IN EDICOLA DA VENERDI’ VOLUME SU NUOVO PIANO CASA

Comunicato stampa N° 2502 del 17/12/2013
(AVN) – Venezia, 17 dicembre 2013

Sarà disponibile da venerdì nelle edicole un volume sul terzo “Piano Casa” del Veneto, recentemente approvato con la legge regionale n. 32/2013. L’iniziativa editoriale, realizzata dal Corriere del Veneto, è stata presentata oggi a Palazzo Balbi a Venezia dal vicepresidente della giunta veneta e assessore al territorio Marino Zorzato. E’ una raccolta di commenti al testo di legge, redatti da esperti e liberi professionisti per agevolare la comprensione della legge, la sua applicazione e suggerire ulteriori spunti di riflessione.

Con le "Nuove disposizioni per il sostegno e la riqualificazione del settore edilizio e modifica di leggi regionali in materia urbanistica ed edilizia" – ha detto Zorzato l’obiettivo principale è di semplificare la vita dei cittadini, indicando con chiarezza quello che si può fare per migliorare la propria abitazione. Il Piano Casa nei suoi quattro anni di attuazione nel Veneto – ha aggiunto - è stata un’ottima legge che ha dato ottimi risultati, applicando in concreto una crescita a costo zero. Tutte le analisi hanno evidenziato che ha consentito, con i 62 mila interventi realizzati, investimenti sull’ordine dei 3 miliardi di euro. Il Piano Casa si può considerare inoltre la base dei provvedimenti che sono in corso di adozione per il contenimento del consumo del suolo. E’ intervenuto anche il presidente di Confartigianato Veneto Giuseppe Sbalchiero evidenziando come il Piano Casa abbia fatto lavorare l’impresa veneta, sostenendo il settore in un momento di crisi.

A nome dei curatori, l’avv. Bruno Barel ha sottolineato che il volume nasce da spirito di volontariato e che i proventi saranno devoluti in beneficenza. I commenti forniscono una chiave di lettura ma non danno risposte a tutto, lasciando spazio ad ulteriori approfondimenti se se ne presentasse l’esigenza. Si tratta comunque di un’operazione editoriale nuova, che pone al centro dell’attenzione il diritto regionale. Da parte sua il direttore del Corriere del Veneto, Alessandro Russello, ha voluto sottolineare che l’iniziativa è la proposizione obiettiva del Piano Casa, attraverso il contributo di esperti. Uno dei compiti dei giornali è, infatti, quello di fornire ai lettori strumenti per essere in grado di decodificare la realtà. Il volume, stampato in 7500 copie, resterà in vendita per un mese al prezzo di 6,80 euro, più il costo del quotidiano.


Data ultimo aggiornamento: 17/12/2013

marino zorzato territorio
Archivio Comunicati
Notizia n. 981 del 01/08/2015

METEO. STATO DI ATTENZIONE NEL VENETO PER POSSIBILI TEMPORALI LOCALI INTENSI

01/ago/2015 | Sistema di Protezione Civile, ha decretato, dal pomeriggio di oggi, sino alle ore 10 di domani, domenica 2 agosto, - lo stato di attenzione su tutto il territorio del Veneto per il possibile verificarsi di rovesci o temporali localmente anche intensi.

Notizia n. 980 del 31/07/2015

LAVORO: DONAZZAN, “DATI ISTAT DRAMMATICI PER I GIOVANI. RISULTATI SOLO DA POLITICHE SUL TERRITORIO, CENTRALISMO DELETERIO”

31/lug/2015 | Donazzan su dati Istat mercato del lavoro.

Notizia n. 979 del 31/07/2015

ELECTROLUX CHIEDE TURNI LAVORO A FERRAGOSTO: DONAZZAN, “BUONA NOTIZIA, ACCORDO FUNZIONA ANCHE GRAZIE AI SACRIFICI DEI LAVORATORI”

31/lug/2015 | Donazzan su turni a Ferragosto all'Electrolux di Susegana.

Notizia n. 978 del 31/07/2015

GIUSTIZIA: TRIBUNALE DELLA PEDEMONTANA; DONAZZAN, “LAVORERO’ CON LE CATEGORIE ECONOMICHE. DA ZAIA GIUSTA ACCELERAZIONE”.

31/lug/2015 | Donazzan su Tribunale della Pedemontana.

Notizia n. 977 del 31/07/2015

ASSESSORE CORAZZARI: “LA SALVAGUARDIA DEL DELTA DEL PO È QUESTIONE PRIORITARIA”

31/lug/2015 | “La salvaguardia assoluta del Delta del Po è una questione prioritaria che continuerò a seguire in prima persona”. Lo afferma l’assessore veneto al territorio, ai parchi e aree protette, Cristiano Corazzari. “Sosterrò e difenderò il divieto di ricerca e di estrazione di idrocarburi – sottolinea l’assessore – facendo in modo che i permessi per questi interventi vengano negati. Solo così eviteremo il depauperamento del nostro territorio: diversamente il rischio sarebbe troppo alto e nessuna compensazione sarebbe sufficiente a far fronte ai danni ambientali e al dissesto idrogeologico causati da eventuali trivellazioni. Gli effetti della subsidenza, per esempio, sulle arginature, e le maggiori spese per la bonifica, sono problemi pesanti che il territorio non intende più subire”.