Archivio Comunicati
Notizia n. 1847 del 12/11/2019

CASE ATER: ASSESSORE LANZARIN, “MODIFICHE ALLA LEGGE PER TUTELARE LE FAMIGLIE FRAGILI E GLI ANZIANI ”

12/nov/2019 | CASE ATER: ASSESSORE LANZARIN, “MODIFICHE ALLA LEGGE PER TUTELARE LE FAMIGLIE FRAGILI E GLI ANZIANI ”

Notizia n. 1846 del 12/11/2019

PROTEZIONE CIVILE. RAGAZZO DONA PREMIO ALLA PROTEZIONE CIVILE. ASSESSORE BOTTACIN “PICCOLI, GRANDI GESTI CHE FANNO CRESCERE IL MONDO DEL VOLONTARIATO"

12/nov/2019 | PROTEZIONE CIVILE. RAGAZZO DONA PREMIO ALLA PROTEZIONE CIVILE. ASSESSORE BOTTACIN “PICCOLI, GRANDI GESTI CHE FANNO CRESCERE IL MONDO DEL VOLONTARIATO"

Notizia n. 1844 del 12/11/2019

OGGI A VENEZIA LA 15.a ASSEMBLEA DEL GECT “EUREGIO SENZA CONFINI”: MODIFICATO IL REGOLAMENTO PER CONSENTIRE L’ENTRATA NEL GRUPPO DELLA REGIONE ISTRIANA

12/nov/2019 | OGGI A VENEZIA LA 15.a ASSEMBLEA DEL GECT “EUREGIO SENZA CONFINI”: MODIFICATO IL REGOLAMENTO PER CONSENTIRE L’ENTRATA NEL GRUPPO DELLA REGIONE ISTRIANA

Notizia n. 1845 del 12/11/2019

PEDEMONTANA VENETA. GALLERIA DI MALO. COMUNICAZIONE DELLA STRUTTURA DI PROGETTO SPV

12/nov/2019 | PEDEMONTANA VENETA. GALLERIA DI MALO. COMUNICAZIONE DELLA STRUTTURA DI PROGETTO SPV

Notizia n. 1843 del 12/11/2019

DEFR. APPROVATO EMENDAMENTO PER RIDETERMINARE I FONDI PER I PROFESSIONISTI DELL’AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA. LANZARIN, “PRECISO IMPEGNO DELLA REGIONE PER MANTENERE L’ECCELLENZA DEL NOSTRO MODELLO SANITARIO”

12/nov/2019 | DEFR. APPROVATO EMENDAMENTO PER RIDETERMINARE I FONDI PER I PROFESSIONISTI DELL’AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA. LANZARIN, “PRECISO IMPEGNO DELLA REGIONE PER MANTENERE L’ECCELLENZA DEL NOSTRO MODELLO SANITARIO”

SANITA’: AVVIATO IL CAMMINO DELLA RIFORMA VENETA; ZAIA, “PARTITI SUBITO PER FARE PRESTO E BENE”. COLETTO, “A FRUTTO LE CAPACITA’ DEI NOSTRI TECNICI”. NOMINATO COMMISSARIO AZIENDA ZERO E COMITATO DI TECNICI PER L’ATTUAZIONE.

Comunicato stampa N° 1557 del 15/11/2016
(AVN) Venezia, 15 novembre 2016

“La nuova riforma della sanità veneta approvata il 25 ottobre scorso è di fatto già partita. Allora dissi ‘e adesso pancia a terra e lavorare’: era rivolto a me stesso, a noi, alla Giunta. L’abbiamo fatto. Prima si comincia e prima otterremo gli effetti benefici di questa svolta storica”.

Con queste parole, il Presidente della Regione Luca Zaia commenta la costituzione, avvenuta oggi con l’approvazione di una specifica delibera in Giunta, del Comitato regionale di Supporto agli Uffici dell’Area Sanità e Sociale per la cura e la predisposizione degli atti amministrativi da sottoporre alla Giunta regionale per garantire l’attuazione degli adempimenti e il rispetto dei termini fissati dalla riforma, che ha preso il nome di Legge Regionale 25 ottobre 2016, numero 19. La decisione segue di pochi giorni la nomina del dirigente regionale dell’Area Sanità e Sociale Mauro Bonin a Commissario dell’Azienda Zero.

“Per rendere operativi al più presto e senza intoppi i due cardini sui quali si basa il futuro amministrativo della sanità veneta: la nascita dell’Azienda Zero e la riduzione delle Ullss da 21 a 9 – aggiunge  Zaia – erano necessari due passaggi, la nomina del Commissario e l’attivazione di questo comitato di superesperti, prezioso per fare le cose presto e bene. A tutti va il mio augurio di buon lavoro e il ringraziamento per aver accettato di farlo gratuitamente”.

Il Comitato è composto dall’avvocato Giacomo Vigato, Direttore Unità Organizzativa Risorse Strumentali di area; dal dottor Claudio Costa, Direttore della Direzione Risorse Strumentali del Servizio Sanitario Regionale; dall’avvocato Francesco Magris, Direttore della Direzione Verifica e Gestione Atti del Presidente e della Giunta; dall’avvocato Patrizia Petralia, Direttore della Direzione Affari Legislativi; dal dottor Maurizio Santone, Direttore dell’Unità Organizzativa Procedure Contabili, Bilancio consolidato, Tavolo Adempimenti.

“Si comincia nel migliore dei modi con il lavoro di tecnici regionali di comprovata capacità – commenta l’Assessore alla Sanità Luca Coletto – mettendo a frutto il loro know how ed evitando di caricare di costi la collettività. E’ un esempio del criterio informatore di tutta la riforma – fa notare Coletto – che realizza la nuova sanità utilizzando tutte le risorse interne disponibili e tagliando tutti i costi amministrativi possibili. Meno burocrazia significa meno costi e più fondi da dedicare alle cure della gente, alla modernizzazione delle dotazioni tecnologiche, all’informatizzazione totale”.


Data ultimo aggiornamento: 15/11/2016

sanità luca coletto luca zaia