Trecenta:
Chiesa Arcipretale di San Giorgio Martire



In località Pieve fu eretta nella prima metà del XII secolo la primitiva chiesa intitolata a San Giorgio.
L'accresciuta comunità, che viveva nelle terre adiacenti, sollecitò la costruzione di un nuovo tempio, inaugurato con rito solenne, il 23 giugno 1596, dall'allora vescovo di Ferrara mons. Giovanni Fontana.
Tuttavia, a meno di un secolo di distanza e per l'aumentata popolazione, si dovette erigere un nuovo edificio, l'attuale chiesa arcipretale.
Si tratta di un monumento complesso, che riprende lo stile dell'architettura rinascimentale-barocca di molte costruzioni ferraresi: l'interno è a croce latina, con tre navate e undici altari (1300 mq. di superficie).
 

Interno
Ingrandisci l'immagine


La facciata dell'architetto Vincenzo Santini (1708), a seguito dei gravi danni recati da una tromba d'aria, venne in parte rifatta nel 1760 su progetto del figlio Angelo.

Facciata
Ingrandisci l'immagine


Si presenta divisa in tre ordini, con cornici marcapiano, un imponente portale centrale con statue d'angeli sopra il timpano triangolare, due portali laterali sormontati da lunette, quattro nicchie entro le quali sono collocate le statue di San Rocco e San Sebastiano, San Giovanni Evangelista e San Carlo Borromeo.

Per chi entra in chiesa vanno visti, nella navata destra, il primo altare in legno dorato (sec.XVII), dedicato a San Carlo Borromeo ed il quarto, intitolato all'Epifania, per l'interessante pala con l'Adorazione dei Magi (1598) del pittore ferrarese Carlo Bononi (1569-1632), del quale sono presenti altre opere.

Altare di San Carlo Borromeo
sec. XVII seconda metà
ambito emiliano
legno dorato
cm 355 x 192 x 125
Ingrandisci l'immagine
 

Pala con l'Adorazione dei Magi
1598
Carlo Bononi detto il Bonone attr. (1569 - 1632)
olio su tela
cm 245 x 138
formato centinato
Ingrandisci l'immagine


Nella navata di sinistra, sul primo altare in legno marmorizzato (sec. XVIII), dedicato a Sant'Eurosia, si può ammirare la pala col Martirio della Santa; sul terzo altare la seicentesca pala della Madonna di Loreto con l'Angelo Custode e San Francesco d'Assisi (1669), entrambe di ambito emiliano.

Altare di Sant'Eurosia
sec. XVIII, 1778 ante
ambito emiliano
legno marmorizzato
cm 620 x 250 x 200
Ingrandisci l'immagine
 

Pala col Martirio di Sant'Eurosia
sec. XVIII seconda metà
ambito emiliano
olio su tela
cm 228 x 146.5
formato sagomato
Ingrandisci l'immagine


Pala della Madonna di Loreto con l'Angelo Custode e San Francesco d'Assisi
1669
ambito emiliano
olio su tela
cm 300 x 158
formato centinato
Ingrandisci l'immagine
 

L'altare maggiore è stato realizzato con diverse varietà di marmi da Ludovico Massari tra il 1806-07.

Altare Maggiore
1806-07
Ludovico Massari
marmi vari
cm 323 x 504 x 550
Ingrandisci l'immagine


La grande tela raffigurante San Giorgio e il drago (1790) del pittore Alberto Mucchiatti (1744-1828), sopra il coro, occupa buona parte dell'abside.

Pala con San Giorgio e il drago
1790
Alberto Mucchiatti (1744 - 1828)
olio su tela
cm 555 x 280
formato sagomato
Ingrandisci l'immagine


A conclusione del nostro viaggio, si consiglia una sosta davanti alle tele dei Santi Pietro e Paolo, apostoli, attribuite al già citato Carlo Bononi; alla tavola di Giuseppe Mazzuoli detto il Bastarolo (1536 ca.-1589) con Sant'Eligio vescovo in adorazione di Cristo crocifisso (sec.XVI) ed alla coppia di tele con le Sante Lucia e Agata (1728) di Giovan Francesco Braccioli (1699-1762).

Dipinto con San Pietro apostolo
secc. XVI - XVII
Carlo Bononi detto il Bonone attr. (1569 - 1632)
olio su tela
cm 213 x 75.5
formato sagomato
Ingrandisci l'immagine


Dipinto con San Paolo apostolo
secc. XVI - XVII
Carlo Bononi detto il Bonone attr. (1569 - 1632)
olio su tela
cm 213 x 75.5
formato sagomato
Ingrandisci l'immagine
 

Dipinto con Sant'Eligio vescovo in adorazione di Cristo crocifisso
sec. XVI
Giuseppe Mazzuoli detto il Bastarolo (1536 ca. - 1589)
olio su tavola
cm 218 x 114
formato rettangolare
Ingrandisci l'immagine
 

Dipinto con Santa Lucia
1728
Giovan Francesco Braccioli (1699 - 1762)
olio su tela
cm 218 x 76.5
formato sagomato
Ingrandisci l'immagine
 

Dipinto con Sant'Agata
1728
Giovan Francesco Braccioli (1699 - 1762)
olio su tela
cm 218 x 76.5
formato sagomato
Ingrandisci l'immagine


All'uscita, ormai quasi illeggibile, al centro della facciata, si trova l'affresco Lotta di San Giorgio col drago, eseguito nel 1935 dal pittore Anselmo Baldissera di Sermide.



Data ultimo aggiornamento: 18/08/2015

Percorsi


Siti tematici


Contenuto Html