana, riuscendo a raggiungere tutte le aree investite dalla furia devastatrice dell’anomala bufera di acqua e di vento”.  



Data ultimo aggiornamento: 12/08/2017

gianpaolo bottacin protezione civile
Archivio Comunicati