vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 1995 del 14/12/2018

LINEA FERROVIARIA ROVIGO-VERONA, ASSESSORE DE BERTI: “MA GLI ESPONENTI DEL PD ALMENO SANNO DI COSA PARLANO?”

14/dic/2018 | Risponde così l’assessore ai trasporti della Regione del Veneto, Elisa De Berti, al deputato veronese Diego Zardini e agli esponenti democratici Diego Crivellari e Giorgia Businaro, in merito alla polemica da loro sollevata sul collegamento ferroviario tra il Polesine e la città scaligera.

Notizia n. 1999 del 14/12/2018

415MILA EURO AD ASSOCIAZIONI ANTINCENDIO BOSCHIVO. BOTTACIN: "AL LORO FIANCO PER SOSTENERNE L'ECCELLENZA"

14/dic/2018 | 415MILA EURO AD ASSOCIAZIONI ANTINCENDIO BOSCHIVO. BOTTACIN: "AL LORO FIANCO PER SOSTENERNE L'ECCELLENZA"

Notizia n. 1998 del 14/12/2018

AGRICOLTURA: ASSESSORE PAN, “AL VIA CONSULTAZIONE ALLARGATA PER DECIDERE LE PRIORITÀ PER LA NUOVA PAC - CON RISORSE LIMITATE È NECESSARIO FOCALIZZARE GLI OBIETTIVI”

14/dic/2018 | AGRICOLTURA: ASSESSORE PAN, “AL VIA CONSULTAZIONE ALLARGATA PER DECIDERE LE PRIORITÀ PER LA NUOVA PAC - CON RISORSE LIMITATE È NECESSARIO FOCALIZZARE GLI OBIETTIVI”

Notizia n. 1993 del 14/12/2018

SOCIALE: ASSESSORE LANZARIN, “CON FONDO DI ROTAZIONE DA 10 MLN IN CONTO CAPITALE REGIONE FINANZIA SENZA INTERESSI 4 IPAB PER ANZIANI E 6 ENTI PER DISABILI”

14/dic/2018 | SOCIALE: ASSESSORE LANZARIN, “CON FONDO DI ROTAZIONE DA 10 MLN IN CONTO CAPITALE REGIONE FINANZIA SENZA INTERESSI 4 IPAB PER ANZIANI E 6 ENTI PER DISABILI”

Notizia n. 1997 del 14/12/2018

PORTALE WEB PER LEGGERE IL BILANCIO DELLA REGIONE: VICEPRESIDENTE FORCOLIN, “IN 4 ANNI RIDOTTO IL DISAVANZO DI QUASI 1 MLD, SENZA AUMENTARE LA PRESSIONE FISCALE”

14/dic/2018 | PORTALE WEB PER LEGGERE IL BILANCIO DELLA REGIONE: VICEPRESIDENTE FORCOLIN, “IN 4 ANNI RIDOTTO IL DISAVANZO DI QUASI 1 MLD, SENZA AUMENTARE LA PRESSIONE FISCALE”

STATISTICA. ANCHE IN VENETO BEN AVVIATO PROCESSO VERSO CITTA’ INTELLIGENTI

Comunicato stampa N° 1644 del 22/07/2014
il processo
(AVN) – Venezia, 22 luglio 2014

Le città rappresentano una leva importante per la crescita sostenibile di un territorio e per il raggiungimento degli obiettivi di Europa 2020, specie se ne vengono valorizzate le opportunità economiche e si progetta un approccio integrato allo sviluppo urbano. Anche l'Italia, nonostante la sua lunga tradizione rurale, vive lo stesso processo di urbanizzazione in atto a livello globale: nel 2011 la popolazione in aree urbane è il 68%, circa 42 milioni di persone, e si stima arriverà al 79% nel 2050. Al tema del territorio e delle città come risorse da vivere è dedicato l’ultimo numero di “Statistiche Flash”, pubblicazione periodica curata dalla sezione Sistema Statistico della Regione.

Le città sono motore dell'economia, terreni fertili per tecnologia, innovazione e creatività; tuttavia, sono anche luoghi in cui emergono e si accentuano le problematiche sociali e richiedono un'attenzione particolare tra le priorità di governance. “La visione europea della città di domani – fa rilevare il vicepresidente e assessore regionale al territorio Marino Zorzato - è di un luogo che, oltre a una sostenuta spinta produttiva, miri a un buon livello di coesione sociale e di tutela ambientale. Le nuove tecnologie e l'innovazione diventano preziose alleate per la rigenerazione della città e per migliorare la qualità della vita attraverso il modello europeo di città intelligente”.

Lo Smart City Index misura il grado di “smartness” di tutti i comuni capoluogo italiani, considerando varie aree tematiche, dalle infrastrutture a banda larga ai servizi digitali (sanità, scuola, mobilità, government, giustizia, turismo e cultura), fino allo sviluppo sostenibile delle città. Dei 7 comuni capoluogo del Veneto, nel 2014 Verona, Padova e Vicenza si posizionano tra le prime 25 città del ranking nazionale, Venezia e Treviso nella fascia intermedia (31° e 36° posizione), più indietro Belluno e Rovigo. Bene soprattutto i settori della banda larga, smart mobilità, smart cultura&turismo ed energie rinnovabili. Venezia dispone della biblioteca più smart d'Italia.

“Nel processo verso le smart cities – conclude Zorzato – ogni città dovrà essere protagonista. La Regione avrà il compito di promuovere e monitorare le varie fasi di realizzazione, come già sta facendo attraverso l'attuazione dell'Agenda Digitale regionale. L’obiettivo è garantire elevati standard tecnologici alle nostre città”.



Data ultimo aggiornamento: 22/07/2014

marino zorzato statistiche flash