Archivio Comunicati
Notizia n. 1888 del 17/11/2019

PROTEZIONE CIVILE. CONTINUANO LE PRECIPITAZIONI INTENSE. MASSIMA ATTENZIONE LUNGO TUTTI I FIUMI E NELLE ZONE DELL’ALTO AGORDINO PER ALLERTA VALANGHE

17/nov/2019 | PROTEZIONE CIVILE. CONTINUANO LE PRECIPITAZIONI INTENSE. MASSIMA ATTENZIONE LUNGO TUTTI I FIUMI E NELLE ZONE DELL’ALTO AGORDINO PER ALLERTA VALANGHE

Notizia n. 1884 del 16/11/2019

GIORDANO NUOVO PRESIDENTE FISM. DA ZAIA COMPLIMENTI E BUON LAVORO. “NOI ALLEATI PER IL RISPETTO DELL’ARTICOLO 33 DELLA COSTITUZIONE. SENZA LE PARITARIE DECINE DI MIGLIAIA DI BIMBI SAREBBERO SENZA SCUOLA”

16/nov/2019 | GIORDANO NUOVO PRESIDENTE FISM. DA ZAIA COMPLIMENTI E BUON LAVORO. “NOI ALLEATI PER IL RISPETTO DELL’ARTICOLO 33 DELLA COSTITUZIONE. SENZA LE PARITARIE DECINE DI MIGLIAIA DI BIMBI SAREBBERO SENZA SCUOLA”

Notizia n. 1883 del 16/11/2019

MALTEMPO. SQUADRE DELLA PROTEZIONE CIVILE CHIAMATE A METTERE IN SICUREZZA LE CHIESE DI VENEZIA E DELLE ISOLE. BOTTACIN, “FONDAMENTALE COLLABORAZIONE E MASSIMA DISPONIBILITA’ DEL SISTEMA REGIONALE”

16/nov/2019 | MALTEMPO. SQUADRE DELLA PROTEZIONE CIVILE CHIAMATE A METTERE IN SICUREZZA LE CHIESE DI VENEZIA E DELLE ISOLE. BOTTACIN FONDAMENTALE COLLABORAZIONE E MASSIMA DISPONIBILITA’ DEL SISTEMA REGIONALE

Notizia n. 1882 del 16/11/2019

MALTEMPO. IN VENETO LEGGERO MIGLIORAMENTO. ATTESE NUOVE PRECIPITAZIONI DALLA SERATA DI OGGI. NUOVO BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE REGIONALE

16/nov/2019 | MALTEMPO. IN VENETO LEGGERO MIGLIORAMENTO. ATTESE NUOVE PRECIPITAZIONI DALLA SERATA DI OGGI. NUOVO BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE REGIONALE

Notizia n. 1881 del 15/11/2019

NUOVO OSPEDALE PADOVA, ZAIA: “ECCO IL NUOVO OSPEDALE DELLA CITTÀ, DOPO ANNI DI CHIACCHIERE E POLEMICHE INUTILI. MA NOI, COME SEMPRE, GUARDIAMO AI FATTI E AI RISULTATI”

15/nov/2019 | NUOVO OSPEDALE PADOVA, ZAIA: “ECCO IL NUOVO OSPEDALE DELLA CITTÀ, DOPO ANNI DI CHIACCHIERE E POLEMICHE INUTILI. MA NOI, COME SEMPRE, GUARDIAMO AI FATTI E AI RISULTATI”

AVIARIA IN DUE ALLEVAMENTI A MIRA E PIOVE DI SACCO: ORDINANZA DELLA REGIONE CON RESTRIZIONI PER EVITARE DIFFUSIONE CONTAGIO.

Comunicato stampa N° 95 del 24/01/2017
(AVN) Venezia, 24 gennaio 2017

I focolai di influenza aviaria riscontrati in allevamenti di volatili nei Comuni di Mira (Venezia) e Piove di Sacco (Padova) hanno portato all’emanazione da parte della Regione di un’ordinanza che dispone una serie di misure restrittive per contenere l’eventuale diffusione del virus.
Prima di tutto, l’ordinanza istituisce un zona definita “di protezione” e una definita “di sorveglianza”, così come segue:

1) Zona di Protezione così delimitata
- Comune di Mira: a ovest e a nord della Laguna di Venezia, a sud dell’Idrovia Padova-Venezia
- Comune di Campagna Lupia: a est Ferrovia Venezia-Piove di Sacco e a ovest della Laguna di Venezia
- Comune di Piove di Sacco: a est Ferrovia Venezia-Piove di Sacco e a nord della SS16
- Comune di Codevigo: a nord della SS16 e a ovest della Laguna di Venezia
- Comune di Campolongo Maggiore: a est Ferrovia Venezia-Piove di Sacco

2) Zona di Sorveglianza così delimitata

- Comune di Venezia: a sud di Marghera e della Ferrovia Venezia-Padova
- Comune di Mira: a nord dell’Idrovia Padova-Venezia
- Comune di Mirano: a est dell’Autostrada A4
- Comune di Pianiga: a sud-est dell’Autostrada A4
- Comune di Dolo: a sud di via Cazzaghetto e est di via Arino
- Comune di Fiesso: a est di via Pampagnina
- Comune di Strà: a est di Case Zago, di via Brenton e Case Giantin
- Comune di Fossò
- Comune di Camponogara
- Comune di Campagna Lupia: a ovest Ferrovia Venezia-Piove di Sacco
- Comune di Vigonovo: a sud case Gianin, a est via Cesare Battisti, via Argine Fiume Brenta e via VillaMora
- Comune di Sant’Angelo di Piove di Sacco
- Comune di Campolongo Maggiore: a ovest Ferrovia Venezia-Piove di Sacco
- Comune di Brugine
- Comune di Piove di Sacco: a ovest Ferrovia Venezia-Piove di Sacco e a sud della SS16
- Comune di Arzergrande
- Comune di Pontelongo
- Comune di Correzzola
- Comune di Codevigo: a sud della SS16
- Comune di Chioggia: a nord Sp7

Tra le misure da applicare nella Zona di Protezione (1) ci sono:

il trasferimento del pollame e di tutti gli altri volatili in cattività all’interno di un edificio dell’Azienda. Qualora ciò sia irrealizzabile, essi vanno confinati in altro luogo della stessa azienda che non consenta contatti con altro pollame o volatili in cattività di altre aziende; i veicoli e le attrezzature utilizzate per trasporto o altri scopi vanno sottoposti a una o più disinfezioni; non sono ammessi, senza l’autorizzazione del veterinario ufficiale, l’ingresso o l’uscita da un’azienda di pollame, altri volatili in cattività o mammiferi domestici.

Tra le misure nella Zona di Sorveglianza (2) ci sono:

il divieto di movimentazione di pollame, pollastre, pulcini di un giorno, uova all’interno dell’intera Zona, salvo autorizzazione della Regione (il divieto non si applica al transito su strada o rotaia nella zona che non comporti operazioni di scarico o soste); il divieto di trasporto di pollame, pollastre, pulcini di un giorno e uova verso aziende, macelli, o centri di imballaggio o stabilimenti per la fabbricazione di ovoprodotti ubicati all’esterno della Zona di Sorveglianza.
In entrambi i casi la Regione può autorizzare il trasporto in deroga (vedasi ordinanza allegata).


Data ultimo aggiornamento: 24/01/2017

luca coletto luca zaia