PFAS. ASSESSORE VENETO A M5S: “ARPAV MONITORA CENTINAIA DI SOSTANZE. OPERIAMO PER RISOLVERE IL PROBLEMA MA ANCHE PER RIVALERCI SU CHI HA INQUINATO”

Comunicato stampa N° 1003 del 14/07/2017
 (AVN) – Venezia, 14 luglio 2017
 
“Ancora una volta i 5 Stelle dimostrano intempestività su una questione delicata e complessa come quella dell’inquinamento da Pfas, facendo leva più sull’emotività che sui dati di fatto. La Regione viene accusata di non essersi attivata sulla verifica di una serie di isomeri e precursori. Ignorano però che da mesi Arpav sta monitorando centinaia e centinaia di isomeri e precursori in acqua potabile, falda e scarichi, riscontrando valori non allarmanti, valori che sono comunque consegnati immediatamente nelle mani dei Carabinieri con i quali è costante e massima la collaborazione”. E’ quanto afferma l’assessore regionale all’ambiente in merito alla conferenza stampa convocata oggi a Padova del Movimento 5 Stelle per rendere note iniziative sul tema della contaminazione da Pfas.
 
“L’unica verità a cui ci stiamo attenendo – aggiunge l’assessore - è che le recenti indagini dei Carabinieri hanno fatto emergere la presenza di sostanze inquinanti sotto la Miteni di Trissino e la Regione, in collaborazione con i Carabinieri e insieme a Comune e Provincia, ha dato immediata disposizione all’azienda di caratterizzare e bonificare il sedime. Se ci sono rifiuti sotterrati che generano l'inquinamento delle falde, come pare emergere dalle indagini, vanno rimossi quanto prima e questo deve essere fatto da chi ha inquinato, secondo il principio della normativa ambientale che chi inquina paga. E questo è ciò che la Regione sta facendo”. 
 
“Insieme a Comune e Provincia andremo fino in fondo per dare soluzione sul piano ambientale a questa problematica – conclude l’assessore – ma faremo di tutto anche per rivalerci su chi era a conoscenza dell’interramento dei rifiuti e non lo ha comunicato, andando anche indietro nel tempo. Chiameremo a rispondere tutti i proprietari dell’area e proprio con questo intendimento abbiamo sporto la prima denuncia nel luglio 2013 e ci siamo costituiti parte civile, condizione necessaria per chiedere i danni a chi ha inquinato. Siamo certi che lo faranno anche tutti i sindaci dei comuni che si sono trovati a subire l’inquinamento”.
 


Data ultimo aggiornamento: 14/07/2017

pfas gianpaolo bottacin inquinamento
Archivio Comunicati
Notizia n. 1289 del 25/09/2017

PFAS. DELL’ACQUA A GREENPEACE: “BENE LE VALUTAZIONI, MA SIAMO COMUNQUE PIU’ RESTRITTIVI DELLA SVEZIA”

25/set/2017 | Arpav PFAS DELL’ACQUA GREENPEACE RESTRITTIVI DELLA SVEZIA Regione del Veneto

Notizia n. 1287 del 25/09/2017

PFAS: PRESIDENTE VENETO. “DA OGGI UFFICIALI LIMITI PIU’ RESTRITTIVI DEL MONDO. GOVERNO MUTO PER 4 MESI NOI ABBIAMO AGITO IN 4 GIORNI”.

25/set/2017 | Pfas Zaia Bottacin Coletto Veneto fissa limiti bassissimi.

Notizia n. 1286 del 25/09/2017

“NONNO ASCOLTAMI!”: VERONA, PADOVA E TREVISO PROTAGONISTE A OTTOBRE DELLA CAMPAGNA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL’UDITO

25/set/2017 | Assessore politiche sociali regione veneto Manuela Lanzarin Verona, Padova e Treviso sono le tre città venete protagoniste della campagna nazionale “Nonno ascoltami!” per la prevenzione dei disturbi dell’udito. La campagna, realizzata da otto anni dall’omologa associazione con il supporto dell’Organizzazione mondiale della sanità

Notizia n. 1284 del 23/09/2017

GOVERNO IMPUGNA LEGGE SULLA BANDIERA DEL VENETO. PRESIDENTE REGIONE: “TRATTATI COME L’ULTIMA COLONIA DELL’IMPERO. RESISTEREMO”

23/set/2017 | Bandiera Regione del Veneto presidente Luca Zaia impugnazione legge consiglio ministri governo resisteremo