EMOTRASFUSI: REGIONE ANTICIPA FONDI DELLO STATO; 8,3 MILIONI DI ARRETRATI IN PAGAMENTO A 1.040 PERSONE. COLETTO, “SCELTA DALLA PARTE DELLA GENTE”.

Comunicato stampa N° 1330 del 03/10/2016
(AVN) Venezia, 3 ottobre 2016

I 1.040 cittadini del Veneto affetti da complicanze irreversibili a causa di trasfusioni, somministrazioni di emoderivati e vaccini obbligatori stanno per ricevere gli indennizzi previsti dalla legge nazionale 210 del 1992, pari a 8 milioni 275 mila euro.

“Si tratta – fa notare l’assessore alla Sanità Luca Coletto – di fondi nazionali che ancora una volta vengono anticipati dalla Regione perché non ancora arrivati dal Ministero competente. Una scelta, quella di garantire il dovuto a queste persone sostituendoci allo Stato, che abbiamo fatto da tempo, ma che l’anno scorso ci era stata bloccata da cervellotiche interpretazioni delle norme nazionali, secondo le quali per difendere i nostri cittadini da una mancanza dello Stato inadempiente, non avremmo potuto usare i nostri fondi sanitari. Bontà loro, nelle legge di stabilità, hanno autorizzato le Regioni a questo anticipo, e noi lo attiviamo volentieri per evitare alla gente, alla quale una legge nazionale riconosce un diritto, ingiuste attese”.

I pagamenti, dal punto di vista tecnico, sono gestiti dall’Ulss 16 di Padova, il cui direttore generale Domenico Scibetta ha autorizzato l’emissione dei mandati di pagamento.

La cifra corrisponde alla seconda annualità degli arretrati relativi all’indennità speciale per il periodo 2002-2011. La prima parte di arretrati era stata versata lo scorso giugno, con indennizzi pari a circa 3 milioni 900 mila euro, questi messi a disposizione dal Ministero.

Ad oggi complessivamente è stato liquidato così il 90% degli arretrati dovuti tra il 2002 e il 2011.

I beneficiari riceveranno il dovuto direttamente nel loro conto corrente nel giro di qualche giorno.


Data ultimo aggiornamento: 03/10/2016

Archivio Comunicati
Notizia n. 872 del 23/06/2018

FURBETTI DEL TICKET. GDF ROMA SCOPRE IRREGOLARITA’ FINO AL 97%. PRESIDENTE VENETO, “DA NOI 60 EURO PRO CAPITE E CI SONO SOLO QUELLI NAZIONALI. CHIEDO TOLLERANZA ZERO E CONTROLLI A TAPPETO IN TUTTA ITALIA”

23/giu/2018 | FURBETTI DEL TICKET. GDF ROMA SCOPRE IRREGOLARITA’ FINO AL 97%. PRESIDENTE VENETO, “DA NOI 60 EURO PRO CAPITE E CI SONO SOLO QUELLI NAZIONALI. CHIEDO TOLLERANZA ZERO E CONTROLLI A TAPPETO IN TUTTA ITALIA”

Notizia n. 871 del 23/06/2018

DA DOMANI IN BAHARAIN IL COMITATO PER IL PATRIMONIO MONDIALE UNESCO VALUTA CANDIDATURA COLLINE DEL PROSECCO CONEGLIANO-VALDOBBIADENE. PRESIDENTE REGIONE, “CE LA GIOCHIAMO FINO IN FONDO. IL NO DEI TECNICI ICOMOS HA MACROSCOPICI ERRORI"

23/giu/2018 | DA DOMANI IN BAHARAIN IL COMITATO PER IL PATRIMONIO MONDIALE UNESCO VALUTA CANDIDATURA COLLINE DEL PROSECCO CONEGLIANO-VALDOBBIADENE. PRESIDENTE REGIONE, “CE LA GIOCHIAMO FINO IN FONDO. IL NO DEI TECNICI ICOMOS HA MACROSCOPICI ERRORI CHE ABBIAMO AMPIAMENTE CONTRODEDOTTO”

Notizia n. 870 del 23/06/2018

DOMANI PRESIDENTE REGIONE A 70° ANNIVERSARIO DELLA CANTINA VITICOLTORI PONTE DI PIAVE (TV)

23/giu/2018 | DOMANI PRESIDENTE REGIONE A 70° ANNIVERSARIO DELLA CANTINA VITICOLTORI PONTE DI PIAVE (TV)

Notizia n. 869 del 22/06/2018

ASSESSORE VENETO ALL’AMBIENTE SU PFAS: “IL VENETO È L’UNICA REGIONE CHE SI È MOSSA, ZANONI INTERVENGA NEI CONFRONTI DI CHI FINORA HA FATTO FINTA CHE IL PROBLEMA NON ESISTESSE"

22/giu/2018 | Gianpaolo Bottacin Così l’assessore all’ambiente della Regione del Veneto risponde a quanto sostiene il consigliere regionale del Pd Andrea Zanoni in riferimento alla scoperta di partite di vongole contaminate da Pfas nell’area del Delta del Po.