Salara:
Chiesa Parrocchiale di San Valentino Martire


E' emblematico ricordare che sul territorio della Villa di Salara, corrispondente all'attuale comprensorio della parrocchia di S.Valentino, erano presenti ben quattro chiese: S. Andrea e S. Zenone a Veratica, S. Leo nella Villa di Salara e la chiesa della S. Croce, annessa al monastero agostiniano e poi benedettino (1476 post).
Le guerre (ad esempio nel 1343 quella contro Obizzo d'Este), le frequenti alluvioni e le pestilenze furono causa di una grave riduzione della popolazione di questa zona, in particolare a Veratica.
S. Leo fu l'unica a rimanere e ad essere descritta nelle visite pastorali, nel 1434 dal Beato Giovanni Tavelli da Tossignano e nel 1574 da mons. Maremonti, che la trova nominata col nuovo titolo "Eccl. Paroch. SS. rum Leonis et Valentini" di Salara.
La chiesa aveva tre altari, il battistero e il campanile e fu consacrata dal vescovo di Ferrara Giovanni Maria Fontana il 19 settembre 1610.
Per ulteriori notizie si rimanda agli interessanti e dettagliati inventari del rettore don Giovanni Battista Montini (1704) e a quello di don Antonio Astori (1717-18), conservati nell'archivio parrocchiale.
Ma già alla metà del '700 la parrocchia vide aumentare il numero dei propri fedeli (1333), perciò con la carità e l'aiuto di tutta la popolazione e su progetto e disegni ideati dal parroco don Antonio Garbellini si eressero un nuovo tempio e un nuovo campanile, per la costruzione dei quali occorsero quindici anni (1757-1772).
L'edificio subì nei secoli diversi interventi di restauro (da ricordare l'ultimo imponente del 1971), tuttavia l'impianto è rimasto quello settecentesco.

La facciata è divisa in modo armonioso dal cornicione e dalle lesene binate disposte su due ordini.

Facciata
Ingrandisci l'immagine


I tre portali hanno cornici sagomate come quelle delle due finestrelle laterali e del riquadro centrale; il timpano a dentelli è sormontato da acroteri.
Sulla destra della chiesa si trova il campanile con cella a bifore, timpani triangolari, tiburio ottagonale e cupolino a cipolla.

L'interno ha tre navate e cinque altari, con alcune pregevoli pale d'autore.
L'altare maggiore in marmi vari è opera di Benedetto Morelli (1770), mentre gli altari laterali di S. Anna e S. Maria Maddalena (1763-67), della B. V. del Rosario (1768-69) e di S. Valentino sono stati realizzati in legno marmorizzato dal ferrarese Giuseppe Facchinetti (1694-1777).

Interno
Ingrandisci l'immagine
 

Altare maggiore
1770
Benedetto Morelli
marmi vari
cm 222 x 450 x 90
Ingrandisci l'immagine
 

Altare della Madonna del Rosario
1768 - 69
Giovanni Benetti de Moretti
Giuseppe Facchinetti (1694-1777)
legno marmorizzato e dipinto
cm 680 x 360 x 100
Ingrandisci l'immagine

Da segnalare: la pala con S. Maria Maddalena e Sant'Anna (1768) di G.A.Ghedini (1707-91), il dipinto Madonna col Bambino, San Giuseppe e San Francesco di Paola (1735-37) di G. F. Braccioli (1699-1762), la pala seicentesca con la Crocifissione tra i Santi Valentino e Carlo Borromeo di Ercole Sarti (1593-1639 post), il grande quadro collocato nel coro con San Valentino che guarisce la figlia del giudice Asterio (1762) ed il ciclo di dipinti entro le dieci nicchie della navata centrale, opere del pittore bolognese G. C. Pedretti (1694-1778).

Pala con Santa Maria Maddalena e Sant'Anna
1768
Giuseppe Antonio Ghedini (1707-1791)
olio su tela
cm 230 x 156
formato sagomato
Ingrandisci l'immagine
 

Dipinto Madonna col Bambino, San Giuseppe e San Francesco di Paola
1735 - 37
Giovan Francesco Braccioli (1699 - 1762)
olio su tela
cm 192 x 137
formato rettangolare
Ingrandisci l'immagine
 

Dipinto Crocifissione tra i Santi Valentino e Carlo Borromeo
sec. XVII prima metà
Ercole Sarti detto il Muto di Ficarolo (1593 - 1639 post)
olio su tela
cm 240 x 160
formato centinato
Ingrandisci l'immagine
 

Dipinto con San Valentino che guarisce la figlia del giudice Asterio
1762
Giuseppe Carlo Pedretti (1694-1778)
olio su tela
cm 300 x 230
formato rettangolare
Ingrandisci l'immagine
 

Ciclo di dipinti murali con raffigurazione di santi
1763
Giuseppe Pedretti (1694 - 1778)
tempera su muro
Ingrandisci l'immagine



Data ultimo aggiornamento: 18/08/2015

Dalla A alla Z lista

  • Dalla A alla Z per la cultura dettaglio
Siti tematici
Contenuto Html

 



Data ultimo aggiornamento: 14/12/2012