INCIDENTI DOMESTICI: PREVENZIONE A TAPPETO IN VENETO. PARTE “ARGENTOATTIVO” CON CAPOFILA L’ULSS 18 DI ROVIGO. 1.200 FARMACIE COINVOLTE. OGNI ANNO 140 MILA INCIDENTI E 7.000 RICOVERI. COLETTO; “BEL LAVORO. MOLTO BENE FOCUS SUGLI ANZIANI”.

Comunicato stampa N° 1348 del 07/10/2016
(AVN) Venezia, 7 ottobre 2016

La casa è un luogo molto meno sicuro di quanto si creda. Gli incidenti domestici provocano infatti circa ottomila decessi l’anno in Italia. In Veneto, ad esempio, gli incidenti domestici sono più di 140 mila l’anno, con settemila ricoveri in ospedale per i postumi, spesso gravi, di una caduta in casa. Almeno la metà di questi incidenti riguarda le persone con più di 75 anni che, nel 75% dei casi, cade almeno una volta l’anno in casa (camera da letto, cucina, bagno, scale, durante banali attività quotidiane). L’esito di gran lunga più frequente è una frattura, più o meno grave.

E’ sulla base di queste evidenze che la Regione del Veneto, nell’ambito del suo Programma Pluriennale di Prevenzione 2014-2018,  ha realizzato uno specifico Progetto di Prevenzione, denominato “ArgentOattivo”, che ha come capofila l’Azienda Ulss 18 di Rovigo con il suo Dipartimento di Prevenzione e che, a partire da lunedì prossimo 10 ottobre, scatterà in circa 1.200 farmacie in tutto il Veneto. Qui, anche con la diffusione di materiali informativi e di sgargianti shopper con vignette di consigli utili, i farmacisti sensibilizzeranno la clientela, anziani in primis, sulla necessità di porre attenzione a tanti gesti solo apparentemente innocui che si fanno quotidianamente in casa e che spesso possono causare un incidente.

Basti pensare che, dei 3 milioni e 500 mila incidenti domestici che accadono in Italia ogni anno, l’80% sono determinati da cadute (45%-50%), urti (17%), tagli (16%), percentuali che, punto più punto meno, sono rilevate anche in Veneto.

“Con la preziosa collaborazione dell’Ulss 18, del suo Dipartimento di Prevenzione, e dei farmacisti veneti che ringrazio per l’imponente lavoro – sottolinea l’Assessore regionale alla Sanità Luca Coletto – stiamo portando avanti da tempo questo impegno e i risultati sono assai positivi. Condivido particolarmente – aggiunge l’Assessore – la scelta di focalizzare la campagna di quest’anno sugli anziani che, per l’età o le condizioni psicofisiche, sono le persone più a rischio. In Veneto – fa notare – il 68% di loro vive in casa, e questo vuol dire che ci rivolgiamo a decine di migliaia di persone. Se anche qualcuna di esse eviterà di farsi male in casa grazie a questa campagna – conclude Coletto – l’obbiettivo sarà stato centrato”.

Per attivare la campagna l’Ulss 18, quale assegnataria per il Programma Regionale di Prevenzione degli Incidenti domestici, ha sottoscritto accordi formali con i vari Ordini Provinciali dei Farmacisti del Veneto.


Data ultimo aggiornamento: 07/10/2016

sanità luca coletto
Archivio Comunicati
Notizia n. 70 del 21/01/2018

COORDINAMENTO SUEM 118 VENETO SU VOLO NOTTURNO ELICOTTERI. “IN CORSO LAVORO SERIO SU UN PIANO CHE NON ESCLUDE NESSUNO”

21/gen/2018 | COORDINAMENTO SUEM 118 VENETO SU VOLO NOTTURNO ELICOTTERI. “IN CORSO LAVORO SERIO SU UN PIANO CHE NON ESCLUDE NESSUNO”

Notizia n. 69 del 20/01/2018

IMPIANTI RISALITA MALGA CIAPELA (BL). ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO: “LA LEGGE STATALE VA CAMBIATA”

20/gen/2018 | Federico Caner turismo impianti fune montagna malga ciapela marmolada legge statale cambiare Trentino Alto Adige

Notizia n. 67 del 19/01/2018

SOCIALE. RIPARTITI 18 MILIONI PER EDUCAZIONE E ISTRUZIONE BIMBI FINO A 6 ANNI IN VENETO. ASSESSORE “GIA’ AL LAVORO CON ANCI E FISM PER PROSSIMO BIENNIO”.

19/gen/2018 | SOCIALE. RIPARTITI 18 MILIONI PER EDUCAZIONE E ISTRUZIONE BIMBI FINO A 6 ANNI IN VENETO. ASSESSORE “GIA’ AL LAVORO CON ANCI E FISM PER PROSSIMO BIENNIO”.

Notizia n. 66 del 19/01/2018

MAFIE. ASSESSORE SICUREZZA REGIONE. “IN VENETO LOTTA CULTURALE E FORMATIVA. NESSUNO PUO’ CHIAMARSI FUORI”. GIORNATA DELLA MEMORIA DELLE VITTIME IL 21 MARZO A PADOVA CON 14 SCUOLE E 700 STUDENTI

19/gen/2018 | MAFIE. ASSESSORE SICUREZZA REGIONE. “IN VENETO LOTTA CULTURALE E FORMATIVA. NESSUNO PUO’ CHIAMARSI FUORI”. GIORNATA DELLA MEMORIA DELLE VITTIME IL 21 MARZO A PADOVA CON 14 SCUOLE E 700 STUDENTI