Archivio Comunicati
Notizia n. 1186 del 19/07/2019

WEST NILE. PRIMO CASO DEL 2019 IN VENETO. LANZARIN, “DIFFUSIONE LIMITATA RISPETTO AL 2018 MA TENIAMO ALTA LA GUARDIA”

19/lug/2019 | WEST NILE. PRIMO CASO DEL 2019 IN VENETO. LANZARIN, “DIFFUSIONE LIMITATA RISPETTO AL 2018 MA TENIAMO ALTA LA GUARDIA”

Notizia n. 11 del 19/07/2019

PIANO REGIONALE TRASPORTI: SI CONCLUDE CICLO DI CONSULTAZIONI TERRITORIALI, ASSESSORE DE BERTI, “OSSERVAZIONI E CONTRIBUTI UTILI PER UNA PROGRAMMAZIONE MIRATA E LUNGIMIRANTE”

19/lug/2019 | PIANO REGIONALE TRASPORTI: SI CONCLUDE CICLO DI CONSULTAZIONI TERRITORIALI, ASSESSORE DE BERTI, “OSSERVAZIONI E CONTRIBUTI UTILI PER UNA PROGRAMMAZIONE MIRATA E LUNGIMIRANTE”

Notizia n. 1185 del 19/07/2019

BELLUNESI NEL MONDO: ZAIA, “CON BARCELLONI CORTE IL VENETO PERDE LA VOCE DEI MIGRANTI E L’ARTEFICE DEL SACELLO SUL VAJONT”

19/lug/2019 | BELLUNESI NEL MONDO: ZAIA, “CON BARCELLONI CORTE IL VENETO PERDE LA VOCE DEI MIGRANTI E L’ARTEFICE DEL SACELLO SUL VAJONT”

Notizia n. 1184 del 19/07/2019

OGGI A GIAVERA DEL MONTELLO (TREVISO) IL PRESIDENTE ZAIA IN VISITA ALLA TECNICA GROUP PER I CINQUANT’ANNI DEL MOON BOOT

19/lug/2019 | OGGI A GIAVERA DEL MONTELLO (TREVISO) IL PRESIDENTE ZAIA IN VISITA ALLA TECNICA GROUP PER I CINQUANT’ANNI DEL MOON BOOT

Notizia n. 1182 del 19/07/2019

PARI OPPORTUNITÀ: REPORT SUL LAVORO IN VENETO, PIÙ DONNE AL LAVORO E PIÙ DONNE AI VERTICI LUNEDÌ 22 LUGLIO PRESENTAZIONE ALL’UNIVERSITÀ DI PADOVA (ORE 14.30)

19/lug/2019 | PARI OPPORTUNITÀ: REPORT SUL LAVORO IN VENETO, PIÙ DONNE AL LAVORO E PIÙ DONNE AI VERTICI LUNEDÌ 22 LUGLIO PRESENTAZIONE ALL’UNIVERSITÀ DI PADOVA (ORE 14.30)

SANITA’: OSSERVATORIO FONDAZIONE GHIROTTI PROMUOVE RETE HOSPICE E CURE PALLIATIVE IN VENETO. 20 STRUTTURE E 194 POSTI LETTO. NUOVO ASSETTO DA FEBBRAIO. COLETTO, “CONTENTI MA GIA’ AL LAVORO PER FARE MEGLIO”.

Comunicato stampa N° 373 del 15/03/2017
(AVN) Venezia, 15 marzo 2017

I 20 hospice del Veneto operanti in tutte le Ullss della Regione, con i loro 194 posti letto, e la rete di cure palliative, costituiscono un esempio nazionale di applicazione della legge 38 del 2010 varata per combattere il dolore.

Il quadro emerge dalla sezione dedicata al Veneto della presentazione dell’Osservatorio per il Monitoraggio della Terapia del Dolore e delle Cure Palliative, avvenuta oggi a Roma a cura della Fondazione Gigi Ghirotti Onlus con la collaborazione della Conferenza delle Regioni e delle Province italiane.

Il dato è emerso da un questionario sottoposto alla compilazione di un migliaio di persone (malate e non), dal quale emerge, ad esempio, che l’87% delle persone che si sono rivolte a un centro di terapia del dolore è “abbastanza” o “molto” soddisfatto dell’assistenza ricevuta, con un 6% di “non saprei” e un 7% di poco soddisfatti. L’assistenza ricevuta in un hospice ha ottenuto un gradimento dell’82%, con un 15% di “non saprei”. Stesso gradimento (82%) per l’assistenza domiciliare ricevuta, con 11% di “non saprei”.

“Il dolore in generale e le sofferenze dei malati terminali e dei loro cari – commenta l’Assessore regionale alla Sanità Luca Coletto – sono da anni una delle priorità della sanità veneta e ricevere dalla Fondazione Ghirotti una pagella di promozione senza riserve è una bella soddisfazione. E’ però un punto di partenza e non di arrivo, perché, proprio il 28 febbraio scorso la Giunta Zaia ha approvato una delibera per definire ancora meglio il modello assistenziale delle cure palliative, personalizzando ancor di più la tipologia assistenziale. Quando la legge 38 fu approvata a livello nazionale – ricorda Coletto – l’organizzazione veneta era già stata realizzata e attivata e fu presa ad esempio anche dal legislatore nazionale per i suoi contenuti positivi”.

Valutando alcune risposte alle domande rivolte dal questionario ai cittadini, emergono risposte di particolare interesse.

A parte l’atto gradimento per l’assistenza ricevuta, ad esempio emerge che il 72% degli intervistati non sa che in Italia esiste una legge che garantisce l’accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative e il 7% non sa che le strutture sanitarie sono obbligate a misurare il dolore segnalandolo in cartella clinica assieme ai risultati ottenuti con la terapia.

“Queso dato – dice Coletto – indica la necessità di incrementare anche la azioni di informazione al paziente, e ne faremo tesoro”.

Tra le classi d’età, sono i più giovani e i più anziani a non essere al corrente dell’esistenza di questa realtà: non lo sa l’80% dei giovani da 18 a 29 anni e il 70% degli over 74. I più informati sono i cittadini fra 30 e 44 anni (42% di sì) e quelli fra i 45 e i 59 anni (anche se i sì calano al 35%).

I 20 hospice operanti in Veneto sono due nell’Ulss Dolomitica (Casa Tua Due di Belluno e Le Vette di Feltre); due nell’Ulss Marca Trevigiana (Casa Antica Fonte di Vittorio Veneto e Casa dei Gelsi di Treviso; tre nell’Ulss Serenissima (Centro Nazareth di Venezia-Zelarino, Fatebenefratelli di Venezia, Policlinico San Marco di Mestre); due nell’Ulss del Veneto Orientale (G. Francescon di Portogruaro e Centro Iris di San Donà); uno nell’Ulss Polesana (Casa del Vento Rosa a Lendinara); cinque nell’Ulss Euganea (Il Melograno a Camposampiero, Casa del Carmine a Cittadella, Paolo VI a Padova, Casa S. Chiara a Padova, hospice Montagnana); due nell’Ulss Pedemontana (Casa Gerosa a Bassano e Centro Guido Negri a Thiene); uno nell’Ulss Berica (a Vicenza); due nell’Ulss Scaligera (Marzana-Verona e Cologna Veneta).

Al seguente link è possibile scaricare il quadro completo degli hospice e dei posti letto nel Veneto:

http://cureintermedie.regione.veneto.it/area-hospice/anagrafica



Data ultimo aggiornamento: 15/03/2017

luca coletto luca zaia