Liberiamo le produzioni

14/05/2015



liberiamo le produzioni


La Regione e il Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia, in collaborazione con Unioncamere, Confindustria, Confcooperative e Salone d’Impresa, hanno avviato un progetto per incrementare il coinvolgimento del sistema produttivo veneto nel lavoro penitenziario, usufruendo delle agevolazioni previste dalla normativa nazionale.
Un’indagine, svolta negli istituti di pena della regione, sulle produzioni in cui sono attivi detenute e detenuti, ha evidenziato i benefici delle esperienze in essere, e i margini per un’ulteriore crescita quantitativa e qualitativa.
I risultati sono condensati nella pubblicazione presentata giovedì 14 maggio a Palazzo Balbi, a Venezia. Essa riporta, per ogni lavorazione in corso, i dati che interessano al potenziale committente: tipologie di beni prodotti e servizi forniti; know-how maturato; volumi produttivi; numero e qualifiche degli addetti; dimensioni e caratteristiche degli spazi; attrezzature impiegate e potenzialmente disponibili; commesse attuali; reti di rapporti nel territorio.
Il progetto mira a favorire nelle imprese una maggiore consapevolezza del vantaggio economico e sociale dell’impegno in questa direzione, d’intesa con la rete delle cooperative sociali che operano sul fronte dell’inclusione, del recupero e della formazione.

Scarica qui la pubblicazione “LIBERIAMO LE PRODUZIONI. Lavoro penitenziario nel Veneto: opportunità per le imprese” o sfogliala online qui
 



Data ultimo aggiornamento: 06/10/2015