vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 832 del 24/05/2019

NUOVO POLICLINICO DI PADOVA, OK DELL’INAIL A PROCEDURA PER FINANZIAMENTO DI 450 MILIONI.

24/mag/2019 | NUOVO POLICLINICO DI PADOVA, OK DELL’INAIL A PROCEDURA PER FINANZIAMENTO DI 450 MILIONI.

Notizia n. 831 del 24/05/2019

NUOVO RETTORE A VERONA. GOVERNATORE, “IL SUO ENTUSIASMO E LA SUA COMPETENZA ACCOMPAGNINO LA CRESCITA ORMAI ESPONENZIALE DEL POLO UNIVERSITARIO”

24/mag/2019 | NUOVO RETTORE A VERONA. GOVERNATORE, “IL SUO ENTUSIASMO E LA SUA COMPETENZA ACCOMPAGNINO LA CRESCITA ORMAI ESPONENZIALE DEL POLO UNIVERSITARIO”

Notizia n. 827 del 24/05/2019

NON AUTOSUFFICIENZA: VERSO NUOVO SISTEMA VENETO DI SERVIZI, OGGI AL LAVORO I TAVOLI TECNICI CON IPAB, GESTORI PRIVATI, ULSS E SINDACI SU FABBISOGNI E PROSPETTIVE RIFORMA

24/mag/2019 | NON AUTOSUFFICIENZA: VERSO NUOVO SISTEMA VENETO DI SERVIZI, OGGI AL LAVORO I TAVOLI TECNICI CON IPAB, GESTORI PRIVATI, ULSS E SINDACI SU FABBISOGNI E PROSPETTIVE RIFORMA

Notizia n. 829 del 24/05/2019

AVVIATA L’ORGANIZZAZIONE DEI CAMPIONATI NAZIONALI DI SCI 2020 DELLA PROTEZIONE CIVILE. ASSESSORE REGIONALE, “COMELICO E AURONZO ZONA STRATEGICA”

24/mag/2019 | AVVIATA L’ORGANIZZAZIONE DEI CAMPIONATI NAZIONALI DI SCI 2020 DELLA PROTEZIONE CIVILE. ASSESSORE REGIONALE, “COMELICO E AURONZO ZONA STRATEGICA”

Notizia n. 828 del 24/05/2019

OLIMPIADI 2026. PRESIDENTE VENETO SU RELAZIONE COMMISSIONE MORARIU, “LUCE VERDE ALL’ INTERTEMPO MA IL MURO FINALE E’ RIPIDO E INSIDIOSO. MANTENERE LA CALMA E DARE IL MASSIMO”

24/mag/2019 | OLIMPIADI 2026. PRESIDENTE VENETO SU RELAZIONE COMMISSIONE MORARIU, “LUCE VERDE ALL’ INTERTEMPO MA IL MURO FINALE E’ RIPIDO E INSIDIOSO. MANTENERE LA CALMA E DARE IL MASSIMO”

CARCERE: ASSESSORE REGIONALE IN VISITA ALLA GIUDECCA REALTA' MODELLO DI REINSERIMENTO - DALLA REGIONE 300 MILA EURO PER PROGETTI RIABILITATIVI

Comunicato stampa N° 694 del 19/05/2016
(AVN) Venezia, 19 maggio 2016

Laboratorio di cosmesi bio, orto biologico, lavanderia e stireria per alberghi, atelier di sartoria e relativi punti-vendita, attività teatrali e culturali: sono le attività nelle quali sono impegnate le donne recluse della casa di reclusione femminile di Venezia, attualmente una settantina, di cui quattro con figli che frequentano il nido o la scuola per l’infanzia. “La Giudecca rappresenta una realtà modello e straordinariamente moderna, nel panorama delle case di reclusione del Veneto, grazie alla forte integrazione con il volontariato e la società civile e alla presenza di numerose cooperative sociali che non solo assicurano una possibilità occupazionale nel periodo di detenzione ma anche possibilità di reinserimento sociale e lavorativo”, sottolinea l’assessore al Sociale della Regione Veneto, oggi in visita all’ex convento ‘delle Convertite’ adibito dagli Austriaci a casa di reclusione femminile.

Accompagnata dalla direttrice Gabriella Straffi, l’assessore ha incontrato in carcere, detenute, agenti, volontari e i referenti delle cooperative sociali. “Il carcere deve essere luogo di rieducazione e di restituzione alla vita sociale – dichiara l’assessore – e l’istituto della Giudecca, con le celle aperte, i laboratori, l’area dedicate alle mamme con bambini, i continui interscambi tra interno-esterno e, soprattutto, il lavoro assicurato a tutte, si qualifica come una esperienza possibile e replicabile, che la regione intende sostenere e valorizzare”.

Il bilancio regionale 2016 riserva 300 mila euro per sostenere progetti di formazione, riabilitazione e inserimento sociale negli istituti di pena del Veneto. Con l’ultimo bando i laboratori e i progetti rieducativi della Giudecca sono stati finanziati dalla Regione con oltre 100 mila euro. “Un investimento ben fatto – conclude l’assessore – perché premia la capacità progettuale degli istituti di pena e delle cooperative e i percorsi di riscatto sociale. La maggior parte delle ex detenute a fine pena potrà avere un posto di lavoro assicurato”.


Data ultimo aggiornamento: 19/05/2016

carcere manuela lanzarin