FONDI UE: ASSESSORE CANER VENETO PROMOSSO A BRUXELLES PER LA PROGRAMMAZIONE 2014-2020

Comunicato stampa N° 1058 del 18/08/2015
(AVN) Venezia, 18 agosto 2015

“Soddisfazione duplice per l’ok arrivato da Bruxelles al Piano operativo regionale 2014-2020 di impiego dei fondi Ue per lo sviluppo regionale. La ‘luce verde’ data dalla commissione europea al POR del Veneto mette in moto 600 milioni di euro, di cui la metà di fonte comunitaria, che andranno a rafforzare la ripresa economica, investire su ricerca e innovazione e a supportare l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese”.

Federico Caner, assessore regionale con delega ai fondi comunitari, plaude al via libera arrivato da Bruxelles al programma operativo regionale per i fondi Fesr 2014-2020 e si dichiara doppiamente soddisfatto non solo per il ‘timbro’ finale dato dalla Ue, ma anche perché gli organismi comunitari hanno riconosciuto la buona capacità di impiego dei fondi da parte del Veneto, portando da 400 a 600 milioni di euro la dotazione finanziaria del programma settennale. “Il Veneto – sottolinea Caner – nonostante qualche problema di rendicontazione verificatosi in corso d’opera durante il precedente ciclo di programmazione 2007-13, ha dato comunque prova di saper spendere bene e tempestivamente le risorse finanziarie del Fesr ed è quindi stato premiato”.

Per il 2014-2020 Bruxelles ha pertanto alzato la soglia da 400 a 600 milioni, il 50 per cento dei quali sono di fonte comunitaria. Andranno  a sostenere programmi e iniziative di efficientamento energetico, innovazione e contenimento dell’impatto inquinante delle attività produttive. “Per il sistema produttivo veneto – commenta Caner – l’ok della Ue alla al programma predisposto dalla Regione, in partnership con gli attori economici e le istituzioni nazionali e comunitarie, significa soprattutto sviluppare le reti a banda larga e dare concretezza all’agenda digitale. Da qui al 2020 cittadini e imprese del Veneto dovranno essere in rete ed avere accesso ad una articolata ed efficiente gamma di servizi online, primo requisito per la competitività del sistema veneto”.



Data ultimo aggiornamento: 18/08/2015

federico caner fondi europei por fesr
Archivio Comunicati
Notizia n. 1322 del 30/09/2016

TRIBUNALE DELLA PEDEMONTANA. ZAIA: “LE ABBIAMO PROVATE TUTTE MA NON POSSIAMO ARRENDERCI: I PARLAMENTARI VENETI FACCIANO SQUADRA”

30/set/2016 | “Questo tribunale non è una farsa come lo sono taluni individuati in altre parti del territorio nazionale che pure rimangono aperti: dispone di una struttura nuova, già pronta, costata una dozzina di milioni di euro; gravita in una delle zone più produttive del Veneto, regione che ha un residuo fiscale di 20 miliardi di euro, garantendo un servizio prezioso, capace di favorire un ulteriore sviluppo e maggior competitività all’economia di quest’area. Se si mette in discussione la presenza del tribunale in un territorio come questo, li devi mettere in discussione tutti”. Lo ha detto il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, intervenendo stamane al Teatro Duse di Asolo (Tv), al convegno intitolato “Un nuovo tribunale per lo sviluppo di una delle aree più produttive del Paese”, ultimo appuntamento di una iniziativa itinerante a sostegno della realizzazione del Tribunale della Pedemontana, al quale hanno partecipato professionisti, rappresentanti delle categorie economiche, amministratori pubblici, parlamentari locali e molti dei sindaci sottoscrittori della proposta di istituzioni del tribunale.

Notizia n. 1320 del 30/09/2016

SANITA’: ULSS 12 VENEZIANA E POLICLINICO DI ABANO VINCONO PRIMO E SECONDO PREMIO NAZIONALE “SICUREZZA E QUALITA’”. COLETTO, “SEMPRE AL TOP IN ITALIA”.

30/set/2016 | Coletto su premi nazionali all'Ulss 12 Veneziana e al Policlinico di Abano Terme.

Notizia n. 1319 del 30/09/2016

TRENO DELLE DOLOMITI. ASSESSORE DE BERTI: “PROPOSTA PROGETTUALE PRONTA ENTRO LA FINE DI QUEST’ANNO”

30/set/2016 | “Entro la fine di quest’anno sarà completata la proposta progettuale per il ‘Treno delle Dolomiti’ e da allora, avendo a disposizione tutta la documentazione necessaria, inizierà il confronto con il territorio per una scelta condivisa del tracciato che verrà ritenuto più idoneo per questa straordinaria opera”. A dare la notizia è l’assessore regionale ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti, Elisa De Berti, che fa il punto sul lavoro svolto dal tavolo tecnico paritetico istituito dalla Regione del Veneto e dalla Provincia Autonoma di Bolzano per definire il tracciato della “Ferrovia delle Dolomiti”.