SANITA’: PER IL MINISTERO IL VENETO MIGLIORE D’ITALIA NELLA GESTIONE DELL’INTRAMOENIA. ZAIA, “SIAMO GARANZIA DI CORRETTEZZA IN UN SETTORE DELICATO”.

Comunicato stampa N° 1342 del 06/10/2016
(AVN ) Venezia, 6 ottobre 2016

La Regione del Veneto è la migliore d’Italia nella gestione dell’attività intramoenia dei suoi medici, quella che viene svolta a pagamento, al di fuori del normale orario di lavoro, dai medici di un ospedale all’interno della struttura, con rilascio di fattura al paziente.

Lo rileva la relazione del Ministero della Sanità al Parlamento italiano sull’attività dei medici del servizio sanitario pubblico in regìme di libera professione nell’anno 2014, pubblicata dal Sole 24 ore Sanità.

La valutazione operata dal Ministero si è basata su un serie di dodici indicatori quali-quantitativi (tre regionali e nove aziendali) 

Con il 93,8% di adempimento su tutti e dodici gli indicatori, il Veneto è risultato al primo posto, seguito dalla Valle d’Aosta (91,7%); le uniche due Regioni ad essersi assestate sopra quota 90%. Tutte le altre si sono attestate tra il 51% e l’89%, tranne una risultata con un deludente 41,7%.
Il Veneto ha ottenuto la valutazione 100% riguardo agli indicatori regionali, assieme ad altre sei regioni, e la valutazione 91,7% riguardo ai nove indicatori aziendali.

“Una nuova attestazione d’eccellenza – commenta un soddisfatto Presidente Luca Zaia – che viene da una fonte ufficiale come il Ministero e che dimostra la capacità della nostra organizzazione sanitaria di offrire il meglio anche in un settore delicato, e spesso oggetto di polemiche come la libera professione intramuraria”.

“Ai nostri cittadini il Ministero, di fatto –  dice Zaia - garantisce che possono stare tranquilli anche in un ambito dove la gente non lesina dubbi e critiche e che invece costituisce un’offerta che il paziente può valutare, ed eventualmente scegliere, nella certezza che le cose sono fatte bene, a cominciare dai controlli. Un bel risultato – conclude il Governatore – che si affianca alle numerose e riconosciute eccellenze in tema di organizzazione e qualità delle cure”.


Data ultimo aggiornamento: 06/10/2016

luca coletto luca zaia
Archivio Comunicati
Notizia n. 1207 del 20/08/2018

LA REGIONE VENETO STUDIA LA VENICE MARATHON 2019 PER GARANTIRE L’“IMPATTO ZERO” DEI GRANDI EVENTI SPORTIVI

20/ago/2018 | Impatto zero negli eventi sportivi esperienza ambientale è la Regione del Veneto progetto “Zero Waste Blue sport events for territorial development”, finanziato nell’ambito del Programma Italia Croazia assessore regionale al turismo e ai fondi UE, Federico Caner ridurre impatto ambientale benefici sociali ed economici grandi eventi sportivi Venice Marathon 2019

Notizia n. 1208 del 20/08/2018

SI RIUNISCE DOMANI LA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. PUNTO STAMPA ALLE ORE 11.00

20/ago/2018 | SI RIUNISCE DOMANI LA GIUNTA REGIONALE DEL VENETO. PUNTO STAMPA ALLE ORE 11.00

Notizia n. 1206 del 19/08/2018

SDEGNO E SOLIDARIETÀ DEL PRESIDENTE ZAIA PER GLI ATTI VANDALICI CONTRO LA SEDE DELLA LEGA DI BERGAMO

19/ago/2018 | Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, manifesta la sua vicinanza alla Lega lombarda e a quella provinciale di Bergamo, la cui sede è stata, la scorsa notte, presa di mira e imbrattata con scritte offensive e intimidatorie.

Notizia n. 1205 del 18/08/2018

CROLLO DEL PONTE. IL SALUTO DI ZAIA ALLA SQUADRA VENETA DEI VIGILI DEL FUOCO IN PARTENZA PER GENOVA

18/ago/2018 | Genova crollo ponte Con queste parole il presidente della Regione, Luca Zaia, vuole salutare la partenza per la Liguria dei 34 componenti della squadra Usar (Urban Search And Rescue) dei vigili del fuoco del Veneto, provenienti da quasi tutti i comandi della regione, che daranno il cambio ai colleghi della Lombardia.

Notizia n. 1204 del 18/08/2018

CONCLUSI I LAVORI DI RIPRISTINO DELLE DIFESE SPONDALI DEL FIUME SOLIGO (TV). ASSESSORE BOTTACIN: “INVESTITI CIRCA 250 MILA EURO PER RAFFORZARE LA SICUREZZA DEL TERRITORIO”

18/ago/2018 | Gianpaolo Bottacin assessore difesa suolo Regione Veneto Si sono recentemente conclusi i lavori di pronto intervento per la riparazione dei danni alle difese idrauliche del fiume Soligo e relativi affluenti, conseguenti alle avverse condizioni meteo verificatesi nei primi mesi del 2018 nei territori rivieraschi di Cison di Valmarino, Follina, Farra di Soligo e Pieve di Soligo.