SCUOLA: ASSESSORE DONAZZAN, “LA LETTERA DI UNA PRESIDE CORAGGIOSA RIMETTE AL CENTRO LA CONTINUITÀ DIDATTICA – NORME DA CAMBIARE, PER QUESTO CHIEDIAMO L’AUTONOMIA”

Comunicato stampa N° 34 del 11/01/2017
(AVN) Venezia, 11 gennaio 2017

“Brava la preside, ne apprezzo l’indignazione e il coraggio”. L’assessore all’istruzione della Regione Veneto, Elena Donazzan, si schiera a sostegno della preside dell’istituto tecnico industriale ‘F. Severi’ di Padova, Nadia Vidale, che si è fatta interprete dei sentimenti degli allievi e delle famiglie scrivendo una lettera – oggi pubblicata dal Corriere della Sera – al docente messosi in congedo sin dal primo giorno di scuola e rientrato alla vigilia delle vacanze di Natale per un solo giorno. Il docente ha ripresentato, infatti, domanda di congedo a partire dal 9 gennaio. E con il suo rientro, il 23 dicembre, ha così interrotto la supplenza, svolta da una insegnate motivata, preparata e apprezzata dagli studenti, costringendo l’istituto a rimettersi alla ricerca di un nuovo sostituto, scorrendo le graduatorie.   “Giustamente – commenta l’assessore reginale – la preside dell’istituto padovano chiede al docente per quale motivo sia tornato, cosa sia venuto a fare per un solo giorno in classe. Con la  sua lettera, pacata ma incalzante, ha sollevato un problema che ben conosciamo, presente in quasi tutte le scuole, ma che purtroppo si verifica nella piena legalità, in quanto trova legittimazione in un sistema codificato che antepone i diritti dei docenti a quelli degli studenti. Un sistema che tutela il diritto degli insegnanti di ruolo a conservare ilposto, ma che non ha mai messo al centro la continuità didattica e la tutela del diritto-dovere degli studenti di avere il meglio dall’istituzione scolastica” .

“Ringrazio la preside del Severi – prosegue Donazzan - perché  dà prova di non arrendersi ad un sistema consolidato e codificato. La sua lettera, grazie anche alla scelta editoriale del quotidiano nazionale che le ha dedicato la prima pagina, non pone solo un problema di coscienza e di deontologia alla classe docente, ma sollecita governo e parlamento ad interrogarsi e ad affrontare il problema del reclutamento docenti e della gestione delle supplenze, che incide profondamente sulla qualità della nostra scuola”.

“Un problema, quello della qualità e della continuità didattica, che è al centro della proposta di maggior autonomia – ricorda Elena Donazzan - che la Regione del Veneto intende portare avanti nel corso del 2017 con il referendum popolare. Scuola e formazione sono uno degli ambiti privilegiati in cui la Regione intende rivendicare maggiori forme e condizioni di autonomia. Poter scegliere gli insegnanti migliori, garantire dal primo giorno di scuola la docenza e la continuità didattica sono obiettivi raggiungibili: basta modificare la legge, collegando la programmazione dell’offerta scolastica ed i concorsi per i docenti al reale fabbisogno delle scuole”.

“Quanto a quell’insegnante che ha usato un sacrosanto strumento previsto da una norma di civiltà, cioè quello di conservare la cattedra in presenza di malattia o della malattia di un congiunto – conclude l’assessore veneto – intendo chiedere tutte le verifiche del caso: qualora ci fosse un abuso, dovrebbe essere licenziato”.


Data ultimo aggiornamento: 11/01/2017

scuola elena donazzan
Archivio Comunicati
Notizia n. 75 del 19/01/2017

CORAZZARI ILLUSTRA IN COMMISSIONE DISEGNO DI LEGGE PER INNOVARE DISCIPLINA AREE PROTETTE: “UN TESTO UNICO PER I PARCHI VENETI”

19/gen/2017 | “Oggi è iniziato l’iter che ci porterà a modificare la legislazione regionale in materia di parchi e aree protette, per consentire a tutti gli addetti ai lavori di operare in maniera più snella ed efficace nelle loro attività di promozione e di salvaguardia dei preziosi beni ambientali del territorio veneto”. Lo afferma con soddisfazione l’assessore al territorio e ai parchi della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari, che ha presentato stamane a Palazzo Ferro Fini, alla Seconda Commissione del Consiglio regionale, il disegno di legge “Disciplina e valorizzazione della rete ecologica regionale e delle aree naturali protette”.

Notizia n. 73 del 19/01/2017

UNA TASK FORCE PER LA SUPERSTRADA PEDEMONTANA. ZAIA: “IL NOSTRO OBIETTIVO È COMPLETARLA E APRIRLA AL TRAFFICO ENTRO IL 2020”

19/gen/2017 | Il coordinamento è stato affidato alla dottoressa Ilaria Bramezza, segretario generale della programmazione della Giunta regionale del Veneto; il commissario Autorità Vigilante è l’avvocato dello Stato, Marco Corsini, specializzato in contrattualistica pubblica, dipendente di ruolo dell’Avvocatura Generale dello Stato, che opererà a titolo gratuito; i compiti di carattere tecnico sono stati attribuiti all’ingegner Elisabetta Pellegrini, oggi direttore generale della Provincia di Verona e dal prossimo primo febbraio nuovo dirigente regionale; Responsabile Unico del Procedimento (RUP) è l’ingegner Giuseppe Fasiol, responsabile della direzione regionale delle infrastrutture e trasporti. Questi sono i vertici della task force voluta dal presidente Luca Zaia, che ha il compito di supportare la Regione del Veneto nelle funzioni di concedente, stazione appaltante, alta vigilanza e supporto tecnico per il completamento della superstrada a pedaggio Pedemontana Veneta, che con i suoi i 95 chilometri di tracciato, 16 caselli e i 35 comuni coinvolti, è la più grande opera pubblica attualmente cantierata in Italia

Notizia n. 74 del 19/01/2017

TERREMOTO: ASSESSORE BOTTACIN, “DAL VENETO DUE VELIVOLI IN SOCCORSO ALL’HOTEL RIGOPIANO E UN CENTINAIO DI VOLONTARI ATTREZZATI INVIATI IN ABRUZZO E MARCHE"

19/gen/2017 | assessore Gianpaolo Bottacin fa il punto sulal macchina dei soccorsi attivata per l'emergenza terremoto e neve che ha colpito il 18 gennaio il Centro Italia

Notizia n. 70 del 19/01/2017

OGGI SI RIUNISCE LA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. ZAIA INCONTRA I GIORNALISTI ALLE 12.

19/gen/2017 | Zaia oggi alle 12 incontra la stampa al Balbi.

Notizia n. 66 del 18/01/2017

CAMPIONATI STUDENTESCHI 2017. CORAZZARI: “CONTINUIAMO A SOSTENERE LA PRATICA SPORTIVA IN AMBITO SCOLASTICO”

18/gen/2017 | “Confermo l’impegno della Regione del Veneto a sostenere anche economicamente i Campionati Studenteschi 2017. Per l’esercizio in corso sono a disposizione circa 150 mila euro per l’organizzazione di eventi e per l’attuazione di progetti in ambito sportivo con le scuole: una parte di questi la destineremo sicuramente ai Campionati Studenteschi”. Lo ha detto l’assessore allo sport della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari