PFAS. ASSESSORE VENETO A M5S: “ARPAV MONITORA CENTINAIA DI SOSTANZE. OPERIAMO PER RISOLVERE IL PROBLEMA MA ANCHE PER RIVALERCI SU CHI HA INQUINATO”

Comunicato stampa N° 1003 del 14/07/2017
 (AVN) – Venezia, 14 luglio 2017
 
“Ancora una volta i 5 Stelle dimostrano intempestività su una questione delicata e complessa come quella dell’inquinamento da Pfas, facendo leva più sull’emotività che sui dati di fatto. La Regione viene accusata di non essersi attivata sulla verifica di una serie di isomeri e precursori. Ignorano però che da mesi Arpav sta monitorando centinaia e centinaia di isomeri e precursori in acqua potabile, falda e scarichi, riscontrando valori non allarmanti, valori che sono comunque consegnati immediatamente nelle mani dei Carabinieri con i quali è costante e massima la collaborazione”. E’ quanto afferma l’assessore regionale all’ambiente in merito alla conferenza stampa convocata oggi a Padova del Movimento 5 Stelle per rendere note iniziative sul tema della contaminazione da Pfas.
 
“L’unica verità a cui ci stiamo attenendo – aggiunge l’assessore - è che le recenti indagini dei Carabinieri hanno fatto emergere la presenza di sostanze inquinanti sotto la Miteni di Trissino e la Regione, in collaborazione con i Carabinieri e insieme a Comune e Provincia, ha dato immediata disposizione all’azienda di caratterizzare e bonificare il sedime. Se ci sono rifiuti sotterrati che generano l'inquinamento delle falde, come pare emergere dalle indagini, vanno rimossi quanto prima e questo deve essere fatto da chi ha inquinato, secondo il principio della normativa ambientale che chi inquina paga. E questo è ciò che la Regione sta facendo”. 
 
“Insieme a Comune e Provincia andremo fino in fondo per dare soluzione sul piano ambientale a questa problematica – conclude l’assessore – ma faremo di tutto anche per rivalerci su chi era a conoscenza dell’interramento dei rifiuti e non lo ha comunicato, andando anche indietro nel tempo. Chiameremo a rispondere tutti i proprietari dell’area e proprio con questo intendimento abbiamo sporto la prima denuncia nel luglio 2013 e ci siamo costituiti parte civile, condizione necessaria per chiedere i danni a chi ha inquinato. Siamo certi che lo faranno anche tutti i sindaci dei comuni che si sono trovati a subire l’inquinamento”.
 


Data ultimo aggiornamento: 14/07/2017

pfas gianpaolo bottacin inquinamento
Archivio Comunicati
Notizia n. 210 del 23/02/2018

ASSESSORE VENETO ALL’AMBIENTE: “L’USO DEL CSS NON LO HA VOLUTO LA REGIONE, NOI APPLICHIAMO LE NORME COMUNITARIE E STATALI E NON IN MODO INDISCRIMINATO”

23/feb/2018 | Gianpaolo Bottacin assessore ambiente regione veneto CSS combustibile ottenuto dal trattamento dei rifiuti solidi urbani norma europea 2013 legge nazionale italiana indistintamente applicato con prudenza attente valutazioni e verifiche autorizzazioni impianti sono di competenza delle Province

Notizia n. 209 del 23/02/2018

METEO. STATO DI ATTENZIONE PER NEVE E PER VENTO IN PIANURA

23/feb/2018 | meteo attenzione neve forte vento ghiaccio protezione civile

Notizia n. 208 del 23/02/2018

REGIONE VENETO E ANAS FIRMANO ACCORDO PROGRAMMATICO E PROTOCOLLO D’INTESA PER COLLABORAZIONE NELLO SVILUPPO INFRASTRUTTURALE E PER LA GESTIONE DELLA RETE STRADALE REGIONALE

23/feb/2018 | Luca Zaia Elisa De Berti Si è svolto oggi a Palazzo Balbi a Venezia l’incontro per la firma di un Accordo Programmatico e di un Protocollo di intesa tra Regione Veneto e Anas, che rafforzano la reciproca collaborazione in materia di infrastrutture viarie. L’Accordo Programmatico sottoscritto tra il Presidente della Regione Veneto e l’Amministratore Delegato di Anas, Gianni Vittorio Armani, prevede una serie di azioni che saranno attivate per promuovere e garantire la migliore fruibilità della rete stradale in Veneto, assicurando adeguati investimenti per la riqualificazione della rete esistente e individuando nuovi investimenti per l’ammodernamento della stessa

Notizia n. 207 del 22/02/2018

SANITA’. MEF SBLOCCA 86 MILIONI PER IL VENETO. ASSESSORE REGIONE “NESSUN REGALO. GUADAGNATI CON LA VIRTUOSITA’. RESTITUITO L’1% CHE IL MINISTERO TRATTIENE OGNI ANNO SUL FONDO SANITARIO NAZIONALE”

22/feb/2018 | SANITA’. MEF SBLOCCA 86 MILIONI PER IL VENETO. ASSESSORE REGIONE “NESSUN REGALO. GUADAGNATI CON LA VIRTUOSITA’. RESTITUITO L’1% CHE IL MINISTERO TRATTIENE OGNI ANNO SUL FONDO SANITARIO NAZIONALE”