SANITA’: A VERONA SCARICABILI DAL WEB ANCHE I REFERTI RADIOLOGICI CON LE IMMAGINI. ASSESSORE REGIONE, “PRIMA IN VENETO, PRESTO OVUNQUE”.

Comunicato stampa N° 533 del 15/04/2016
(AVN) Venezia, 15 aprile 2016

“La tecnologia informatica semplifica la vita dei pazienti e fa risparmiare, sia a loro che alle aziende sanitarie, e ogni suo sviluppo è un nuovo passo per ottimizzare la spesa e rendere più comodo il rapporto dei pazienti con il sistema sanitario e il lavoro dei medici. In questo senso, con il nuovo servizio on line che è partito oggi, l’Ulss 20 si pone all’avanguardia”.

Lo ha detto l’Assessore alla Sanità della Regione, partecipando oggi a Verona alla presentazione di un programma informatico totalmente nuovo grazie al quale il cittadino potrà scaricare anche sul computer di casa non solo i referti di laboratorio, come accade da tempo, ma anche i referti e le immagini di radiodiagnostica, quelli che sinora venivano consegnati al cittadino utilizzando un dischetto con allegato il referto scritto inseriti in un contenitore di cartoncino da ritirare agli sportelli.

“Come in tutte le novità di successo precedenti – ha detto l’Assessore – anche questa non rimarrà confinata a Verona. A breve sarà allargata anche alle Ullss di Legnago e Bussolengo e quindi estesa a tutte le Aziende sanitarie del Veneto. Con il solo scarico dei referti di laboratorio on line, già da tempo utenti e Ullss risparmiano 12 euro a referto, pari a decine di milioni di euro l’anno in tutta la regione. Questo nuovo passo avanti porterà altre economie: altri soldi che restano nella tasche dei cittadini e spese in meno per le Aziende. Basti pensare che i referti radiologici prodotti annualmente dalle sole Ullss veronesi sono la bellezza di 290 mila”.

Grazie alla nuova tecnologia, il cittadino può scaricare il proprio referto radiologico, completo di tutte le immagini diagnostiche associate, con lo stesso programma che usa per aprire i referti di laboratorio, e qualsiasi altro documento in formato Pdf.

Notevole sarà anche l’agevolazione per i medici, di famiglia e specialisti, ai quali il paziente decide di rivolgersi per la valutazione. Il medico può infatti accedere direttamente all’archivio delle immagini radiologiche dell’Ulss 20 e consultare lo studio radiologico del paziente con le stesse modalità tecniche a disposizione dei sanitari che operano all’interno delle strutture aziendali.


Data ultimo aggiornamento: 15/04/2016

luca coletto
Archivio Comunicati
Notizia n. 872 del 23/06/2018

FURBETTI DEL TICKET. GDF ROMA SCOPRE IRREGOLARITA’ FINO AL 97%. PRESIDENTE VENETO, “DA NOI 60 EURO PRO CAPITE E CI SONO SOLO QUELLI NAZIONALI. CHIEDO TOLLERANZA ZERO E CONTROLLI A TAPPETO IN TUTTA ITALIA”

23/giu/2018 | FURBETTI DEL TICKET. GDF ROMA SCOPRE IRREGOLARITA’ FINO AL 97%. PRESIDENTE VENETO, “DA NOI 60 EURO PRO CAPITE E CI SONO SOLO QUELLI NAZIONALI. CHIEDO TOLLERANZA ZERO E CONTROLLI A TAPPETO IN TUTTA ITALIA”

Notizia n. 871 del 23/06/2018

DA DOMANI IN BAHARAIN IL COMITATO PER IL PATRIMONIO MONDIALE UNESCO VALUTA CANDIDATURA COLLINE DEL PROSECCO CONEGLIANO-VALDOBBIADENE. PRESIDENTE REGIONE, “CE LA GIOCHIAMO FINO IN FONDO. IL NO DEI TECNICI ICOMOS HA MACROSCOPICI ERRORI"

23/giu/2018 | DA DOMANI IN BAHARAIN IL COMITATO PER IL PATRIMONIO MONDIALE UNESCO VALUTA CANDIDATURA COLLINE DEL PROSECCO CONEGLIANO-VALDOBBIADENE. PRESIDENTE REGIONE, “CE LA GIOCHIAMO FINO IN FONDO. IL NO DEI TECNICI ICOMOS HA MACROSCOPICI ERRORI CHE ABBIAMO AMPIAMENTE CONTRODEDOTTO”

Notizia n. 870 del 23/06/2018

DOMANI PRESIDENTE REGIONE A 70° ANNIVERSARIO DELLA CANTINA VITICOLTORI PONTE DI PIAVE (TV)

23/giu/2018 | DOMANI PRESIDENTE REGIONE A 70° ANNIVERSARIO DELLA CANTINA VITICOLTORI PONTE DI PIAVE (TV)

Notizia n. 869 del 22/06/2018

ASSESSORE VENETO ALL’AMBIENTE SU PFAS: “IL VENETO È L’UNICA REGIONE CHE SI È MOSSA, ZANONI INTERVENGA NEI CONFRONTI DI CHI FINORA HA FATTO FINTA CHE IL PROBLEMA NON ESISTESSE"

22/giu/2018 | Gianpaolo Bottacin Così l’assessore all’ambiente della Regione del Veneto risponde a quanto sostiene il consigliere regionale del Pd Andrea Zanoni in riferimento alla scoperta di partite di vongole contaminate da Pfas nell’area del Delta del Po.