SANITA’: INFORMATIZZAZIONE, IN MILLE DA TUTTO IL MONDO A VENEZIA PER CONNECTATHON 2017. COLETTO, “IL FUTURO E’ GIA’ QUI. PER IL VENETO E I VENETI 100 MILIONI RISPARMIATI”

Comunicato stampa N° 497 del 06/04/2017
(AVN) Venezia, 6 aprile 2017

Passa da Venezia la strada dell’innovazione nella sanità internazionale. Sono 360 i tecnici esperti di interoperabilità in ambito sanitario provenienti da tutto il mondo (dall’Europa all’India, dagli Stati Uniti fino alla Cina) che da lunedì scorso sono a Venezia, alla Stazione Marittima, per il Connectathon 2017, settimana internazionale dedicata alla sanità digitale promossa IHE Europe e organizzata da IHE Italia in stretta collaborazione con Regione Veneto e Arsenàl.IT.  90 le aziende da tutta Europa presenti con 115 prodotti che vengono testati per verificare che i sistemi realizzati dai vari produttori siano in grado di comunicare, garantendo la corretta trasmissione, condivisione e utilizzo dei dati clinici. Tutto ciò per migliorare i processi di cura a vantaggio di tutti i pazienti. Alla settimana di eventi hanno partecipato complessivamente oltre mille persone.

Stamane l’assessore regionale alla sanità Luca Coletto ha aperto il convegno dedicato a “Privacy e Fascicolo Sanitario Elettronico: open issues”, confronto durante il quale sono state presentate esperienze regionali legate a privacy e fascicolo sanitario.  Come sottolineato dallo stesso assessore, particolarmente importante la presenza delle associazioni di cittadini: al tavolo era presente anche Tonino Aceti, presidente nazionale di Cittadinanzattiva, segno della fattiva collaborazione messa in campo nella costruzione dei servizi anche di sanità digitale nella nostra regione.

“Se penso alla situazione a macchia di leopardo dalla quale siamo partiti sei anni fa, scommettendo sull’informatizzazione in Sanità e sulle professionalità di Arsenàl.it – ha detto Coletto – vedere oggi praticamente tutto il mondo confrontarsi con noi è davvero una grande soddisfazione. Avevamo visto giusto. L’informatizzazione aiuta l’organizzazione, aiuta i sanitari, aiuta le gente perché sburocratizza e toglie le carte in più dalla partita del rapporto tra cittadino e sanità pubblica”.
Modernità, nuovi servizi alle persone con la sanità a km zero, ma anche circa 100 milioni di euro l’anno di risparmi tra costi diretti e indiretti per aziende sanitarie e cittadini. Questo significa – secondo Coletto -  l’informatizzazione in sanità, un percorso che ha, in prospettiva nemmeno tanto lontana, il completamento del fascicolo sanitario digitale, con il quale rafforzeremo la nostra leadership in Italia e in Europa, già oggi realtà sulla base dei risultati dell’analisi condotta con il metodo Emram (Electronical Medical Record Adoption Model) su 392 strutture ospedaliere italiane e 1.144 europee. Si tratta del sistema di valutazione internazionale che misura il grado di digitalizzazione in sanità attraverso un preciso dataset e permette di posizionare una struttura ad un livello ben definito in una scala che va da zero a sette, ha ottenuto una media di 2,86, contro l’1,61 delle 392 strutture sanitarie italiane esaminate e contro l’1,95 a cui sono arrivate le 1.144 strutture europee esaminate. La sanità – ha concluso Coletto – viaggia spedita verso l’Agenda Digitale 2020”.

L’assessore, accompagnato dai tecnici di Arsenàl.IT, ha potuto assistere in prima persona ai test  attraverso i quali in questi giorni si stanno sperimentando i software e i vari prodotti che verranno poi messi a disposizione nelle aziende sanitarie non solo venete, ma a livello internazionale. Gli sono state presentate, in particolare, alcune applicazioni per il mobile che si stanno sviluppando per permettere a tutti i cittadini veneti (e non solo) l’accesso semplice ed immediato alle proprie cure. Tutto ciò, come previsto dalla programmazione regionale, avverrà nell’ambito della realizzazione del fascicolo sanitario elettronico, obiettivo prioritario della Regione Veneto. L’assessore si è complimentato con tutti gli organizzatori, in particolare con il team tecnico di Arsenàl.IT che collabora da anni con IHE (Integrating the Healthcare Enterprise), ente internazionale autorevole nel riconoscimento e nella certificazione dei profili di interoperabilità che garantiscono ai sistemi sanitari di condividere dati e immagini a fini di cura. “I risultati raggiunti a Venezia – ha concluso coletto - sono infatti patrimonio di tutto il sistema sanitario”.



Data ultimo aggiornamento: 06/04/2017

sanità luca coletto
Archivio Comunicati
Notizia n. 1203 del 17/08/2018

ASSESSORE LANZARIN VISITA A LAMON (BL) “CASA CHARITAS” E IL CENTRO DI RIABILITAZIONE DELL’ULSS N. 1

17/ago/2018 | L’assessore regionale alle politiche sociali, Manuela Lanzarin, accompagnata dal consigliere della zona, Franco Gidoni, ha visitato stamane due strutture socio-sanitarie a Lamon, in provincia di Belluno: il Centro di Recupero e Rieducazione Funzionale dell’Azienda Ulss n. 1 e la casa di riposo “Casa Charitas”.

Notizia n. 1202 del 17/08/2018

WEST NILE. ASSESSORE COLETTO: “DA CERTA STAMPA TEUTONICA GROSSOLANE FALSITÀ”

17/ago/2018 | Con queste parole l’assessore regionale alla sanità, Luca Coletto, respinge al mittente, bollandole come "grossolane falsità" le notizie allarmistiche sulla questione della West Nile, pubblicate da alcune testate austriache.

Notizia n. 1201 del 17/08/2018

LAVORI DI RIPRISTINO IN CORRISPONDENZA DEL PONTE DEI CAVALLI A DOLO (VE). BOTTACIN: “INTERVENTO TEMPESTIVO PER LA SICUREZZA IDRAULICA”

17/ago/2018 | Assessore difesa suolo Gianpaolo Bottacin È stato avviato nei giorni scorsi e si concluderà entro l’autunno l’intervento di somma urgenza a seguito del cedimento strutturale del manufatto idraulico in corrispondenza del Ponte dei Cavalli sullo scaricatore di Dolo, in provincia di Venezia.

Notizia n. 1200 del 16/08/2018

ORDIGNO SEDE LEGA TREVISO. ZAIA: “ATTO GRAVISSIMO, CHI ATTENTA ALLA DEMOCRAZIA TROVERÀ SEMPRE UNA FORTE OPPOSIZIONE DEMOCRATICA”

16/ago/2018 | Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta il grave atto compiuto la notte scorsa al K3, sede della Lega a Treviso.

Notizia n. 1199 del 16/08/2018

IL CORDOGLIO DEL PRESIDENTE ZAIA PER LA SCOMPARSA DI UN CAMIONISTA DI VICENZA NELLA TRAGEDIA DI GENOVA

16/ago/2018 | Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, ricorda Vincenzo Licata, il camionista siciliano che viveva da anni a Vicenza, morto nel crollo del Ponte Morandi a Genova.