SANITA’: CREA TOR VERGATA “PROMUOVE” FEDERALISMO. COLETTO; “CON I COSTI STANDARD E’ LA VIA DEL FUTURO. DOVE HANNO STUDIATO I GENIALI FAUTORI DEL SI’ ALLA RIFORMA STRONCA REGIONI?”

Comunicato stampa N° 1696 del 14/12/2016
(AVN) Venezia, 14 dicembre 2016

“E’ evidente che nessuno dei geni che volevano affossare le Regioni usando l’arma del sì al referendum ha studiato, e se sì male, all’Università di Tor Vergata, i cui Rapporti sulla sanità hanno il carattere della serietà scientifica e dell’imparzialità”.
Lo dichiara l’Assessore regionale alla Sanità del Veneto Luca Coletto, commentando gli esiti del dodicesimo Rapporto Crea (Consorzio Ricerca Economica Applicata in Sanità) dell’Università di Tor Vergata, secondo i cui esperti il federalismo in sanità non ha fallito, ed è anzi riuscito a risanare gli aspetti finanziari e a migliorare anche l’applicazione dei Livelli Essenziali di Assistenza (i LEA).
“Ho sempre detto, e lo confermo – aggiunge Coletto – che si voleva buttare via il bambino con l’acqua sporca, perché il federalismo ha prodotto esempi virtuosi, come il Veneto che anche nel 2015 ha chiuso il bilancio sanitario in attivo di 12,5 milioni di euro, la Lombardia, l’Emilia Romagna, la Toscana che, con le loro buone pratiche, possono ora far da traino alle Regioni più in difficoltà, ma non da tappabuchi per gli sprechi, che devono cessare con l’applicazione rigorosa dei costi standard in tutto il Paese”.
“Il risanamento finanziario di cui parla Tor Vergata – fa notare Coletto – è il frutto prima di tutto di gestioni oculate, come quella del Veneto che da tempo si autoapplica i costi standard, alle quali si vanno assommando i primi risultati dei Piani di rientro in alcune altre Regioni, tanto doverosi quanto, purtroppo, tardivi rispetto a ciò che si poteva fare prima”.
Per l’Assessore del Veneto, “Tor Vergata ha indicato chiaramente la via futura: serve sempre più federalismo in sanità e in generale: non fermare chi è più avanti, ma aiutare chi arranca, con una cura da cavallo. I costi standard vanno applicati alla lettera, perché in caso contrario verrebbero vanificati anche gli effetti dei Piani di Rientro, come se una persona grassa, dopo una dieta da trenta chili, ne riprendesse quaranta”.
“E non si dimentichi – conclude Coletto – che, sempre grazie prima di tutto alla virtuosità prodotta dal federalismo in alcune Regioni,  in sanità dal 2014 finanziamenti e costi hanno raggiunto il pareggio, a differenza di altri settori fuori controllo ai cui buchi hanno contribuito i tagli al Fondo Sanitario Nazionale che tanto male hanno causato alle Regioni con i conti in ordine”.


Data ultimo aggiornamento: 14/12/2016

luca coletto luca zaia
Archivio Comunicati
Notizia n. 70 del 21/01/2018

COORDINAMENTO SUEM 118 VENETO SU VOLO NOTTURNO ELICOTTERI. “IN CORSO LAVORO SERIO SU UN PIANO CHE NON ESCLUDE NESSUNO”

21/gen/2018 | COORDINAMENTO SUEM 118 VENETO SU VOLO NOTTURNO ELICOTTERI. “IN CORSO LAVORO SERIO SU UN PIANO CHE NON ESCLUDE NESSUNO”

Notizia n. 69 del 20/01/2018

IMPIANTI RISALITA MALGA CIAPELA (BL). ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO: “LA LEGGE STATALE VA CAMBIATA”

20/gen/2018 | Federico Caner turismo impianti fune montagna malga ciapela marmolada legge statale cambiare Trentino Alto Adige

Notizia n. 67 del 19/01/2018

SOCIALE. RIPARTITI 18 MILIONI PER EDUCAZIONE E ISTRUZIONE BIMBI FINO A 6 ANNI IN VENETO. ASSESSORE “GIA’ AL LAVORO CON ANCI E FISM PER PROSSIMO BIENNIO”.

19/gen/2018 | SOCIALE. RIPARTITI 18 MILIONI PER EDUCAZIONE E ISTRUZIONE BIMBI FINO A 6 ANNI IN VENETO. ASSESSORE “GIA’ AL LAVORO CON ANCI E FISM PER PROSSIMO BIENNIO”.

Notizia n. 66 del 19/01/2018

MAFIE. ASSESSORE SICUREZZA REGIONE. “IN VENETO LOTTA CULTURALE E FORMATIVA. NESSUNO PUO’ CHIAMARSI FUORI”. GIORNATA DELLA MEMORIA DELLE VITTIME IL 21 MARZO A PADOVA CON 14 SCUOLE E 700 STUDENTI

19/gen/2018 | MAFIE. ASSESSORE SICUREZZA REGIONE. “IN VENETO LOTTA CULTURALE E FORMATIVA. NESSUNO PUO’ CHIAMARSI FUORI”. GIORNATA DELLA MEMORIA DELLE VITTIME IL 21 MARZO A PADOVA CON 14 SCUOLE E 700 STUDENTI