vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 279 del 21/02/2019

VENETO IN GINOCCHIO. A LOZZO DI CADORE APERTO IL SECONDO PRESIDIO OPERATIVO A SUPPORTO DEI SINDACI DEL CADORE E DEL COMELICO

21/feb/2019 | APERTO A LOZZO DI CADORE IL SECONDO PRESIDIO OPERATIVO A SUPPORTO DEI SINDACI DEL CADORE E DEL COMELICO

Notizia n. 278 del 21/02/2019

INFLUENZA. NONO REPORT VENETO. IN DISCESA L’INCIDENZA. FINORA 366.000 AMMALATI CON 13 DECESSI. LANZARIN, “PICCO SUPERATO MA CONTINUA MASSIMA ATTENZIONE”

21/feb/2019 | INFLUENZA. NONO REPORT VENETO. IN DISCESA L’INCIDENZA. FINORA 366.000 AMMALATI CON 13 DECESSI. LANZARIN, “PICCO SUPERATO MA CONTINUA MASSIMA ATTENZIONE”

Notizia n. 276 del 21/02/2019

VENETO IN GINOCCHIO. DOMANI A BELLUNO LA CONSEGNA DEI PIANI STRAORDINARI DI PROTEZIONE CIVILE. ZAIA: “UNA RISPOSTA CONCRETA E TEMPESTIVA AI SINDACI PER FRONTEGGIARE L’ATTUALE RISCHIO VALANGHE”

21/feb/2019 | A BELLUNO LA CONSEGNA DEI PIANI STRAORDINARI DI PROTEZIONE CIVILE. ZAIA: “UNA RISPOSTA CONCRETA E TEMPESTIVA AI SINDACI PER IL RISCHIO VALANGHE”

NOMINE NELLA SANITA’ VERONESE: COLETTO, “SEGNO DEL CAMBIAMENTO. SQUADRA OMOGENEA FARA’ CRESCERE LA QUALITA’”

Comunicato stampa N° 151 del 03/02/2016
(AVN) Venezia, 3 febbraio 2016

“Siamo di fronte a qualche cosa di più di semplici, seppur importanti nomine. Oggi abbiamo di fronte un segno concreto del cambiamento che porterà beneficio a tutta la sanità veronese: una squadra coesa, già al lavoro per innalzare e rendere omogenea e ancor meglio organizzata l’offerta di salute a tutto il milione circa di abitanti veronesi”.

Lo ha detto l’Assessore regionale alla Sanità Luca Coletto, intervenendo oggi a Verona alla presentazione delle “terne” tecniche (direttore sanitario, amministrativo e del sociale) nominate dal Direttore Generale dell’Ulss 20 del capoluogo Pietro Girardi, anche nella sua veste di commissario delle Ullss 21 di Legnago e 22 di Bussolengo.

“La diminuzione del numero delle Ullss e la sburocratizzazione che porterà l’Azienda Zero dentro alla quale concentreremo un sacco di funzioni amministrative che costano e che pesano sul lavoro dei direttori generali – ha detto Coletto – rendono più snella ma anche più efficiente l’intera organizzazione e liberano risorse umane e finanziarie da dedicare alle cure ospedaliere e al rafforzamento della medicina territoriale. Anche con queste iniziative – ha aggiunto Coletto – la sanità veneta continua il suo cammino sulla strada delle riforme e dell’innovazione, e non potrebbe essere altrimenti, perché la sanità è come un tapis roulant: se ti fermi rotoli giù” ”.

“Nel caso dei direttori veronesi – ha aggiunto Coletto – è stata costruita davvero una squadra di qualità, fatta di professionisti esperti e capaci di nuovi apporti positivi”.


Data ultimo aggiornamento: 03/02/2016

sanità luca coletto