INQUINAMENTO DA PFAS IN VENETO: PARTE IL MONITORAGGIO BIOLOGICO SULLE PERSONE PREVISTO DAL PIANO COORDINATO E FINANZIATO DALLA REGIONE. 600 COINVOLTI, RESIDENTI IN 14 COMUNI.

Comunicato stampa N° 730 del 14/05/2015
(AVN) Venezia, 14 maggio 2015

E’ partito, con i contatti telefonici da parte delle Ullss alle persone interessate ad aderire volontariamente, lo studio di monitoraggio biologico sulla popolazione residente nelle aree del Veneto interessate dall’inquinamento delle acque da sostanze perfluoro alchiliche (PFAS), per valutare l’esposizione pregressa delle persone. Lo studio, del costo di circa 450 mila euro, è interamente coordinato e finanziato dalla Regione del Veneto, di concerto con l’Istituto Superiore di Sanità.

“Seguiamo con attenzione quotidiana questa situazione fin dall’estate 2013 quando si palesò – dice l’Assessore regionale alla Sanità – e, dopo aver messo tempestivamente in atto tutte le misure urgenti possibili, passiamo ora a questo studio sulle persone, molto significativo e richiesto un po’ da tutti. La presenza di un contaminante – precisa l’Assessore – non è automaticamente associata ad un effetto sulla salute, ma il biomonitoraggio umano è uno strumento efficacissimo per valutare l’esposizione a inquinanti ambientali, misurando la loro concentrazione nei liquidi e nei tessuti del corpo umano, e rilevando la dose interna, cioè l’esposizione complessiva a un certo inquinante. I dati raccolti serviranno per valutare su basi scientifiche il rischio tossicologico per la salute umana”.

La metodologia seguita nel disegno dello studio è definita a “cerchi concentrici” si parte dalla zona a maggiore impatto e sulla base dei risultati si procederà ad estendere lo studio alle altre aree interessate dal problema. Nell’effettuare la selezione si è tenuto conto anche della storia pregressa delle aree in esame, a causa della persistenza ambientale e delle capacità di bioaccumulo dei PFAS. Per poter avere un elemento di confronto sono stati selezionati anche Comuni del territorio regionale simili per caratteristiche, ma dove non è stata evidenziata una contaminazione da PFAS.
Lo studio prevede la raccolta e l’analisi di campioni biologici (sangue) nei gruppi di individui che accettano di aderire allo studio.
I Comuni interessati dallo studio di biomonitoraggio sono:
per l’area di impatto (che riguarda persone esposte): Montecchio Maggiore, Lonigo, Brendola, Creazzo, Altavilla, Sovizzo, Sarego;
per l’area di controllo (persone non esposte per ottenere i necessari confronti): Mozzecane, Dueville, Carmignano, Fontaniva, Loreggia, Resana, Treviso.
Per la popolazione generale verranno scelti 480 soggetti,  240 residenti nei Comuni selezionati come aree con più elevata presenza di PFAS nelle acque e 240 residenti in Comuni a presumibile esposizione di fondo. In ogni area verranno arruolati 120 soggetti per sesso, 40 per ognuna delle classi di età: 20-29, 30-39, 40-49. I soggetti campionati devono avere una residenza nel territorio di almeno 10 anni.
Nei Comuni, con presenza di PFAS nelle acque, verranno arruolati anche 120 agricoltori, allevatori o piscicoltori residenti in 20-30 aziende. Per questi ultimi,  l’uso di acque per irrigazione o abbeveramento del bestiame, nonché il consumo di alimenti autoprodotti potrebbe aver portato a un’esposizione aggiuntiva a PFAS.
Al momento del prelievo del campione ematico sarà consegnato ad ogni soggetto materiale informativo riguardante lo studio (modulo di consenso informato (in cui è descritto il progetto e le sue finalità), informativa a tutela della riservatezza dei dati personali).  Al soggetto verrà chiesto di sottoscrivere il modulo di consenso informato e di compilare tramite intervista un questionario che ha lo scopo di raccogliere le informazioni utili all’interpretazione del dato di biomonitoraggio e che contiene domande su stili di vita e abitudini alimentari.
Le informazioni personali raccolte nell’ambito dello studio e i campioni di sangue verranno identificati solo da un codice, senza alcun riferimento al soggetto.
I dati verranno raccolti ed archiviati in modo adeguato e saranno utilizzati solo da personale autorizzato, esclusivamente per gli scopi di questo studio.
I risultati delle determinazioni analitiche relative ai campioni di sangue dei singoli soggetti non consentiranno di definire (o predire) il rischio individuale di specifiche patologie, ma potranno essere utilizzati nel loro insieme per identificare specifiche fonti espositive rilevanti in diversi gruppi di popolazione e confrontare l’esposizione della popolazione in aree di ‘impatto’ rispetto ad altre zone non esposte.  Lo studio ha carattere esplorativo, e come tale non può fornire una caratterizzazione esaustiva dell’esposizione della popolazione a PFAS, ma può sicuramente individuare situazioni ad elevata criticità espositiva. Sulla base dei risultati ottenuti in questo primo studio si potrà valutare se e come procedere con eventuali ulteriori accertamenti su altri campioni di popolazione al fine di garantire progressivamente la sorveglianza e la tutela della salute.


Data ultimo aggiornamento: 14/05/2015

sanità luca coletto
Archivio Comunicati
Notizia n. 1593 del 24/11/2017

CRISI AZIENDALI: NEL 2017 IN VENETO COINVOLTE 178 AZIENDE E 5600 LAVORATORI - ASSESSORE DONAZZAN, “NUMERI DIMEZZATI RISPETTO AL 2016. C'È UNA RIPRESA, MA RESTANO FORTI CRITICITÀ”

24/nov/2017 | assessore Elena Donazzan su 10 anni di crisi aziendali in Veneto e servizio dell'Unità di crisi

Notizia n. 1592 del 24/11/2017

SICUREZZA. L’ASSESSORE CORAZZARI HA PRESENTATO A ROVIGO IL PROGETTO “POLESINE SICURO”

24/nov/2017 | l’assessore al territorio, cultura e sicurezza della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari, nel corso della conferenza stampa svoltasi oggi a Rovigo per illustrare il progetto “Polesine Sicuro”, il cui primo stralcio è finanziato interamente dalla Regione del Veneto con 190 mila euro, destinati alla Provincia di Rovigo che lo ha presentato.

Notizia n. 1591 del 24/11/2017

BANDO DI PARTECIPAZIONE AL CORSO PER 100 SELECONTROLLORI DI CINGHIALI E DAINI DEL PARCO REGIONALE DEI COLLI EUGANEI

24/nov/2017 | Cristiano Corazzari Scade il prossimo 7 dicembre 2017 il termine di presentazione delle domande per l’ammissione al corso per il conferimento della qualifica di "Selecontrollore formato" delle specie "sus scrofa" (cinghiale) e "dama dama" (daino) del Parco Regionale dei Colli Euganei.

Notizia n. 1590 del 24/11/2017

ASSESSORE DE BERTI AL SEGRETARIO DELLA CISL DI BELLUNO: “LA SUA UNA RAPPRESENTAZIONE BUGIARDA DELLA REALTÀ”

24/nov/2017 | ’assessore ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti, commentando le considerazioni espresse dal segretario della Cisl di Belluno Treviso, Rudi Roffarè, sul passaggio di Sappada al Friuli V.G.