vai al contenuto principale
Archivio Comunicati
Notizia n. 826 del 23/05/2019

PEDEMONTANA VENETA - DISCARICA DI MONTECCHIO: I RISULTATI DELLE INDAGINI ARPAV EFFETTUATE IL 20 MAGGIO. GALLERIA DI MALO: LAVORI AUTORIZZATI DA MIT, MIBAC E MINISTERO DELL’AMBIENTE NELL’AUTUNNO 2018

23/mag/2019 | PEDEMONTANA VENETA - DISCARICA DI MONTECCHIO: I RISULTATI DELLE INDAGINI ARPAV EFFETTUATE IL 20 MAGGIO. GALLERIA DI MALO: LAVORI AUTORIZZATI DA MIT, MIBAC E MINISTERO DELL’AMBIENTE NELL’AUTUNNO 2018

Notizia n. 825 del 23/05/2019

TURISMO: ASSESSORE REGIONALE RITIRA A MILANO IL PREMIO ASSEGNATO AL PORTALE VENETO

23/mag/2019 | Federico Caner L’assessore al turismo della Regione del Veneto ha ritirato, nel corso della cerimonia svoltasi ieri sera Milano nell’Auditorium dell’Università IULM, il premio speciale Best Portal Project Interactive Key Award, attributo al portale del turismo veneto, www.veneto.eu.

Notizia n. 822 del 23/05/2019

L’ULSS 1 DOLOMITI PORTA LE CURE PALLIATIVE NEI CENTRI SERVIZI ANZIANI. IL PROGETTO RICEVE UNA “MENZIONE SPECIALE” DAL PREMIO NAZIONALE “GERBERA D’ORO” NELL’AMBITO DELLA GIORNATA NAZIONALE DEL SOLLIEVO

23/mag/2019 | L’ULSS 1 DOLOMITI PORTA LE CURE PALLIATIVE NEI CENTRI SERVIZI ANZIANI. IL PROGETTO RICEVE UNA “MENZIONE SPECIALE” DAL PREMIO NAZIONALE “GERBERA D’ORO” NELL’AMBITO DELLA GIORNATA NAZIONALE DEL SOLLIEVO

Notizia n. 824 del 23/05/2019

56.a EDIZIONE DEL PREMIO LETTERARIO SETTEMBRINI: SCADE IL 9 LUGLIO IL TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLE OPERE

23/mag/2019 | assessore cultura Cristiano Corazzari bando della 56^ edizione del concorso letterario "Regione del Veneto - Leonilde e Arnaldo Settembrini, Mestre"

Notizia n. 823 del 23/05/2019

GIUNTA REGIONALE APPROVA IL PIANO 2019 PER LO SPORT: DISPONIBILI UN MILIONE E 850 MILA EURO PER INCENTIVARE LA PRATICA SPORTIVA E MIGLIORARE GLI IMPIANTI

23/mag/2019 | Cristiano Corazzari La Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore allo sport, ha approvato il piano esecutivo annuale 2019 che destina complessivamente 1 milione e 850 mila euro per l’attuazione delle politiche dedicate allo sport: 800.000 euro per interventi di promozione della pratica sportiva (spese correnti) e 1.050.000 euro per l’impiantistica (spesa in conto capitale).

TERRE E ROCCE DA SCAVO. CONTE: “IL “GOVERNO DEI TECNICI” BLOCCA UN IMPORTANTE PROVVEDIMENTO PER IL SETTORE”

Comunicato stampa N° 722 del 07/05/2013

(AVN) – Venezia, 7 maggio 2013

Dopo l’adozione della delibera regionale n.179 dello scorso febbraio, che dava indicazioni sulla gestione delle terre e rocce da scavo per quantitativi inferiori a 6 mila metri cubi, come previsto dalla normativa nazionale, la giunta veneta doveva approvare oggi una sua revisione per introdurre ulteriori semplificazioni e razionalizzazioni per il settore. Il provvedimento è stato invece rinviato perché in una delle ultime sedute, il governo dei tecnici guidato da Monti ha dato mandato all’Avvocatura Generale dello Stato di impugnare la deliberazione n. 179 innanzi alla Corte Costituzionale.

Lo ha reso noto l’assessore regionale all’ambiente Maurizio Conte al termine della odierna seduta di giunta, sottolineando come sia “oltremodo sconcertante il modo repentino con cui gli uffici statali hanno affrontato la questione, senza cercare alcun dialogo con l’Amministrazione Regionale. In questa fase sembra quasi che lo Stato sia più attento a bloccare che a dare risposte alle esigenze del territorio. Speriamo invece che il pronunciamento della Corte Costituzionale tenga conto che, con questo provvedimento, la Regione ha fornito agli operatori pubblici e privati una serie di indicazioni indispensabili per la corretta gestione delle terre e rocce da scavo nei cantieri di modeste dimensioni, solo ed esclusivamente in attesa della più volte enunciata, ma ad oggi non ancora emanata, regolamentazione statale”.

“La DGR n. 179 – ribadisce Conte - colma infatti temporaneamente un vuoto regolamentare rimasto nonostante l’emanazione del DM 161/2012 sulle terre e rocce da scavo. Vuoto normativo peraltro riconosciuto anche dal Capo della Segreteria tecnica del Ministero dell’Ambiente nell’ambito di una risposta ad uno specifico quesito formulato dall’Ordine dei geologi della Regione Umbria. Pertanto, la delibera regionale che oggi intendevamo integrare garantiva l’operatività e la correttezza della gestione di questi materiali alle numerose aziende del settore mantenendo rigorosi standard ambientali”.
 



Data ultimo aggiornamento: 07/05/2013

ambiente ed ecologia maurizio conte