INVESTITI 440 MILA EURO PER NUOVA BRIGLIA FILTRANTE A BRENTINO BELLUNO (VR). ASSESSORE BOTTACIN: “PROSEGUE IL NOSTRO LAVORO PER LA CURA DEL TERRITORIO”

Comunicato stampa N° 950 del 30/06/2017
 (AVN) Venezia, 30 giugno 2017 
 
È stata recentemente completata e collaudata un’importante briglia filtrante sul Rio Secco in località Casarole del Comune di Brentino Belluno, in provincia di Verona, con relativo adeguamento della viabilità di servizio.
 
“Per questo intervento, che abbiamo curato tramite la nostra Unità Organizzativa Forestale Veneto Ovest – spiega l’assessore regionale all’ambiente e alla difesa del suolo, Gianpaolo Bottacin –, sono stati investiti complessivamente 440.000 euro. Anche quest’opera è stata programmata a seguito di una serie di eventi meteorologici che negli ultimi anni hanno interessato l’abitato del Comune di Brentino Belluno, causando l’esondazione del torrente Rio Secco con deposito di materiale  in centro paese e alla confluenza con il Rio Molini  poco prima del fiume Adige”.
 
Lo studio, condotto dalla Struttura Forestale insieme al Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali dell’Università di Padova, ha individuato gli interventi necessari alla mitigazione del rischio, dovuto soprattutto all’intenso trasporto solido, a difesa  dell’abitato di Belluno Veronese, oltre che del Canale Biffis e della Strada Provinciale.
 
“Dopo essere intervenuti con la manutenzione delle opere esistenti – aggiunge l’assessore –, si è  valutata favorevolmente la realizzazione di una briglia filtrante quale opera cardine della sistemazione idraulica  del bacino con prevalente funzione di trattenuta del materiale solido, da situarsi in località Casarole, per impedire il verificarsi del deposito di materiale nei punti di fragilità non ancora risolti in paese”.
 
Nella scelta del sito più idoneo si è tenuto conto anche dell’inserimento paesaggistico, adottando la tecnica di finitura dell’opera con paramento in pietrame faccia a vista.  L’opera è stata quindi completata a valle con una massicciata e una soglia  in massi ciclopici. La viabilità di successiva gestione è stata adeguata, in modo tale da consentire l’accesso al bacino di deposito a tergo della stessa.
“Proseguono in maniera incessante – conclude Bottacin – i nostri lavori per la cura del territorio con particolare attenzione agli aspetti legati alla difesa  idrogeologica, all’interno di un piano da 2,7 miliardi di euro e del quale abbiamo recentemente già attuato interventi per 900 milioni”.
 


Data ultimo aggiornamento: 30/06/2017

difesa del suolo gianpaolo bottacin ambiente
Archivio Comunicati
Notizia n. 1289 del 25/09/2017

PFAS. DELL’ACQUA A GREENPEACE: “BENE LE VALUTAZIONI, MA SIAMO COMUNQUE PIU’ RESTRITTIVI DELLA SVEZIA”

25/set/2017 | Arpav PFAS DELL’ACQUA GREENPEACE RESTRITTIVI DELLA SVEZIA Regione del Veneto

Notizia n. 1287 del 25/09/2017

PFAS: PRESIDENTE VENETO. “DA OGGI UFFICIALI LIMITI PIU’ RESTRITTIVI DEL MONDO. GOVERNO MUTO PER 4 MESI NOI ABBIAMO AGITO IN 4 GIORNI”.

25/set/2017 | Pfas Zaia Bottacin Coletto Veneto fissa limiti bassissimi.

Notizia n. 1286 del 25/09/2017

“NONNO ASCOLTAMI!”: VERONA, PADOVA E TREVISO PROTAGONISTE A OTTOBRE DELLA CAMPAGNA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI DISTURBI DELL’UDITO

25/set/2017 | Assessore politiche sociali regione veneto Manuela Lanzarin Verona, Padova e Treviso sono le tre città venete protagoniste della campagna nazionale “Nonno ascoltami!” per la prevenzione dei disturbi dell’udito. La campagna, realizzata da otto anni dall’omologa associazione con il supporto dell’Organizzazione mondiale della sanità

Notizia n. 1284 del 23/09/2017

GOVERNO IMPUGNA LEGGE SULLA BANDIERA DEL VENETO. PRESIDENTE REGIONE: “TRATTATI COME L’ULTIMA COLONIA DELL’IMPERO. RESISTEREMO”

23/set/2017 | Bandiera Regione del Veneto presidente Luca Zaia impugnazione legge consiglio ministri governo resisteremo